VOTAMI

classifiche

venerdì 19 luglio 2013

Queste sono piccole Gocce di Vita

 Isaia 48:17  "Io sono il Signore, il tuo Dio, che ti insegna  per il tuo bene, che ti  guida per la via che devi seguire".





Gio; 7:38    Chi ha sete venga a me e beva. Chi crede in me, come dice la Scrittura:
fiumi d'acqua viva  sgorgheranno dal suo seno. 

                     Il  Viaggio...

video
_____________________________                                     

Presentazione e introduzione

Questo Blog ha per scopo, diffondere gli insegnamenti biblici con semplicità,come semplici e senza pretese ne sono gli autori.
Mentre il mondo trema davanti all'incertezza del domani, (Lc,21:26) “Gli uomini venendo meno per la paurosa aspettazione di quel che sarà per accadere al mondo; poiché le potenze de' cieli saranno scrollate”; noi attraverso l'investigazione delle scritture possiamo avere la certezza del tempo in cui viviamo e regolarizzare la nostra vita, se ancora non l'abbiamo fatto, mettendoci in sintonia con i progetti che Dio ha per ognuno di noi.
Ci scusiamo perché pur con la varietà degli argomenti, per analogia, vi saranno delle ripetizioni soprattutto di passi biblici. Vi ringraziamo per l'interessamento e vi auguriamo una buona lettura, sempre pronti ad ascoltarvi se vorrete interloquire con noi.

                                                       Gli autori.
                                                                                  


Perché la Bibbia!!


Se vogliamo saperne di più, di qualsiasi materia che ci interessi, andiamo a consultare un libro specifico di quella materia. Ed esistono professori specializzati, per poter approfondire l'argomento. Quando ci interessiamo a Dio, al nostro creatore, al fautore del nostro destino, a Colui che può o no darci una vita oltre la morte, e decidere se siamo oppure no, degni della vita eterna, andiamo dietro (come dicono le Scritture), a spiriti seduttori. 2° Tim,4:3 “Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito di udire si accumuleranno dottori secondo le proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole”
Dio ci ha dato una guida, avendo ispirato degli uomini consacrati a scriverla per noi, ci ha dato dei comandamenti scritti con il dito di Dio su tavole di pietra, perché rimanessero nel tempo (non deteriorabili). Ma molti di noi vanno dietro a spiriti seduttori non cercando la verità
Rom,1:25 “Essi, che hanno mutato, la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e servito la creatura invece del Creatore, che è benedetto in eterno”
2°Tim 3:16 “Ogni Srittura, ispirata da Dio è utile ad insegnare, a riprendere,a correggere a educare alla giustizia, affinché l'uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona” Allora ricerchiamo Dio, Lui ha un piano da realizzare per ognuno di noi, chiediamo a Lui di farci trovare la strada giusta, sicuri che opererà in noi. Non diamo per certo ogni cosa che ci viene insegnata o, ci è stata impartita fin dalla più tenera età; controlliamo bibbia alla mano se ciò che crediamo corrisponde a verità. La Bibbia sarà il nostro strumento di misura con il quale dobbiamo confrontarci. Quando Paolo dopo Tessalonica andò a predicare al popolo di Berea
At,17:11,12 “Ricevettero la Parola con ogni premura esaminando tutti i giorni le Scritture per vedere se le cose stavano così” Anche se siamo nati ed abbiamo vissuto la religione secondo tradizione, andiamo ad accertarci, ricerchiamo la verità.
Gal,1:8 “Quand'anche un angelo del cielo vi annunziasse un vangelo diverso, sia egli anatema”
Questo ci insegnano le Scritture ne va della nostra salvezza, non aspettiamo domani,
Giac,4:14 “Non sapete quel che avverrà domani! Che cos' è la vostra vita? Poiché siete un vapore che appare per un po' di tempo e poi svanisce” Ebr3:7 “Perciò, come dice lo Spirito Santo: “Oggi se udite la Sua voce, non indurite i vostri cuori”
Mat,16:26,27 “E che gioverà ad un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l'anima sua? Il Figliuol dell'uomo verrà nella gloria del Padre Suo, con i Suoi angeli, ed allora renderà a ciascuno secondo l'opera sua”

Nessuno può apprendere ciò che crede di sapere.

                                                         



 Ecumenismo

E' stata indetta una settimana di preghiera per “ l'Unità dei Cristiani”. Chiedere a Dio di renderci più umili, meno arroganti, più indulgenti verso i nostri fratelli in fede, che come noi, credendo di essere nel giusto, devono assuefarsi all'idea che la verità non è tutta in noi ma che può esserci al di là....

del nostro naso. Dovremmo partire da un proponimento “Vogliamo far parte del popolo di Dio” e come tali cercare di fare la Sua volontà in senso lato. Niente “se” e niente “ma”.
Quanti di noi è disposto a fare questo? Non devono esserci dottrine o credenze al di fuori della
“Parola di Dio” unica Unità di misura, controllare a questa luce se ciò in cui crediamo ne è in sintonia. Ognuno di noi è convinto di avere la verità assoluta; ma è proprio così? Forse dovremmo rimettere a posto, tutto ciò che ci ha fatto piacere cambiare nel corso degli anni, dei secoli; per quieto vivere, o perché, così fan tutti, o per desiderio di potere, abbiamo trasformato la Scrittura
a nostro uso e consumo senza domandarci se il vero, assoluto, propiziatore e dirigente e Titolare avesse dato la Sua approvazione. Se partiamo dalla Creazione ci accorgiamo da una attenta lettura; che nel principio erano stati creati i cieli e la terra (non è dato sapere quando). La terra era informe e vuota, così ci dice la Genesi, ma Dio pensò di renderla abitabile perché aveva un progetto del quale noi , ignari,ne facevamo parte; ed in 5 giorni (di 24 ore, poiché dice “fu sera poi fu mattina” per ogni giorno). Divise la terra dalle acque, fece produrre alla terra alberi e verdure, fece i luminari per separare il giorno dalla notte e così via, finché formo l'uomo, a Sua immagine e somiglianza, lo formò dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici, un alito vitale e l'uomo divenne un'anima vivente.(Gen,2:7); ( Eccl,12:9) (Is 2 :22) ;e li creò Maschio e Femmina ( non altri sessi intermedi) perché si moltiplicassero (Gen,2:24) “Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre, si unirà a sua moglie e saranno una stessa carne” Gen,1:31 “E Dio vide tutto quello che aveva fatto, ed ecco, era molto buono. Così fu sera , poi fu mattina: e fu il sesto giorno” Gen cap2:1-3Così furono compiti i cieli e la terra e tutto l'esercito loro. Il settimo giorno, Iddio compì l'opera che aveva fatta, e si riposò il settimo giorno da tutta l'opera che aveva fatta. E Dio benedisse il settimo giorno e lo santificò.” Dall'ebraico, Shabat, che significa riposo. Il sabato è il giorno del Signore. Lo ha santificato, cioè lo ha reso sacro; in Isaia, 58:13-14 “Se tu trattieni il piè per non violare il sabato facendo i tuoi affari nel mio santo giorno; se chiami il sabato una delizia, e venerabile ciò che è sacro all'Eterno, e se onori quel giorno anziché seguir le tue vie e fare i tuoi affari e discuter le tue cause, allora troverai la tua delizia nell' Eterno; io ti farò passare in cocchio sulle alture del paese, ti nutrirò dell'eredità di Giacobbe tuo padre, poiché la BOCCA DELL'ETERNO ha parlato”
Poi Dio diede a Mosè 10 comandamenti, di cui il sabato è il quarto, la legge, perché osservandoli non peccassimo. (Es,20; Deut,cap. 5;6)
Ebrei,10:23,24, “Riteniamo fermamente la confessione della nostra speranza, senza vacillare; perché fedele è Colui che ha fatto la promessa. E facciamo attenzione gli uni agli altri, per incitarci a carità e a buone opere,......esortandoci a vicenda; e tanto più, che vedete avvicinarsi il “GRAN GIORNO”


_____________________________________________________


 Dio parla a noi attraverso la Scrittura

Dio ha creato l'uomo per poter interloquire con lui; non perchè fossimo così distaccati, Dio nei cieli e l'uomo sulla terra. Nel principio non era così; ma l'uomo ha disobbedito al Padre nell'Eden per la sua smania di grandezza, per essere.....di più. Gen3:5, 6
“E il serpente disse alla donna:--No, non morrete affatto; ma Iddio sa che nel giorno che ne mangerete, gli occhi vostri si apriranno, e sarete come Dio, avendo la conoscenza del bene e del male.
E la donna vide che il frutto dell'albero era buono a mangiarsi, ch'era bello a vedere, e che l'albero era desiderabile per diventare intelligente;
prese del frutto, ne mangiò, e ne dette anche al suo marito che era con lei, ed egli ne mangiò”.
Sappiamo tutti che Dio poi li cacciò dall'Eden, ma aveva già pronto il piano della salvezza. Avrebbe mandato Suo Figlio, che si sarebbe immolato per salvare coloro che avrebbero creduto in Lui e sarebbero stati fedeli alla Sua volontà. Per questo ci ha donato due testamenti, il vecchio ed il nuovo. 2° Pt 1:21 “Nessuna profezia della Scrittura procede da vedute particolari; poiché non è dalla volontà dell'uomo che venne mai alcuna profezia, ma degli uomini hanno parlato da parte Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo”. Dio ci ha parlato attraverso la Bibbia insegnandoci tutto ciò che era per la nostra salvezza, perciò dobbiamo attenerci alla “Sola Scriptura” come Lui ci insegna. 1°Tim 4:1 “ Ma lo Spirito dice espressamente che nei tempi a venire alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, per l'ipocrisia di uomini che proferiranno menzogne” Dobbiamo ascoltare Dio e tornare ai Suoi insegnamenti.
Ebr 4 :16 “Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per essere soccorsi al momento opportuno”
Ef 4:4-5 “V'è un corpo unico ed un unico Spirito, come pure siete stati chiamati ad un'unica speranza,quella della vostra vocazione. V'è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un Dio unico e Padre di tutti; che è sopra tutti, fra tutti ed in tutti”
                                                                                                                       







Quanto è distante Dio da noi?

Stavo spippolando il cellulare quando ho letto “ Credito residuo”, ho cliccato di nuovo ed è venuta la scritta “riceverai un messaggio”,il cell. ha iniziato a vibrare, c'era già il messaggio. Automaticamente mi è venuto di pensare a Dio.
Quando preghiamo, immaginiamo che Dio abbia da pensare ad un infinità di persone e che non abbia tempo per noi. Chissà quando la nostra preghiera giungerà a Lui!
Dio non avrà mica una minore potenzialità di un gestore telefonico! Lui sa in anticipo ciò di cui abbiamo bisogno, e se è per il nostro bene, Lui interverrà. Siatene certi; abbiate fede. Se non vediamo risposta allora chiediamoci, quale è l'insegnamento di questo ritardo. Che cosa Dio vuol farci capire; quale lezione ne dobbiamo trarre.
Mt 6:8 “Poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate.”
Mt 7:7,8 “Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; picchiate e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve; chi cerca trova; e sarà aperto a chi picchia”.

                                                         




The Prayer

Oggi siamo presi da una vita così frenetica che non lascia neppure il tempo di riflettere. Spesso siamo addolorati per le innumerevoli prove, costretti, nostro malgrado, a sopportare Proprio per questo dobbiamo crearci un angolo di intimità da condividere con il nostro Signore. In Mat. 11:28 Gesù ci dice: “Venite a me voi tutti che siete travagliati ed aggravati e io vi darò riposo.”
Rivolgiamoci con fiducia , certi che Lui avrà cura di noi. La preghiera non deve essere un monologo, non dobbiamo sentirci soli, ma instaurare un rapporto,con il nostro interlocutore, Dio.
Matteo 6:6 “...ma tu quando preghi, entra nella tua cameretta, e chiusa la porta, prega il Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa”

Mar. 11:24 “tutte le cose che voi domanderete, pregando, crediate che le avete ricevute, e voi le otterrete... Occorre avere una comunione totale, arrendersi nelle sue braccia. Mat. 18:20 “ Poiché dovunque due o tre son radunati nel nome mio, quivi son io in mezzo a loro”.
Non dobbiamo ricorrere a intercessori perchè Dio è nostro Padre Giov.1:12 ”...ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto Gesù ha dato il diritto di diventare figliuoli di Dio”

Ebrei 11:6” or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che è il rimuneratore di quelli che lo cercano”
Dice ( E.G. White): “La preghiera è, nella mano della fede, la chiave che apre i tesori del cielo, dove sono racchiuse le infinite risorse dell'onnipotenza”
La preghiera apre le porte del cielo e libera la potenza di Dio.
Dio non ci ha promesso di isolarci dai guai, ma ci ha promesso di proteggerci quando ci siamo in mezzo(spiega Billy Graham)
Deu: 4:29 “Cercherai l' Eterno , il tuo Dio; e lo troverai, se lo cercherai con tutto il tuo cuore e con tutta l'anima tua”

Sal.34:19” Molte sono le afflizioni del giusto; ma l'Eterno lo libera da tutte"

Matteo,3:10 “Sta scritto: Adora il Signore Iddio tuo ed a Lui solo rendi il culto”
1°Tim,2:5,6 “Poiché v'è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, il quale diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti”Gli apostoli chiesero a Gesù: “Insegnaci a pregare”/ La preghiera è importante nella nostra vita, per esprimere i nostri sentimenti verso il Creatore di ogni bene. E' uno scudo dalle insidie di Satana. E' il sospiro dell'anima. Gesù pregava molto e digiunava , allontanandosi dalla folla, andava nelle zone deserte per poter stare in diretta comunione con il Padre .(Mc,1:12, 35; Mt,4:1) nel Getsemani, Mt,26:36-42.

Nella preghiera apriamo la nostra anima affinché Dio entri e ne prenda possesso. La preghiera non deve essere preconfezionata come la merce del supermercato, già pronta in scatola; Deve essere la, personale, sincera, espressione, del nostro io.

1°Tes. 5:17 “Siate sempre allegri; non cessate mai di pregare; in ogni cosa rendete grazie/
Gv,16:24 “Fino ad ora non avete mai chiesto nulla nel nome mio; chiedete e riceverete, affinché la vostra allegrezza sia completa”/dice Gesù/
Gv,4:14 “Se chiederete qualcosa nel mio nome, Io la farò”
Mc,9:24 “Ogni cosa è possibile a chi crede”
Ebrei,4:16 “Accostiamoci dunque con piena fiducia, al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per esser soccorsi al momento opportuno”.
                                                                            


Pregare - Adorare
Nella Scrittura troviamo molto spesso l'invito a pregare: LC,21:36 “Vegliate, pregando in ogni tempo”
1°Tss,5:17 “Non cessate mai di pregare”
Gc,5:16 “Pregate gli uni per gli altri” ma altrettanto troviamo l'invito ad adorare, per cui mi sono domandata: “So io adorare? Che cosa significa veramente? Quale la differenza tra pregare ed adorare?”
La preghiera è sottomissione, ma anche richiesta ; per la salute, per le persone care, o per qualsiasi problema personale o sociale; è richiesta di aiuto, e la Scrittura ci dice che se fatta con fede il Padre Celeste la esaudirà. A chi va rivolta la preghiera? Sempre nella scrittura Gesù ci insegna che va rivolta a Dio Padre, nel nome di Gesù. Lui è il nostro mediatore presso il Padre.
In Gv 16:23 “In verità, in verità vi dico, che quel che chiederete al Padre, Egli ve la darà nel nome mio” L'Adorazione; dal Dizionario G. Devoto e G.C.Oli, si legge:
Atto esteriore ed interiore di chi adora la divinità estesa. Riverenza grandissima associata ad un senso di spontanea ed illimitata dedizione. “Adorazione dei Cardinali: l'atto genuflessorio dei cardinali al neo eletto papa”
Adorazione=insieme di atti di culto, con i quali si manifesta venerazione verso la divinità”
Deut,6:4,5 “L'Eterno, l'Iddio nostro, è l'unico Eterno, tu amerai dunque l'Eterno il tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima tua e con tutte le tue forze” Lc,4:8 “E Gesù rispondendo gli disse: “Sta scritto: adora il Signore Iddio tuo, ed a Lui solo rendi il tuo culto”
Ap,14:7 “Temete Iddio e dategli gloria, poiché l'ora del Suo giudizio è venuta; e adorate Colui che ha fatto il cielo e la terra e il mare e le fonti delle acque”
Ap,19:9-10 “E l'angelo mi disse: Scrivi: Beati quelli che sono invitati alla cena delle nozze dell'Agnello. E mi disse: Queste sono le veraci parole di Dio. E io mi prostrai ai suoi piedi per adorarlo. Ed egli mi disse: Guardati dal farlo; io sono tuo conservo e dei tuoi fratelli che serbano la testimonianza di Gesù; adora Iddio!
Perché la testimonianza di Gesù è lo spirito della profezia”. La scena si ripete in Ap,22:8,9 “E io Giovanni, son quello che udii e vidi queste cose. E quando le ebbi udite e vedute, mi prostrai per adorare ai piedi dell'angelo che mi aveva mostrate queste cose. Ma egli mi disse: “Guardati dal farlo; io sono tuo conservo e dei tuoi fratelli, i profeti, e di quelli che serbano le parole di questo libro. Adora Iddio.”
Questi ultimi versetti ci fanno capire che l'adorazione o venerazione, come a qualcuno piace chiamarla deve essere rivolta soltanto a Dio, Lui è il nostro Padre celeste.
Non esiste alcuna creatura elevata a santità ,non per volontà dell'Eterno, ma, per dogma di fede in seguito ad una credenza popolare; di fronte alla quale ci dobbiamo genuflettere.
Il 1° novembre 1950 fu emesso il dogma di Maria assunta in cielo. Se fosse stata volontà di Dio,come è stato di Enoh e di Elia sarebbe stata traslata.


                                               
Per i meriti di Cristo



Siamo moltissimi che rivolgendoci al Padre in preghiera, terminiamo con la frase “ Tutto ciò te lo chiediamo per i meriti di Cristo Gesù”. Certamente perché non ci sentiamo degni,di presentarci al Padre in quanto uomini peccatori. Ricordo il professor Antonio Caracciolo, teologo e studioso di alta elevatura, quando fu pastore della chiesa di Firenze centro,considerò l'argomento così importante da dedicargli un culto sabatico. Ci fece notare, che benché Gesù ci avesse riportato alla condizione di “figli”, parlando agli apostoli, non ha mai pronunciato le parole Padre nostro” ma “Padre mio” ( Mat 7:21; 10:32; 16:17; 26:29; Gio 5:17; 8:42,49,54;10:37; 14:2,31; 15:1,8) e
Padre vostro” (Mar 11:25; Luc 6:36; Gio 6:36; Mat 10:29; 6:7,8; 5:45,48; 6:1,8)
Gesù è il nostro mediatore presso Dio, il nostro avvocato,i cui meriti, acquisiti nella Sua vita e nella Sua morte sulla croce, ci danno accesso presso suo Padre, divenuto, Padre nostro.
La signora White, persona di elevata cultura biblica e scrupolosa osservante della Parola, presente alla delusione del 1844,ha avuto da Dio insegnamenti e visioni per guidare la chiesa del rimanente, negli ultimi tempi della storia. I suoi scritti esaltano Dio e la Sua Parola, spiegando di essa le cose che potrebbero rimanere celate evidenziando tutte quelle cose che potrebbero rimanere inosservate,o trascurate. Nel suo libro “La Speranza dell'uomo” è molto chiara a riguardo pag 476, [“Chi ha veduto me, ha veduto il Padre; come mai tu dici: mostraci il Padre?” Gesù non ha cessato di essere Dio quando si è fatto uomo. Sebbene si sia umiliato nell'umanità ha mantenuto sempre la natura divina] Pag 477[ Gio 16:24, Egli disse loro: Fino ad ora non avete chiesto nulla nel nome mio” disse loro che avrebbero potuto ricevere, chiedendo, potenza e grazia -nel Suo nome. Accanto al Padre avrebbe domandato in nome loro, presentando la richiesta del più umile supplicante come un Suo desiderio. Ogni preghiera sincera viene udita nel cielo; e anche se imperfettamente espressa, ma detta col cuore, sale fino al Santuario dove Gesù officia. Egli la presenterà immancabilmente al Padre, bella e profumata dall'incenso della perfezione....E quel che chiederete nel mio nome, lo farò; affinché il Padre sia glorificato nel Figliuolo, Se chiederete qualche cosa nel mio nome Io la farò” Pag 478Gesù ha invitato i discepoli a pregare nel Suo nome. Essi possono presentarsi a Dio nel nome di Cristo; acquistano valore agli occhi del Signore per merito del sacrificio compiuto in loro favore. Sono preziosi perché è stata imputata loro la giustizia di Gesù. Per amore di Cristo, il Signore perdona coloro che lo temono: non scorge in loro lo stato abbietto del peccato, ma riconosce la somiglianza col Suo Figliuolo nel quale hanno creduto.
Il Signore non vuole che il Suo popolo si stimi poco; Egli desidera che i Suoi figli si valutino in base al prezzo con cui sono stati riscattati. Egli li tiene in gran conto ed è lieto per le loro preghiere che esaudisce a lode del Suo nome]
Non è Dio nel Suo grande amore che ha bisogno del Figlio intercessore, ma noi peccatori, abbiamo bisogno di chiedere soltanto ed esclusivamente, attraverso il sacrificio del Cristo, in virtù del Suo preziosissimo sangue sparso per noi sulla croce.

                                                                                     
 
DIO E' AMORE

E' possibile immaginare quanto è grande l' amore che Dio ha per noi ? Per te? Il sacrificio del Suo unigenito figlio ne è la conferma. Dice Gesù in Gio;16:27 “ Non vi dico che io pregherò il Padre per voi; poichè il Padre stesso vi ama"Se Dio è Amore, perchè molti, troppi imputano a Lui, tutto il male che avviene nel mondo?
Leggiamo in Gen; 2:15 “ L' Eterno Iddio prese dunque l'uomo. E lo pose nel giardino d' Eden perchè lo lavorasse e lo custodisse”.
Non è stato proprio così, persone senza scrupoli, avide di denaro, per il proprio tornaconto, hanno provocato al pianeta , ferite mortali: disboscamento, desertificazione, e che dire dei pesticidi,dei prodotti O.G.M.? Per non parlare del nucleare.
Abbiamo avuto la cura del buon padre di famiglia nel custodire ciò che Dio ci aveva affidato? Dove finiscono i rifiuti tossici?
Il Giappone dove ha scaricato il liquido radioattivo della centrale nucleare danneggiata dal terremoto?
 Il carburante delle navi danneggiate o affondate non è finito nel ventre dei pesci di cui ci cibiamo?
Le bombe nucleari che sono esplose al centro della terra o negli oceani, pensate siano stati integratori? Se chiamiamo il male con il suo proprio nome, ci rendiamo conto che l'orchestra è stata diretta dall' uomo; e lui solo ne è il responsabile;sia per quanto riguarda i disastri ecologici, che delle malattie di cui gran parte dell' umanità è afflitta.
Quanto dolore proviamo nel vedere i bambini afflitti da gravi patologie o malformazioni.!
Di chi è la colpa?
La scienza che dovrebbe essere al servizio dell'uomo, per aiutarlo nelle difficoltà (e buona parte lo è); diventa strumento di morte, se gestita da chi non si fa scrupolo.
 1° Cor; 3:19 “Perchè la sapienza di questo mondo è pazzia presso Dio”.
Dio ha lasciato l'uomo libero, ma di questa libertà non tutti ne hanno saputo fare buon uso. Dio soffre con noi per le innumerevoli prove che la vita ci riserva.; ma non dobbiamo dubitare del suo amore per noi.
In Isaia 49:15 ci dice: “ Una donna dimentica ella il bimbo che allatta, cessando di aver pietà del frutto delle sue viscere? Quand'anche le madri dimenticassero, io non dimenticherò te.”
Gio. 6:68,69/ “Signore, da chi andremmo noi? Tu hai parole di vita eterna! E noi abbiamo creduto e abbiamo conosciuto che tu sei il Santo di Dio”


 
                                                                           
 
 
L'uomo cerca Dio ma non lo riconosce

 
L' uomo sussurrò:” Dio parlami!”....ed un'allodola cantò.
Ma l'uomo non la sentì, allora l'uomo gridò: “Dio parlami!”
....ed il tuono rumoreggiò nel cielo. Ma l'uomo non lo ascoltò.
L'uomo si guardò intorno ed implorò: “ Dio, lascia che io ti veda!”
....ed una stella risplendette luminosa. Ma l'uomo non la vide.
Poi l'uomo disse:” Dio mostrami un miracolo!”....e nacque
una nuova vita . Ma l'uomo non se ne accorse. Infine l'uomo,
disperato, gridò:”Dio, toccami e fammi sapere che ci sei!”
Al che Dio si chinò e toccò l'uomo.... Ma l'uomo scacciò la farfalla
e si allontanò. Ritengo che questo sia uno splendido modo per
ricordare che Dio è sempreaccanto a noi, nelle piccole e semplici
cose che diamo per scontate....anche nella nostra era elettronica,
Così, aggiungerei ancora una cosa: l'uomo implorò:”Dio ho bisogno
del tuo aiuto!....ed arrivò una mail con buone notizie e parole di
incoraggiamento. Ma l'uomo la cancellò e continuò a piangere.
Non perdetevi una benedizione, soltanto perchè non viene presentata
come vorreste, Guardatevi invece intorno con consapevolezza e
scoprirete Dio in ogni cosa.


(James Tipton)
                                                         





Possiamo parlare con Dio?

Abbiamo scritto molte cose, per illustrare in modo corretto, un comportamento che sia il più possibile gradito al nostro Padre celeste; qual'è la sua volontà. Ogni genitore degno di questo nome indica ai propri figli la strada retta che devono prendere ed i comportamenti ai quali devono attenersi, Yahweh che è il Padre per eccellenza, servendosi dei profeti, e di uomini devoti, cl ha lasciato innumerevoli messaggi perché lo potessimo seguire e cercare di appartenergli, anche se non possiamo vederlo. Se però facciamo silenzio attorno a noi, se ci raccogliamo in preghiera e lo aspettiamo, sentiamo una voce dentro di noi che ci parla e ci dice: Figliuol mio, non essere in ansia, non preoccuparti più del necessario, Io ho vinto il mondo, se tu mi sei fedele e ricerchi il tuo Dio, Io ti sarò sempre accanto, ti aiuterò a sopportare le prove che la vita ti pone davanti; è dura a volte, ma uniti ce la faremo. Insieme riusciremo a vincere, Io ti sosterrò! Per la salvezza dell'anima tua, ho permesso che mio Figlio, il mio unigenito, prendesse forma umana, si umiliasse fino ad essere insultato, Lui che era il padrone dell'universo, ha umiliato se stesso fino all'ignominia della croce”
L'apostolo Paolo nella lettera ai Romani 5:7 “Perché a mala pena uno muore per un giusto: ma forse per un uomo dabbene qualcuno ardirebbe morire; ma Iddio mostra la grandezza del proprio amore per noi, in quanto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.”Lui è stato offerto per coloro che lo hanno insultato, per coloro che lo hanno trafitto, per i malfattori, i bugiardi, gli adulteri, i bestemmiatori. Si è offerto per tutti loro se ravvedendosi si pentono confessando le loro colpe. “Esiste un amore più grande? Posso amarvi più di così? Mi dirai “Io non sono di quelli!” Se Gesù si è donato per tutti costoro quanto più lo avrà fatto per te? L' amore fra due persone, per esistere, deve essere reciproco non può essere unilaterale. Amalo come Lui ama te e me; ricambia questo Suo amore, vedrai realizzarsi le Sue promesse. Non farti scrupolo degli altri ma anzi se se puoi coinvolgili, Mt10:32 “Chiunque mi avrà riconosciuto davanti agli uomini, Io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli”. Presto Gesù tornerà a prendere i Suoi, non vogliamo fare parte di questo stuolo di credenti? Restiamo uniti nella battaglia contro l'avversario. 1°Pt,5:6-8 “Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché Egli vi innalzi a suo tempo, gettando su Lui ogni vostra preoccupazione perché Egli ha cura di voi. Siate sobri, vegliate; il vostro avversario, il diavolo, va attorno come un leone ruggente cercando chi possa divorare. Resistetegli stando fermi nella fede, sapendo che le medesime sofferenze affliggono i vostri fratelli sparsi per il mondo” 2°Cor,11:14 “Perché anche Satana si traveste da angelo di luce”
Gal,1:4 “Grazia a voi e pace da Dio Padre e dal Signor nostro Gesù Cristo, Che ha dato se stesso per i nostri peccati al fin di strapparci al presente secolo malvagio.”
Giosué1:9 “Non te l'ho Io comandato? Sii forte e coraggioso; non ti spaventare e non ti sgomentare, perché il Signore, il tuo Dio, sarà con te dovunque andrai.”
                                                                                                   
 
Dal libro “Quando Dio sussurra il tuo nome” 
(Di Max Lucado)  

C'è l'eco di un sussurro: riesci a sentirlo?
Da qualche parte, tra le pagine di questo libro e quelle del tuo cuore, Dio sussurra il tuo nome. Trovi difficile crederlo? Immaginare che Colui che ha creato tutto tenga il tuo nome nel Suo cuore e sulle Sue labbra? Egli conosce il tuo nome! Incredibile vero? Il tuo nome scritto sulle mani di Dio.
Il tuo nome sulle labbra di Dio. Forse non ti è mai capitato di vederlo rispettato, e nemmeno ricordi quando l'hai sentito pronunciare con gentilezza. Allora ti sarà ancora più difficile credere che Dio conosca il tuo nome. Ascolta mentre sfogli le pagine. Sentirai il Padre.... sussurrare il tuo nome....cancellare i tuoi dubbi, il tuo dolore, la tua disperazione.
Leggi, dunque e continua a sperare, Dio ti conosce lungo il viaggio della vita

A pag 100:

Fede è avere fiducia in quello che gli occhi non possono vedere.

Gli occhi vedono il leone in cerca della preda
      La fede vede l'angelo di Daniele
Gli occhi vedono la tempesta
      La fede vede l'arcobaleno di Noè
Gli occhi vedono i giganti
      La fede vede la terra di Canaan

I tuoi occhi vedono i tuoi errori
      La tua fede vede il tuo Salvatore
I tuoi occhi vedono la tua colpa
      La tua fede vede il sangue di Cristo
I tuoi occhi vedono la tua tomba
      La tua fede vede una città il cui costruttore e creatore è Dio

Il potere di Dio è grande per quelli che credono

EF 1: 17-20
____________________________________________
Adora il Signore Dio tuo!
 

Appartenere al popolo di Dio, non è come appartenere ad un club sportivo, oppure appartenere ad un partito politico, ma significa appartenere, alla famiglia di Dio. Quando un bambino nasce, lo iniziamo ad educare, regolandogli le ore dei pasti; si abituerà al dolce suono della voce materna, e sarà tutto l'amore del quale sarà stato fatto oggetto, che lo aiuterà nella crescita. Mano a mano che cresce, gli insegneremo per il suo bene, quello che deve o non deve fare, perchè niente di male possa accadergli. Così è Dio con noi, non è legalismo ciò che ci insegna. 1°Tes,5:21 “Esaminate ogni cosa e ritenete il bene” Rom 8:28 “Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio” Dobbiamo amarlo, così come abbiamo amato da subito il nostro padre e la nostra madre; 1°Gio,4:19 “Noi lo amiamo perchè Egli ci ha amati per primo” 1°Pt,5:7 “Gettando su di Lui ogni vostra preoccupazione, perché Egli ha cura di voi”
Ogni cosa sarà per il nostro ammaestramento, anche le prove, le quali non vengono da Dio, (spesso dagli errori del nostro stile di vita); ma che Lui permette, perché da questi, impariamo.

Nei momenti di maggiore prova, Lui ci sarà vicino per darci la forza di superarla.
Le nostre preghiere non dovrebbero essere sempre e solo di richiesta, ma innanzi tutto di ringraziamenti e di lode a Dio, e dopo di richiesta. L'amore è reciproco, come un padre affettuoso Egli desidera essere amato. Cosa altrettanto importante non ama che ci siano liti, contese, gelosie tra i suoi figli, ma che si amino ed aiutino a vicenda, come Lui fa con noi.
Cerchiamo di vedere in Dio l'aspetto umano di un padre, non di un padrone, o di un giudice.
Ubbidiremo alle sue leggi solo per amore, quell'Amore grande che Lui ha avuto da sempre per noi.
La preghiera dovrebbe essere un momento di intimità, del rapporto padre-figlio, nella quale esternare i nostri dubbi, problemi, ma anche di amore, anche di silenzio, per ascoltare la Sua voce nella nostra anima. Un momento di tenerezza, di intenza, reciproca familiarità.

                                                                                                                


UNA LETTERA D'AMORE.

UNA LETTERA D'AMORE.

Per il suo compleanno, una principessa ricevette dal fidanzato un pesante pacchetto dall'insolita forma tondeggiante.
Impaziente per la curiosità, lo aprì e trovò una palla di cannone così, delusa e furiosa, scagliò a terra il nero proiettile di bronzo.
Cadendo l'involucro esteriore della palla si aprì e apparve una palla più piccola d'argento. 
La principessa la raccolse subito e rigirandola fra le mani, fece una leggera pressione sulla sua superficie. La sfera d'argento si aprì a sua volta ed apparve un astuccio d'oro.

Questa volta la principessa aprì l'astuccio con estrema facilità che all'interno, su una morbida coltre di velluto nero, spiccava un magnifico anello, tempestato di splendidi brillanti che facevano corona a due semplici parole: TI AMO.

Oggigiorno molta gente pensa: “La Bibbia non mi attira perché contiene troppe pagine austere e incomprensibili”. 
Chi fa lo sforzo di rompere il primo "involucro", leggendo con attenzione sostenuto dalla preghiera, scopre ogni volta nuove e sorprendenti bellezze e soprattutto, verrà presto colpito dalla chiarezza del messaggio divino inciso nella Bibbia: DIO TI AMA.




Per il suo compleanno, una principessa ricevette dal fidanzato un pesante pacchetto dall'insolita forma tondeggiante.
Impaziente per la cu
riosità, lo aprì e trovò una palla di cannone così, delusa e furiosa, scagliò a terra il nero proiettile di bronzo.
Cadendo l'involucro esteriore della palla si aprì e apparve una palla più piccola d'argento.
La principessa la raccolse subito e rigirandola fra le mani, fece una leggera pressione sulla sua superficie. La sfera d'argento si aprì a sua volta ed apparve un astuccio d'oro.

Questa volta la principessa aprì l'astuccio con estrema facilità che all'interno, su una morbida coltre di velluto nero, spiccava un magnifico anello, tempestato di splendidi brillanti che facevano corona a due semplici parole: TI AMO.

Oggigiorno molta gente pensa: “La Bibbia non mi attira perché contiene troppe pagine austere e incomprensibili”.
Chi fa lo sforzo di rompere il primo "involucro", leggendo con attenzione sostenuto dalla preghiera, scopre ogni volta nuove e sorprendenti bellezze e soprattutto, verrà presto colpito dalla chiarezza del messaggio divino inciso nella Bibbia: DIO TI AMA.
                                                                    (Da Dio tre volte santo)
                                                     
Il buon Pastore bussa alla porta del tuo cuore



In Apocalisse Gesù ci dice: “Ecco, io sto alla porta e picchio; se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui, e cenerò con lui ed egli con me.”
E' Gesù che viene a cercarci,proviamo a fare silenzio; c'è troppo frastuono intorno a noi, rischiamo di non sentire. Gesù non forza la porta, aspetta che sia tu ad aprire, se uno ode la mia voce ed apre la porta; entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me.
Il momento della cena,è importante perchè la famiglia si riunisce, ed avviene il resoconto della giornata trascorsa, condividiamo l e esperienze avute. Bello narrarle a Gesù nel tepore di un'unione familiare con Lui. Lui ci sa ascoltare, consigliare, stimolarci a fare meglio,consolarci per le cose negative subite; amarci. Basta saper fare un po' di silenzio, per poter ascoltare la Sua voce.
Max Lucado ha scritto vari libri significativi “Quando Dio sussurra il tuo nome”, “Fra le braccia del Pastore” (in questo) a pag 118 dice: “Gesù bussa gentilmente alla porta del nostro cuore aspettando di essere invitato ad entrare. Pochi sentono la Sua voce. Ancora meno sono quelli che aprono la porta.
Ma non confondiamo mai la nostra sordità con la Sua assenza. In mezzo alle fuggevoli promesse di piacere, infatti, c'è la promessa eterna della Sua presenza. [Io sono con voi tutti i giorni sino alla fine del mondo]”
Lui è il buon Pastore; conosce le sue pecore, una ad una, le conosce per nome .E' presente nelle nostre difficoltà, e soffre con noi per le nostre disgrazie. Il male è nel mondo da quando,al peccato, abbiamo aperto volontariamente la porta, l'umanità è responsabile. Dio ci è vicino in ogni nostra sofferenza, ci aiuta a sostenerla come fece Simone il Cireneo con la croce di Gesù.
1° Pie;5:7 “gettando su Lui ogni vostra sollecitudine perchè Egli ha cura di voi”.
Il nostro futuro è un'esistenza felice nella casa e nell'amore del Padre.
Gio; 14 :1-4 . “ Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del padre mio ci sono molte dimore; se no , vi avrei forse detto che vado a prepararvi un luogo?E quando sarò andato e v'avrò preparato un luogo, tornerò e v'accoglierò presso di me, affinchè dove son io, siate anche voi; e del dove io vò sapete anche la via.”
                                                                      



Comandamenti dati da Dio a Mosè sul Sinai

(302 parole) 

Deuteronomio 4:2: non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla; ma osserverete i comandamenti dell'Eterno Iddio vostro che io vi prescrivo.



Comandamenti insegnati dal catechismo
(55 parole)




                                                                                                              

REGOLE CAMBIATE; STESSO RISULTATO?

Se nel gioco del calcio, cambiassimo le regole,e per fare goal dovessimo mandare il pallone fuori porta!!! Sarebbe lo stesso risultato? Così è per la Parola di Dio, se cambiamo i Suoi comandamenti non ci sarà lo stesso risultato. E non si tratta di una partita, ma della nostra salvezza, E' in gioco la
vita eterna-Matt23:13,14 – Deu 4:2 “Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla, ma osserverete i comandamenti dell'Eterno Iddio vostro che io vi prescrivo”
  •  1° Comandamento è stato violato_
  •  2° Comandamento è stato soppresso-
  •  4° Comandamento è stato modificato-
  •  9° Comandamento è stato diviso in due per riottenere il n° 10
Rifletti!! Dio ha dato la Sua approvazione?




LA LEGGE VIOLATA

  • Il comandamento Es;20:1-3; Deu;5:6-21 “Io sono il Signore ,il tuo Dio,che ti ho fatto uscire dal paese d' Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avere altri dèi oltre a me.”     Mat 3:10 Gesù dice: "Sta scritto: Adora il Signore Iddio tuo ed a lui solo rendi il culto” Contrariamente al volere di Dio, gli uomini hanno sentito il bisogno di crearsi dei sostituti od intercessori. Nel libro di D. Visigalli  "In Grecia con S. Paolo", troviamo al cap: IDOLATRIA MODERNA :"La moderna religiosità elevando all' onore degli altari uomini e donne, ha disseminato il mondo, di milioni di semidei e di idoli, trasgredendo così il comandamento della legge di Dio che vieta perentoriamente la fabbricazione e il culto (di qualsiasi tipo) rivolto a statue e immagini": “Non farti scultura né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perchè io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso che...” Per non essere trasgressori si elimina questo comandamento?La bibbia afferma che solo Dio ,santifica, cioè è in grado di rendere e dichiarare qualcuno santo”/ Sulle immagini”sacre” : in Isaia 44:12-20 che spiega molto chiaramente il pensiero di Dio; per ragioni di tempo e di spazio non posso riportare ; ma consiglio vivamente di leggere.
  • PARLIAMO DEI SANTI o per meglio dire dei santificati: nella Scrittura sono chiamati santi tutti coloro che amano Dio, e osservano la sua legge. Ai Romani Paolo scrive; Rom;1:7 “...a quanti sono in Roma, amati da Dio, chiamati ad essere santi”---A quelli della chiesa di Corinto 1:2  "... ai santificati in Cristo Gesù, chiamati santi “--Ai Filippesi 1:1 “...a tutti i santi in Cristo Gesù che sono in Filippi”. Chiarito che non sono persone santificate da alcuno, ma chiamate ad essere sante.
  • VERITA' O PAGANESIMO?... Fra tutti i santi credo che un posto d'eccezione sia riservato a Padre Pio, al quale per adorarlo in modo migliore, gli è stata fatta addirittura una maschera di cera per immortalare il suo volto. Ma il primo posto per eccellenza, spetta a Maria madre di Gesù, pia donna,in quanto tale; una delle poche vergini, della discendenza di Davide; che Dio ha prescelto(non perchè fosse sua sposa) ma perchè donna semplice, devota; avrebbe potuto essere il fertile terreno nel quale il figlio di Dio,( sceso al livello umano); incarnato in Maria potesse nascere e crescere.


 Lungi da lei l'inorgoglirsi; ma anzi accettando passivamente il volere di Dio, trasmessole dall'angelo. Infatti... Lu,1:38 “E Maria disse all'angelo:”Ecco io son l'ancella del Signore; siami fatto secondo la tua parola” Maria appare poco nei vangeli, ed anche poco nella vita e predicazione di Gesù. In Mar;3:31-35 Quando Maria ed i fratelli, lo cercano; Gesù afferma con aria di distacco:“Chi è mia madre? Chi sono i miei fratelli? Chi fa la volontà del padre mio, mi è fratello, sorella e madre-”. La ritroviamo ai piedi della croce; non sappiamo se dopo la morte di Gesù, abbia seguito Giovanni ad Efeso, oppure sia rimasta a Gerusalemme. Dio non ha ritenuto importante farci sapere di lei, dove sia morta o dove sia sepolta. Era finito il suo ruolo.La chiesa cattolica invece l'ha santificata, fino al punto di chiamarla “ Madre di Dio” “Corredentrice”ed altri appellativi non idonei ad un essere umano. Ciò è blasfemo!!  Rom,1:25” Hanno mutato la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e servito la creatura invece del Creatore; che è benedetto in eterno” Da una credenza popolare Pio 12° il 1° nov. 1950 promulgò una bolla papale dichiarando l'ascensione di Maria in cielo. Quanti pregano l'unico vero Dio, e quanti la madonnina? E' possibile che Lui sia così lontano da non poter avere accesso a Lui con la preghiera?                  MATTEO18:20 “Quando due o tre persone sono riunite nel mio nome Io sarò in mezzo a loro”.


                                                                                 
     

IL 4° COMANDAMENTO

Avendo eliminato il 2° come nella catechesi, il 4° sarebbe : “Onora il padre e la madre...”che in realtà è invece il 5°. Il 4° comandamento recita: "Ricordati del giorno del sabato per santificarlo.
Lavora in 6 giorni e farai tutto il tuo lavoro, ma il 7° è giorno di riposo, sacro all'Eterno, che è l'Iddio tuo; non farai in esso lavoro alcuno, né tu, né il tuo figliuolo, né la tua figliuola, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né il forestiero ch'è dentro le tue porte, poiché in 6 giorni l'Eterno, fece i cieli e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e si riposò il 7° giorno; perciò l'Eterno ha benedetto il giorno del Sabato, e lo ha SANTIFICATO." Il sabato appartiene a Dio; ed è il memoriale della creazione. Non tutti sanno che la domenica, non è il 7°giorno, ma il 1° della settimana. Se andiamo a leggere nei vangeli, la morte e risurrezione di Gesù... Matteo 28/1 “Or nella notte del sabato, quando già albeggiava il 1° giorno della settimana, Maria Maddalena e l'altra Maria vennero a visitare il sepolcro...”- Mar;16;9 “Or Gesù, essendo risuscitato la mattina del 1° giorno della settimana” Lu; 24:1; dice delle donne che seguivano Gesù: “durante il sabato si riposarono secondo il comandamento; ma il 1° giorno della settimana, la mattina molto per tempo, esse si recarono al sepolcro...”
Gli apostoli hanno sempre osservato il sabato. Atti 13:14 “...e recatisi il sabato nella sinagoga...”
Atti;16:13/ 17:2 “ Paolo com'era sua consuetudine, entrò da loro, e per tre sabati, tenne loro ragionamenti tratti dalle scritture”
PERCHE' LA DOMENICA? Nel 2°; 3°;4° secolo, viene affiancata al sabato, e poi, piano, piano, introdotta e quindi in sostituzione del sabato.
La domenica era giorno dedicato al “dio sole” in inglese sunday.
La parola domenica deriva da “dies dominica” (giorno del Signore) in ricordo della risurrezione di Cristo_ La storia fa apparire la domenica: eredità legata al cristianesimo dai culti pagani._
Si attribuisce a Costantino questa sostituzione, che fu poi avvalorata dai vari concili; Arles (314) Nicea (325), Laodicea(364)---Per il cristiano sorge una domanda: E' preferibile ubbidire agli uomini anziché a Dio? . In Galati 6:7 “Non v'ingannate; non si può beffarsi di Dio; poiché quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà”
Il 9° COMANDAMENTO: dice “Non attestare il falso contro il tuo prossimo”
IL 10° COMANDAMENTO: Non concupire la casa del tuo prossimo, non concupire la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna che sia del tuo prossimo.(unico)
Una domanda è d'obbligo, si può manipolare così la legge di Dio?
Mat;19:17 "Se vuoi entrare nella VITA, osserva i comandamenti".


                                                                                 


Legge Mosaica o Decalogo?

Nella Bibbia”Legge” ha una molteplicità di aspetti tanto che viene chiamata con vocaboli diversi, per distinguerne i vari concetti. Gravi equivoci possono nascere dal non distinguere le differenze di significato. Torah = insegnamento, dottrina,l'intero codice delle leggi. Mievah = comandamento, ingiunzione; Mishpat = norma del diritto; Eduth = testimonianza, specificamente il decalogo.
Chuqin = statuti, prescrizioni; Piqudin = ordini, precetti; Davar = parola, decreto, ordine.
Devarin = forma plurale di Davar, “le dieci parole” i dieci comandamenti; Es,20:1; 24:4,8; 34:27,28; Deut 4:19; 10:4. E' la legge morale, uguale per tutti gli uomini e valida in tutti i tempi, con valore assoluto e permanente. Questi comandamenti promanano da una Autorità che si pone al di sopra di ogni e qualsiasi autorità terrena . Mentre tutte le altre leggi sono attribuite a Mosé e sono state scritte su pelle animale e quindi deteriorabile, e soggette a scomparire; “Ombra di futuri beni” Ebr,10:1; il decalogo è stata ascritto a Dio, inciso su tavole di pietra che ne determina il valore permanente, Es, 24:12; 31:18. “ Quando l'Eterno ebbe finito di parlare con Mosé sul monte Sinai, gli dette le due tavole della testimonianza, tavole di pietra, incise col dito di Dio.”
Il libro contenente le leggi mosaiche furono affidate ai Leviti, (popolo sacerdotale) e custodite nel Santuario accanto all' “Arca del patto.” Le tavole dei Comandamenti furono conservate dentro
l' “ Arca del Patto”; la quale era il segno della presenza di Yahweh fra il Suo popolo. Es ,25:17-22;
vers 21: Dio dice a Mosè: E metterai il propiziatorio in alto, sopra l'Arca; e nell'Arca metterai la testimonianza che ti darò. Quivi Io mi incontrerò con te.....e ti comunicherò tutti gli ordini che avrò da darti per i figliuoli d'Israele” Deut,30:14-17; 28:1; 6:4-10; 5:22; 4:2,9. Da notare che nessun comandamento come il 4° è stato tanto evidenziato, da farne un capitolo esclusivo Es,31:12-18; “Legge del sabato”. Gesù riconfermò la legge morale, anzi la completò; Mt,5:17,21,22,27; Mc2:23-28; 7:8-13ecc.Gli apostoli dopo di Lui la confermarono; Paolo in Rom,2:12 “Non quelli che ascoltano la legge, saranno giustificati, ma coloro che la osservano.” Rom 3:31 “Annulliamo noi dunque la legge mediante la fede? Così non sia anzi stabiliamo la legge” Rom 13:8; Giac 2:10,11;
1°Gio 2:3,4; 1° Gio, 3:4 “Chi fa peccato commette una violazione della legge; il peccato è la violazione della legge. In Apoc,12:17 caratterizza la chiesa del rimanente che “serba i comandamenti di Dio” e nel cap14:12 “I santi che osservano i comandamenti di Dio” Rom 6:22,23 .
La legge del decalogo è stata da Dio perché l'uomo vivesse una vita di pace, amore e tranquillità, gli ha dato questo sabato perché per 24 ore si dimenticasse le preoccupazioni di ogni giorno, per recuperare il suo equilibrio psicofisico stando vicino a Dio e se possibile alla natura.
Matteo, 6: 22,23 “ La lampada del corpo è l'occhio. Se dunque l'occhio tuo è sano, tutto il tuo corpo sarà illuminato; ma se l'occhio tuo è viziato, tutto il tuo corpo sarà nelle tenebre. Se dunque la luce che è in te è tenebre, esse tenebre quanto grandi saranno!” 

                                                                 

Sotto la legge , sotto la grazia, o entrambe?
 

Sal139:23,24 “Investigami o Dio, e conosci il mio cuore. Provami e conosci i miei pensieri se vi è in me qualche via iniqua, e guidami per la via eterna”

Ci siamo intrattenuti più volte sull'osservanza della legge, ma non tutti i punti sono chiari.

I comandamenti sono -10- ognuno di pari importanza per noi. Cercheremo di far parlare la Parola:

Giac,2:10 “Poiché chiunque avrà osservato tutta la legge, e avrà fallito in un sol punto, si rende colpevole su tutti i punti. Poiché Colui che ha detto : “Non commettere adulterio, ha detto anche non uccidere”

Gio,2:3-6 “E da questo sappiamo che l'abbiamo conosciuto: se osserviamo i suoi comandamenti. Chi dice: “Io l'ho conosciuto e non osserva i Suoi comandamenti è bugiardo e la verità non è in lui” Alcuni osservano che i fratelli di varie denominazioni evangeliche, che studiano con fervore le Scritture non osservano la legge in toto. Non sicuramente il 4° comandamento.

I primi quattro comandamenti della legge, riguardano il nostro rapporto con Dio.

In questi sta l'appello di Apo,14:7 “TEMETE Iddio e dategli gloria, poiché l'ora del Suo giudizio è venuta; e ADORATE Colui che ha fatto il cielo e la terra e il mare e le fonti delle acque”

In che cosa lo possiamo onorare e glorificare se non osservando le Sue leggi dalle quali l'avversario (Satana) ci vuole distogliere?

Il 2° comandamento riguarda gli idoli (dilaganti nella comunità cattolica)

Il 4° è l'osservanza del giorno del Signore, trasferito alla domenica.

Ai nostri interrogativi, viene data la risposta che siamo salvati per grazia e non abbiamo più l'obbligo di osservare la legge. Ma non è così!!!

Rom,2:13 “Poiché non quelli che ascoltano la legge sono giusti davanti a Dio, ma quelli che l'osservano saranno giustificati.”

Rom,3:23,24 “Poiché non v'è distinzione, difatti, tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, e son giustificati gratuitamente per la Sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù; il quale Iddio ha prestabilito come propiziazione mediante la fede nel sangue di Lui”
1°Gio1:9 “Se diciamo d'esser senza peccato, inganniamo noi stessi, e la verità non è in noi. Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità” Non perché siamo stati graziati, possiamo continuare a comportarci allo stesso modo, tanto c'è la “Grazia” che ti salva. Gesù all'adultera disse: “Va e non peccare più”
Tito,2:11,12 “ Infatti la grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata e ci insegna a
rinunciare all'empietà e alle passioni mondane, per vivere in questo mondo moderatamente, giustamente e in modo santo”
 
Ap,14:12 “Qui è la costanza dei santi che osservano la legge di Dio e la fede in Gesù” Non possiamo non ricordare queste parole di Gesù, che sono chiarissime riguardo alla legge
 
Mat,5:17-20 “Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire, ma per completare. Poiché in verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice passerà della legge senza che tutto sia adempiuto. Chi dunque avrà violato uno di questi minimi comandamenti e avrà così insegnato agli uomini, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli; ma chi li avrà messi in pratica e insegnati sarà chiamato grande nel regno dei cieli”.
 
Chiediamo al Signore che ci indichi sempre la via da percorrere
La grazia di Dio Padre e del Signore Gesù sia con tutti noi!

                                                          

 

Il maestro giusto

C'era una volta un cane, che non sapeva abbaiare
andò da un lupo per farselo spiegare,
ma il lupo gli rispose con un tale ululato
che lo fece scappare spaventato.
Andò da un gatto, andò da un cavallo,
e mi vergogno a dirlo, perfino da un pappagallo.
Imparò dalle rane a gracidare, dal bove a muggire,
dall'asino a ragliare, dal topo a squittire,
dalla pecora a fare<<bè,bè>>,
dalle galline a fare coccodé.
Imparò tante cose, però non era affatto soddisfatto
e sempre si domandava (magari con un <<quà,quà>>...)
Che cos'è che non và?
Qualcuno gli risponda, se lo sa.
Forse era matto?
O forse non sapeva scegliere il maestro adatto?

Gianni Rodari

Questa poesia di Rodari ha una morale; ed è stata per me punto di riflessione. Per quel cane era importantissimo saper abbaiare; è attraverso la voce che si può gridare aiuto in momento di pericolo, si può manifestare angoscia, amore, parole di conforto o di incoraggiamento. Dal tono della voce, più o meno dolce, si possono comprendere gli stati d'animo, i sentimenti, trasmettere valori.
Si può lodare e ringraziare il Signore per i doni e le benedizioni ricevute.
Anche Dio si rivela a noi con la Parola.
Quel cane, invece di abbaiare gracidava, o, ragliava, comportandosi in conseguenza a ciò che gli era stato insegnato. Anche i nostri comportamenti dipenderanno da ciò che abbiamo ricevuto, perciò, domandiamoci: siamo stati dal maestro giusto?
Abbiamo avuto il maestro adatto?
2Tim,4:3 Infatti verrà il tempo che non sopporteranno più la sana dottrina, ma, per prurito di udire, si cercheranno maestri in gran numero secondo le proprie voglie, e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole
                                                               

 
I giorni perduti

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernest Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva da una porticina secondaria del muro di cinta e caricava la cassa su di un camion. Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito. Allora lo inseguì in auto. E il camion fece una lunga strada, fino all'estrema periferia della città, fermandosi sul ciglio di un vallone. Kazirra scese dall'auto e andò a vedere.

Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel dirupo che era colmo di migliaia e migliaia di altre casse uguali. Si avvicinò all'uomo e gli chiese: “ Ti ho visto

portar fuori quella cassa dal mio parco. Cosa c'era dentro? E cosa sono tutte queste casse?”

Quello lo guardò e sorrise: “Ne ho ancora sul camion, da buttare. Non sai? Sono i giorni.”

Che giorni?”----- “I giorni tuoi.”----- “I miei giorni?”---- “I tuoi giorni perduti. I giorni che hai perso. Li aspettavi ,vero? Sono venuti. Che ne hai fatto? Guardali, intatti, ancora gonfi. E adesso?”

Kazirra guardò. Formavano un mucchio immenso.

Scese giù per la scarpata e ne aprì uno.

C'era dentro una strada d'autunno, e in fondo Graziella, la sua fidanzata, che se ne andava per sempre. E lui neppure la chiamava.

Né aprì un secondo, e c'era dentro una camera d'ospedale, e sul letto suo fratello Giosuè che stava male e lo aspettava. Ma lui era in giro per affari.

Né aprì un terzo. Al cancelletto della vecchia misera casa stava Duk, il fedele mastino, che lo aspettava da due anni, ridotto pelle e ossa. E lui non si sognava di tornare. Si sentì prendere da una certa cosa qui, alla bocca dello stomaco. Lo scaricatore stava dritto sul ciglio del vallone, immobile come un giustiziere. “Signore!” gridò Kazirra , “ Mi ascolti. Lasci che mi porti via almeno questi tre giorni.... Almeno questi tre. Io sono ricco. Le darò tutto quello che vuole.”

Lo scaricatore fece un gesto con la destra, come per indicare un punto irraggiungibile, come per dire che era troppo tardi e che nessun rimedio era più possibile. Poi svanì nell'aria, e all'istante scomparve anche il gigantesco cumulo delle casse misteriose, E l'ombra della notte scendeva.

(da D. Buzzati, -I giorni perduti, in centottanta racconti,- Mondadori, Milano1982)

Come in ogni racconto, vi è la sua morale.
Inseguendo i propri sogni spesso non ci accorgiamo, di perdere le cose più importanti per noi.Se riuscissimo a soffermarci un attimo in questa vita così frenetica e dare uno sguardo al passato raffiorerebbero alla mente infinità di ricordi, gioie, sofferenze, errori commessi.
E' un tempo ormai perduto, non potremo più correggerli, cambiare il corso degli eventi; ma il passato può insegnarci a modificare il nostro modo di essere e di pensare, renderci migliori .
La saggezza non si acquisisce alla nascita, ma le esperienze, il proprio vissuto, sono insegnanti severi, che raggiungono lo scopo. Impegniamoci quindi a trarre profitto dalle lezioni che la vita ci offre. Non gettiamo via il passato, ma sia invece per il nostro ammaestramento.

Il futuro ci trovi saggi e irreprensibili; con la gioia nel cuore e la felicità in tutta la nostra anima.

      (Da:Vivi la vita)

Ogni giorno ti vengono consegnate 24 ore d'oro; sono tra le poche cose che, su questa terra, ti sono date gratuitamente. Se anche possedessi montagne di denaro, non potresti comprare neanche un'ora aggiuntiva. Che cosa farai con questo tesoro inestimabile?


                                                                                                        



Qual è la vera chiesa?

Una domanda ricorrente che mi viene posta è: “Ci sono molte denominazioni, come si fa a riconoscere qual'è la chiesa giusta?”
Premesso che non è l'appartenenza ad una chiesa, che ti dà la salvezza, ma il tuo rapporto con Dio, con il tuo Creatore;
Ap 3:20 “ Ecco, Io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, Io entrerò da lui e cenerò con lui, ed egli con me.”
Gesù aveva riunito un gruppo di discepoli, perché era, ed è giusto far parte di una comunità di credenti, che facciano conoscere la Parola di Dio, e si sostengano l'un l'altro, sospinti dallo Spirito Santo.  
La parola chiesa, dal greco, ecclesia, significa assemblea (riunione di persone).
Gesù ne è il capo, la chiesa è il corpo.
 In Mt,18:20, Gesù dice “Poiché dovunque due o tre, sono riuniti nel mio nome, quivi son io in mezzo a loro”
Ef. 22:23 “Ogni cosa Egli ha posta sotto ai piedi, e l'ha dato per capo supremo alla Chiesa che è il corpo di Lui.”
Col.1:18 “Or voi siete il corpo di Cristo e membra d'Esso, ciascuno per parte sua” (Ef 5:23; 1°Cor.12:27)
Altra analogia, viene fatta come se la chiesa fosse un edificio, in Ef.2:20,21 Paolo dice Essendo stati edificati sul fondamento degli apostoli e dei profeti, essendo Cristo Gesù stesso la Pietra Angolare sulla quale l'edificio intero, ben collegato insieme, si va innalzando per essere un tempio santo nel Signore”Di questo edificio, noi siamo le pietre necessarie al suo innalzamento 1° Pt.2:4,5 Accostandovi a Lui, pietra vivente, riprovata bensì dagli uomini ma innanzi a Dio eletta e preziosa, anche voi, come pietre viventi, siate edificati qual casa spirituale, per essere un sacerdozio santo....”
At.4:11,12 “Egli è la pietra che è stata da voi edificatori sprezzata, ed è divenuta la pietra angolare. E in nessun altro è la salvezza; poiché non v'è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad essere salvati”
La chiesa apostolica, voluta da Gesù, realizzata dagli apostoli e diretta dallo Spirito Santo; non conosceva gerarchia, la quale, invece fu istituita più tardi. Le comunità vivevano in autonomia, scegliendo i propri dirigenti, mettendosi al servizio gli uni degli altri. Avendo cura dei più deboli e dei più bisognosi. Far parte di una chiesa, non significa l'esservi iscritto come ad un Club sportivo. Oppure esservi per tradizione, per l'educazione ricevuta dai genitori. Deve essere una scelta personale, fatta in età della ragione, abbandonando il vecchio uomo per fare la volontà del Signore.
Osservando le Sue leggi,  Gio. 14:15 Se mi amate, osserverete i miei comandamenti”
Per far parte della chiesa di Dio, ognuno dovrà sperimentare il pentimento e la fede (conversione) suggellandoli con il battesimo per immersione. At.2:38 “Ravvedetevi e ciascun di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati. In materia di fede, prevale una sola autorità: la Bibbia, la sola Parola di Dio.

 
Una chiesa che aggiunge a questo credo, dottrine al di fuori del testo sacro, non può rappresentare la chiesa di Cristo (1°Tm3:15,16; Mc.7:7,8; Ap.22:18,19)

La chiesa deve essere fedele al mandato di Gesù. Mt.28:19,20 “Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre,e del Figliuolo e dello Spirito Santo, insegnando loro d'osservar tutte quante le cose che v'ho comandate. Ed ecco io sono con voi fino alla fine dell'età presente”
Tra le cose che Dio ci ha date da osservare, sono per eccellenza i Suoi Comandamenti che sono 10 e si trovano in Esodo 20 e in Deut.5:6-21; 6:4-10,25 Ap12:17,18;
Ap14:12”Qui è la costanza dei santi che osservano i comandamenti di Dio e la fede in Gesù” Vi è dunque una domanda che ciascuno deve porsi: Faccio io parte della chiesa di Gesù?; Faccio io parte della chiesa del rimanente? Sono ancora in tempo a ricercare la verità delle Scritture Ognuno è giudice di se stesso! Ro.2:13 “Non quelli che ascoltano la legge son giusti dinanzi a Dio, ma quelli che l'osservano saranno giustificati”
Mt.16:27 “Perché il Figliuol dell'uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, ed allora renderà a ciascuno secondo l'opera sua”.


                                                                                       


Ricerca della verità

La chiesa cattolica mi ha dato i primi insegnamenti della fede, con lei come tutti, penso, ho fatto i primi passi, perciò non provo verso di lei alcuna avversità; pur tuttavia quando ho conosciuto la bibbia, ed ho iniziato ad investigarla, mi sono accorta che la mia conoscenza di Dio, era molto superficiale.
Come uno studente che dopo aver fatto le medie, va alle superiori, ho imparato nuove cose, fondamentali per la mia vita spirituale, e cercando di verità in verità...2° Tim3:16,17 "Tutta la Scrittura è ispirata da Dio, utile ad insegnare, a riprendere, a correggere,a educare alla giustizia, affinchè l'uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona". La chiesa cattolica, nel tempo si è allontanata da quelli che erano gli insegnamenti biblici; fino a proibirne per un lungo tempo la lettura.
Osea 4:6 "Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza"
Mat 15:8,9;Mar,7:7- "Questo popolo mi onora con le labbra, ma il cuor loro è lontano da me. Invano mi rendono il loro culto, insegnando dottrine che son precetti d 'uomini."
Dio ci ha dato le sacre scritture, perchè fossero per il nostro ammaestramento:
1°Tim 2 :3-6 "Questo è buono e accettevole nel cospetto di Dio, nostro Salvatore, il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. Poichè v'è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù,uomo, il quale diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti".
In Zaccaria, 1:3 "Tornate a me, dice l' Eterno,e io tornerò a voi" Poi scende al nostro livello e ci dice in Isaia; 1:18 "Venite e discutiamo assieme, quando anche i vostri peccati fossero come lo scarlatto, diventeranno bianchi come la neve"
Dopo queste esortazioni di Dio, non vogliamo domandarci se siamo nel giusto? Anche se un cambiamento provocherà in noi fatica e perchè no, anche sofferenza.,desideriamo piacergli e fare la Sua volontà?
Facciamo quindi un passo indietro dalle nostre convinzioni, radicate in noi per anni e cerchiamo per quanto sia possibile, la verità.
                                                                                                           

 


Opera in noi la giustizia?


Tutti noi, ci sentiamo giusti davanti a Dio, obbedienti a ciò che ci è stato insegnato e perciò non riteniamo doveroso, fare un esame introspettivo di noi stessi, pensando che tutti gli altri siano nell'errore. Forse ci sentiamo così giusti da guardare gli altri con sufficienza. E' come quando entriamo nella doppia porta della banca, ed una voce ci fa tornare indietro per custodire gli oggetti di ...metallo (che non sai di avere) nell'apposita cassettina. Noi crediamo che Dio è buono, e facciamo bene a crederlo, ma è anche giusto.




Es 34:7 “Perdona il peccato, ma non terrà il colpevole per innocente” La parabola delle dieci vergini ci insegna che quando le cinque,(che non avevano l'olio di riserva) sono tornate indietro a rifornirsi, al loro ritorno hanno trovato la porta chiusa. Il nostro metro di misura con il quale dobbiamo confrontare il nostro stato di essere o di pensare, è solo e soltanto”la Parola di Dio” Gal 1:8 “Se anche un angelo del cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia egli anatema”Desideriamo essere salvati noi e i nostri cari? Accertiamoci che il nostro abito sia quello delle nozze (Mat22) Altrimenti saremo gettati fuori. Qualsiasi insegnamento abbiamo avuto (anche tra i più eccellenti) ;confrontiamolo se coincide con l'insegnamento biblico, potremmo essere nell'errore senza saperlo!!!
Attenzione !! Fil2:3 “Non facendo nulla per spirito di parte o per vanagloria, ma ciascun di voi, con umiltà, stimando altrui più di se stesso” 2° Cor; 5:10 “Affinché ciascuno riceva la retribuzione delle cose fatte quand'era nel corpo, secondo quello che avrà operato o bene o male”
                                                            
La verità vi farà liberi!

Crediamo di essere liberi, ma lo siamo veramente? Le dipendenze di qualsiasi genere, rendono schiave le persone; fumo, alcool, droga, gioco, sesso ecc... Difficile allontanarsene. Ci sono persone con forte personalità, che sottomettono altri, con carattere più docile. Persone che per maggior comunicabilità fanno apparire giuste cose totalmente errate, Vedi la politica.!!! Ognuno se la gira e stiracchia come vuole, e quanti li seguono!! Altrettanto è nell'amicizia; alcuni sottomettono altri, quanti fatti di cronaca anche tra i giovani, ed ancor più tra i giovanissimi. Ambizione di potere! Perché c'è tanta perversione nell'umanità? Questo può accadere anche nelle religioni, sembra impossibile , ma anche le confessioni religiose non ne sono immuni. Quante uccisioni in nome di Dio! Quante persecuzioni!

E' in nome di Allah e di Maometto che gli Islamici hanno ricominciato persecuzioni ed attentati. Guai a chi si converte al Cristianesimo! Ma anche il Cristianesimo a suo tempo si è reso colpevole di atti violenti e guerre. Le famose Crociate; i protestanti torturati e uccisi come eretici . E' nota la notte di S. Bartolomeo in Francia , lo sterminio degli Ugonotti. Ma anche nelle valli Valdesi, questi si riunivano di nascosto in luoghi sotterranei, con delle aperture per il ricambio dell'aria , da queste fecero passare delle torce accese e morirono soffocati. Cristiani di ideologie diverse! Lo sterminio degli Ebrei per etnia , ma furono accusati di deocidio, Perché l'uomo deve temere un altro essere suo pari? Perché tanta sofferenza? Perché l'uomo in realtà si è al lontanato da Dio, una falsa cristianità, l'autocompiacimento e la sopravvalutazione di se stesso, hanno fatto il resto.

In un divenire di riforme, nuove leggi e statuti, la chiesa di Roma ha abbandonato le pratiche del cristianesimo primitivo. Cambiando la legge di Dio , eliminando il 2° com. che proibisce le immagini, sostituendo la domenica al sabato (giorno del Signore), cambiando il giorno della Pasqua che secondo il calendario ebraico poteva cadere in un giorno qualsiasi, spostandolo alla domenica successiva. Con questo provvedimento il vescovo di Roma, Vittore ruppe con le chiese di Asia e le altre, che seguivano la data naturale.
Dalla famiglia al celibato: Il celibato dovrebbe essere una pratica volontaria .
Già dal 306 con il concilio di Elvira iniziò la 1° legge sul celibato dei sacerdoti, che pur sposati non potevano avere relazioni con le loro spose. Nicea, Calcedonia, Trento,
(1962-1965) Vaticano 2°, Confermata la legge sul celibato sacerdotale (legge di libertà)

Potere e libertà

Quando una religione assume il potere, diventa intollerante e persecutrice. I secoli di Gregorio 7° e di Innocenzo3° furono tra i più terribili della violenza ecclesiastica.

(Nella sola Siviglia in 40 anni sono state bruciate dall'Inquisizione 4000 persone).

Nel “Dictatus papae" di Gregorio 7° si legge (solo alcune frasi più significative)
“Solo il pontefice romano ha diritto di essere chiamato Universale”
“Il suo nome è unico al mondo”
“Il papa è l'unica persona a cui tutti i principi baciano i piedi”
“Solo il papa può usare le insegne imperiali”
“La chiesa romana non ha mai errato e come attesta la Scrittura (?), non potrà mai errare”
“Il papa non può essere giudicato da nessuno”


E' storia la diatriba tra l'imperatore Enrico 4° e papa Gregorio 7°, non senza conseguenze.
Fu l'avvio di un regime totalitario. La prima misura adottata, fu l'obbligo del celibato per tutti i sacerdoti fino ad arrivare alla Infallibilità papale”

(Concilio Vaticano1°-1870) Papa Pio 9° terrorizzato dalla Rivoluzione Francese cercò di trincerarsi con “L'autorità infallibile del papa” Fu un dogma mai smentito. Oggi la chiesa di Roma ha cambiato atteggiamento. Papa Francesco con umiltà si accattiva la simpatia anche degli atei e di tutti i peccatori anche dei gay, predicando che Dio è buono, perdona tutti e che ci ritroveremo tutti “ Lassù”. (parafrasando una frase di Gesù) “Venite a me voi tutti”
anche ai musulmani.

Dio è buono,sì, ma oltre ad essere un Dio d'amore è anche giusto perciò Lui stesso ci dice nella Parola, Che non terrà il colpevole per innocente.

Gesù ci ha lasciato una legge di libertà, a nessuno ha dato l'incarico di assolvere i peccati, perché è un compito di Dio. Gesù stesso ha detto non sono venuto per giudicare:

Gv,12 48 “la Parola che ho annunziata, è quella che lo giudicherà nell'ultimo giorno”

Cristo è il solo capo della Sua chiesa, il vicario di Cristo non può essere un uomo ma lo Spirito Santo. Rom,8:14 “Io ti darò le chiavi del Regno” significa: “Io ti do l'incarico di predicare l'evangelo, che aprirà le porte del Regno dei cieli a tutti coloro che ascolteranno”

Mt,23:13; Lc,11:52 “Guai a voi, dottori della legge, poiché avete tolta la chiave della scienza! Voi non vi entrate e non fate entrare coloro che lo vogliono”

Gv,8:32 “ Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; e conoscerete LA VERITA' E LA VERITA' VI FARA' LIBERI”.

                                                        

La Famiglia.

Quando due persone si amano profondamente, desiderano stare insieme per il maggior tempo possibile, dove c'è l'uno vorrebbe esserci insieme l'altro, non vorrebbero che il tempo che trascorrono insieme passasse così velocemente, il distacco è sempre spiacevole.
Decidono quindi di sposarsi, per non separarsi mai, per essere all'unisono, perché il loro amore sia completo. Dio ha istituito la famiglia perché sapeva che l'uomo non sarebbe stato felice da solo. Gen, 2:24; “Perciò l'uomo, lascerà suo padre e sua madre si unirà alla sua moglie e saranno una stessa carne” Gen,1:28 “E Dio li benedisse; e Dio disse loro:
(Crescete, e moltiplicate e riempite la terra e rendetevela soggetta)” Il dono della famiglia non può essere paragonato a nessun altro dono, perché l'essere umano ha bisogno del calore, della complicità, del sostegno della famiglia. Quando è piccolo per le primarie necessità, nel crescere per il bisogno morale, e materiale; per formare il suo sviluppo, mentale e psicologico, nel confrontarsi ed identificarsi; per raggiungere la sua personalità. Una famiglia di sani principi e di amore crescerà figli amorevoli ed equilibrati, dotati di sensibilità, pronti a formare nuove famiglie con gli stessi requisiti. I figli crescono e così come i loro genitori hanno fatto, volano via dal nido. Ma la famiglia resta! I genitori si sosterranno a vicenda nelle prove di cui la vita è prodiga, ed il loro amore cambierà tipologia, ma le varie vicissitudini, lo renderanno più forte. Avranno la gioia di aiutare all'occorrenza i propri figli, ed essere ricambiati a loro volta, il sostegno della famiglia in ogni momento è cosa imprescindibile. Quale felicità più grande aiutare i nipoti a crescere!
La famiglia può racchiudere tutti i suoi membri in un solo, poderoso, affettuoso, caldo abbraccio.
                                                        

UN BIMBO STAVA PER NASCERE E SI RIVOLSE AL SIGNORE....

Mi dicono che domani mi farai scendere sulla terra. Come potrò vivere così piccolo e indifeso?...Fra tanti angeli ne ho scelto uno per te. Lui ti proteggerà. – rispose Dio. E continuò: Il tuo angelo canterà per te parole dolci e tenere,con infinita pazienza e tenerezza ti insegnerà a parlare.Ma il bambino chiese con apprensione: Come potrò parlare ancora con te?Il tuo angelo unirà le tue manine e ti insegnerà a pregare. Rispose Dio con dolcezza infinita. Ho sentito dire che la terra è abitata da uomini cattivi… Chi mi difenderà? Chiese il bimbo preoccupato...Dio, guardandolo con tenerezza gli rispose: Il tuo angelo ti difenderà a costo della propria vita.Ma il mio cuore sarà sempre triste, Signore, perché non ti vedrò più! Disse il bimbo con molta tristezza…Il tuo angelo ti parlerà di me e ti indicherà il cammino per ritornare alla mia presenza; sappi, però, che io sarò ogni istante accanto a te!In quel momento si diffusero delle voci e dei rumori ed il bambino angosciato gridò a gran voce:Signore, sto scendendo verso la terra! Dimmi ancora una cosa: qual è il nome del mio angelo?E Dio sorridendo rispose: IL NOME NON IMPORTA TU LO CHIAMERAI MAMMA.

Parola del Signore; Efesini cap 5:22-33

La Vita Cristiana Nella Famiglia

Mogli siate soggette ai vostri mariti, come al Signore; poiché il marito è capo della moglie,come anche Cristo è capo della Chiesa e ha dato se stesso per lei.....
Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso
per lei, per santificarla dopo averla purificata lavandola con l'acqua della Parola,per farla comparire davanti a sé, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile. Allo stesso modo anche i mariti devono amare le loro mogli, come la loro propria persona. Chi ama sua moglie ama se stesso. Infatti nessuno ha mai odiato la propria persona, anzi la nutre e la cura teneramente, come anche Cristo fa per la chiesa, poiché siamo membra del suo corpo. " PERCIO' L'UOMO LASCERA' SUO PADRE E SUA MADRE E SI UNIRA' A SUA MOGLIE, E I DUE DIVERRANNO UNA CARNE SOLA"
Questo mistero è grande; dico questo riguardo a Cristo e alla Chiesa. Ma d'altronde, anche fra di voi, ciascuno individualmente ami sua moglie, come ama se stesso; e altresì la moglie rispetti il marito.
                                                                                 



Questo è Amore!!

Stavo seguendo mia nipote mentre studiava le scienze, la dislessia, e ci siamo addentrate nei meandri del cervello. La scienza benché abbia fatto conquiste importantissime, di alto livello, ha scoperto soltanto un' infinitesima parte delle potenzialità di questo importantissimo organo. L'addentrarsi nella conoscenza di queste cose è stato molto interessante. Le varie parti, le varie funzioni di ognuna. Quando un meccanismo , una parte, non riesce più a dare il massimo, ecco che se ne attiva un'altra perché si possa avere se non la stessa funzionalità un'altra che sia comparativa. Il corpo umano è meraviglioso, ed è dire poco. Quale mente sublime poteva creare tutto ciò,se non un Dio grande.
Altro che nascere dal caso! Altro che Big-Bang!!
Ogni parte del nostro corpo è un miracolo della natura, e la natura stessa lo è. Un piccolo seme nella terra, deve morire per dare origine ad un altra pianta, un nuovo seme ha vita da quello, germoglia e cresce e da dei bellissimi fiori, di stupendi colori e poi.... dà il suo frutto; tenero, succoso, dolce, saturo di proprietà nutrizionali, e bello anche da vedere.
Che dire delle farfalle, delle api che vanno a succhiare il nettare di quei fiori e volando da uno all'altro li impollinano così, fecondati, potranno dare i loro frutti.
Gen 1:27,28 “ Dio creò l'uomo a sua immagine;lo creò a immagine di Dio;li creò maschio e femmina. Dio li benedisse; e Dio disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi; riempite la terra”. E di ogni essere, umano, animale, e vegetale Dio creò due generi perché l'uno completasse l'altro nella fecondazione come nella vita.
Amatevi l'un l'altro, e sostenetevi l'un l'altro. Non fatevi sedurre da moderne e menzognere idee; il sesso è solo una componente dell'amore, non confondiamolo con l'amore stesso. Il vero amore dura tutta la vita e oltre. L'amore deve essere, sostegno, complicità ,stabilità comprensione e anche perché no, sopportazione. Dove uno manca, l'altro (o l'altra) ne sostituisce la mancanza. L'uno deve essere il completamento dell'altro, perché l'amore è anche questo, oltre alla gioia, al batticuore, al desiderio. Questo è ciò per cui siamo stati creati, in un modo spettacolare per tutto l'universo. Gli anni passano, l'euforia passa,i piccoli litigi passano, gli animi si acquietano ma l'amore resta, diverso ma più forte di prima. Quando lui (lei) si soffermerà nel cammino , diventato faticoso, tu l'aspetterai, le tue parole saranno il suo conforto ed il suo sostegno gli (o le) daranno la forza per proseguire.
Nell'amore non esiste più Io, ma noi. Desidererai che ti stia sempre a fianco, anche se non avrà più la vitalità di un tempo; e ti batterà il cuore....ogni volta che lo vedrai vacillare
Questo è AMORE!!


                                                                                              


Fornicazione

Abbiamo festeggiato da poco più di un mese il giorno dedicato alle donne, l' 8 marzo.
Donna!! In questo piccolo vocabolo, io intravedo un essere di grande dignità, una persona speciale, di grande umanesimo, altruismo, affabilità, disponibilità.
Dio la formò, secondo il racconto biblico,da una piccola parte del fianco dell'uomo, da una costola. E quando la mostrò ad Adamo, lui disse: <Questa finalmente, è ossa delle mie ossa, e carne della mia carne.> Ella sarà chiamata donna, perché è tratta dall'uomo. Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre, e si unirà alla sua moglie, e saranno una stessa carne. E l'uomo e sua moglie erano ambedue nudi e non ne avevano vergogna.”Gn 2:18-25
Dio non aveva creato due esseri asessuati, ma come aveva fornito loro, udito, olfatto, gusto,
tatto ecc...li dotò anche del sesso, questo,li avrebbe così uniti da essere una stessa carne. Questo era il progetto di Dio per l'umanità. Esseri diversi di aspetto, ma di pari dignità,
con diversi compiti ma complementari, l'una il sostegno dell'altro, la compensazione l'uno
dell'altra e viceversa. Ed il sesso all'interno della coppia come completamento di entrambi.
Così era nel principio secondo il progetto di Dio. Adamo ed Eva ebbero figli e figlie e le prime coppie furono formate da fratelli e sorelle; da loro sono nate le future generazioni,
famiglie patriarcali. Il non attenersi alle regole spesso porta alla dissolutezza; e così è accaduto con il passare del tempo. Siamo giunti “all'era del consumismo” in senso lato.
Coppie divise,famiglie allargate, figli psicologicamente sofferenti, che non hanno più la famiglia di riferimento. Troppo spesso oggetto dei litigi tra coniugi.
Il sesso dovrebbe essere l'espressione più profonda e più intima del sentimento di due persone che si amano, il completamento che sigilla il loro rapporto, per prima cosa affettivo.
Abbiamo detto, era del consumismo, ed anche il sesso ne è divenuto oggetto. Con le nuove tecnologie, ci troviamo, nostro malgrado, ad offerte di sesso sempre più pressanti sui P.C.
Moltissime pubblicità in TV ne fanno oggetto, anche la fiction più pudica !! E' questo l'insegnamento che diamo ai nostri figli? Domandiamoci dove stiamo andando, quale degradazione abbiamo raggiunto. Con la libertà sessuale raggiunta, il mondo è più felice?
C'è ancora la spensieratezza di una volta? Era bello sentire gli uomini fischiettare e le donne
assorte nelle faccende domestiche cantare, stornellare, anche se le condizioni economiche
non erano delle migliori. Gli stupri in aumento, ed a farne le spese... sono spesso bambine o poco più. Si assiste ad un allarmismo dilagante. Donne uccise perchè stanche di certi rapporti violenti. Che cosa è divenuta la donna? E' forse un elemento di possesso?
Il mio concetto di donna è ben lungi dall'essere un oggetto in mano del più forte, o colei che si offre al fidanzato di turno, dimostrando la sua debolezza.
La Donna, e la scrivo con la D. maiuscola, è colei che si concede al proprio marito, che lo ama ,corrisposta, lo sostiene, lo conforta nelle difficoltà, lo fa sentire unico, gli dona oltre al proprio corpo, tutta la sua vita giorno dopo giorno. Che sa sopportare i disagi e sostenere (anche se comporta sacrificio), la sua famiglia, che sa guidare i propri figli; che sa sorridere anche se ha dentro amarezza.
Ai giovani, ai ragazzi, consiglio, di aver rispetto delle ragazze, il rispetto che si ha per la propria sorella. Ed alle giovani, custodite il vostro corpo, non abbiate fretta di concedervi.
Non illudetevi, il sesso fine a se stesso non è amore, ma un surrogato.
1°Cor.6:18 “Fuggite la fornicazione. Ogni altro peccato che l'uomo commetta è fuori dal corpo, ma il fornicatore pecca contro il proprio corpo.”
1°Cor. 7:2-4 “Per evitare la fornicazione. Ogni uomo abbia la propria moglie, e ogni donna il proprio marito. Il marito renda alla moglie quel che le è dovuto;e lo stesso faccia la moglie verso il marito”
Prov31:10-31 Inizia con queste parole: “Una donna forte e virtuosa chi la troverà?Il suo pregio sorpassa di molto quello delle perle......la grazia è fallace e la bellezza è cosa vana; ma la donna che teme l'Eterno è quella che sarà lodata.Restituiamo al matrimonio,il suo giusto valore; la famiglia è il più grande dono che abbiamo ricevuto da Dio, ovviamente dopo quello del Suo preziosissimo Figlio.


                                                                           




Omosessualità; Pedofilia; Teoria del Gender




Omosessualità, un tempo parola poco nota alla maggior parte delle persone,in particolare tra i giovani.


Era una parola che rappresentava una eccezionalità, oggi divenuta invece di gran moda; non più quindi un eccezione ma quasi una normalità.


Mi chiedo dove stiamo andando, verso quale declino? Per combattere l'omofobia di alcuni, vogliamo farla divenire una regolarità?


La mala politica, questo dilagare di corruzione, le baby squillo, l'Italia segue a ruota altre nazioni come la Germania, la Francia, l'Inghilterra, per dirne alcune, che hanno addirittura legalizzato i matrimoni gay.


Il Pontefice Ratzinger, ha dato le dimissioni, cosa inaudita! Il capo della Chiesa Cattolica ha rinunciato al suo mandato; siamo rimasti tutti esterrefatti!!! Il mondo è divenuto ingovernabile! Si sarà sentito sopraffatto dal negativismo che lo circondava, si sarà sentito impotente. Dove ci porta tutto questo?


Queste persone possono essere dolci ed amorevoli ma la loro dissolutezza non può e non deve essere condivisa;dovremo avere per loro affetto, ma non complicità, rispetto come essere umano, ma non condivisione di comportamento. Sia nell'ambiente di lavoro ,che dallo Stato devono essere considerati in modo analogo agli altri, e non giudicati per il loro orientamento sessuale. Avere insomma i privilegi di tutti gli altri cittadini; ma non possiamo considerarli “il terzo sesso” questo non è accettabile dal nostro Creatore. Il matrimonio sarà sempre effettuato da un uomo ed una donna, ed i figli da adottare dovranno essere affidati ad un presunto padre ed una presunta madre.


Dio ama il peccatore ma odia il peccato.


Il sesso è un grande dono che Dio ha fatto all'uomo, ma si può vivere anche senza.


Notizie preoccupanti si susseguono.


Per ovviare a certe situazioni a dir poco imbarazzanti, altre addirittura tragiche, gli stati cercano con decisioni assurde di correre ai ripari


Dal Messaggero Avventista del 13/01/2014


Abc dell’uguaglianza
Giuseppe Marrazzo- In Francia, nel mese di gennaio, il ministro dell’Educazione Vincent Peillon e la ministra dei Diritti delle donne, Najat Vallaud-Belkacem,si sono recati in una scuola materna per spiegare ai bambini e alle bambine tra i 3 e i 6 anni che con le macchine o con le bambole possono giocare sia i bambini sia le bambine, se vogliono.Il governo di François Hollande ha così inaugurato il programma «Abcd dell’uguaglianza» contro gli stereotipi di genere, in modo che fin dalla tenera età si possano superare quei pregiudizi che sono alla base delle discriminazioni.
L’istituto familiare sembra essere entrato in difficoltà, ma per noi avventisti la famiglia cristiana non deve essere un problema, bensì la soluzione! È nel focolare domestico che siamo chiamati a sperimentare la gioia della condivisione e del perdono.
Mi viene in mente questa straordinaria affermazione: «Il cerchio familiare è un nucleo sacro, dove ognuno deve avere il suo ruolo, mettendo in pratica l’aiuto reciproco… Tutti devono impegnarsi a farsi del bene reciprocamente, incoraggiandosi, dimostrando gentilezza, spirito di perdono e pazienza» (E.G. White)
Anche l'Italia non è immune da questa barbara idiozia.
Dal giornale “La riscossa Cristiana” un articolo di Patrizia Stella
Si legge:

come se l’Italia non avesse problemi economici gravi e urgenti da affrontare (disoccupazione, casa, scuola, sanità, calamità varie, immigrazione, ecc.) il governo Letta ha stanziato ben 10 milioni di euro per impartire sin dalle scuole primarie la “teoria del gender”, una teoria demenziale e assurda, priva di fondamento scientifico e molto pericolosa perché, privando il ragazzo della sua identità sessuale, lo getta nella confusione più grande, che con molta facilità diventa poi disperazione a tal punto da indurlo al suicidio. Si tratta in pratica di un crimine contro l’umanità, fatto passare come progresso e imposto nelle scuole fin dalle primarie, ma in modo così subdolo che la gente non si rende abbastanza conto della sua gravità.
L’iniziativa è partita dalla massonica Unione europea che sta irrompendo nella nostra vita personale e privata, oltre che nella nostra Costituzione Nazionale in modo violento e dispotico con leggi inique e perverse contro l’uomo, accolta con applauso in Italia dall’ex ministro Fornero che è passata, assieme a Monti, come un tornado di calamità generale per tutta l’Italia. Come se questo non bastasse, è tornato alla ribalta un documento dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità (sezione Europa), l’OMS, “Standards for sexuality education in Europe”, finalizzato a fornire le linee guida per l’educazione sessuale dei bambini, programmi che incentivano le prime esperienze sessuali sin dai 4 anni, fornendo così l’alibi ai pedofili per dichiarare i bambini consenzienti e quindi “regolarizzare” anche questo loro criminale rapporto a norma di legge. A questo documento dell’OMS, elaborato nel 2010, fa riferimento la bozza di risoluzione dell’europarlamentare Edite Estrela dal titolo “Salute e diritti sessuali e riproduttivi”, bozza che di recente è stata rimandata dal Parlamento europeo alla Commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere.
L'articolo continua...Si vuole distruggere la famiglia, e mettere nella mente dei nostri ragazzi il dubbio di genere, non hanno già abbastanza problemi?
Non si può accettare che irrompano nella vita delle famiglie, ancor peggio, a loro insaputa. Vogliono rendere naturale la pedofilia, crimine contro l'umanità.
Dobbiamo fermare questa corruzione dilagante!
Alle nostre interlocuzioni ci rispondono e mettono in guardia come sempre le Scritture .
Gen 1:27,28 :E Dio creò l'uomo a Sua immagine ; e li creò maschio e femmina, e Dio li benedisse; e disse loro: “Crescete e moltiplicate e riempite la terra....”
2° Tes 4:3-5: Perché questa è la volontà di Dio: che vi santifichiate, che vi asteniate dalla fornicazione , che ciascun di voi sappia possedere il proprio corpo in santità ed onore, non dandosi a passioni di concupiscenza come fanno i pagani, i quali non conoscono IDDIO...”
1°Cor 6:9,10 :“ Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non vi illudete: né fornicatori né idolatri né adulteri, né effemminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriachi,né oltraggiatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio
Rom1:26-31:Perciò Iddio li ha abbandonati a passioni infami: infatti le loro donne hanno mutato l'uso naturale in quello che è contro natura; e similmente anche gli uomini lasciando l'uso naturale della donna, si sono infiammati della loro libidine, gli uni per gli altri commettendo uomini con uomini atti infami, ricevendo in loro stessi la meritata ricompensa del proprio traviamento.....”



Mat 24: 37- 40Come fu ai giorni di Noé, così sarà anche alla venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e si andava a marito, fino al giorno che Noé entrò nell'arca, e la gente non si accorse di nulla finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così sarà anche alla venuta del Figlio dell'uomo...”



Queste persone possono essere dolci ed amorevoli ma la loro dissolutezza non può e non deve essere condivisa;dovremo avere per loro affetto, ma non complicità, rispetto come essere umano, ma non condivisione di comportamento. Sia nell'ambiente di lavoro ,che dallo Stato devono essere considerati in modo analogo agli altri, e non giudicati per il loro orientamento sessuale. Avere insomma i privilegi di tutti gli altri cittadini; ma non possiamo considerarli “il terzo sesso” questo non è accettevole dal nostro Creatore. Il matrimonio sarà sempre effettuato da un uomo ed una donna, ed i figli da adottare dovranno essere affidati ad un presunto padre ed una presunta madre.


Dio ama il peccatore ma odia il peccato.


Il sesso è un grande dono che Dio ha fatto all'uomo, ma si può vivere anche senza.






                                                             

CORRUZIONE ESTREMA DEGLI ULTIMI TEMPI.
(Lettera di Paolo Apostolo a Timoteo)


Cap,3:1-5; “Or sappi questo, che negli ultimi giorni verranno dei tempi difficili; perchè gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, superbi, disubbidienti ai genitori, ingrati irreligiosi, bestemmiatori, senz'affezione naturale, mancatori di fede, calunniatori, intemperanti senza amore per il bene, spietati, traditori, amanti del piacere anziché di Dio, aventi le forme della pietà, ma avendone rinnegata la potenza... 3:14-17 Ma tu persevera nelle cose che hai imparate, e che fin da fanciullo hai avuto conoscenza degli Scritti Sacri, i quali possono renderti savio mediante la fede che è in Cristo Gesù. Ogni scrittura è ispirata da Dio e utile ad insegnare, a correggere, a educare alla giustizia, affinchè l'uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona.”
Stiamo attraversando uno dei momenti più critici della storia dell' umanità, in assoluto. La crisi è mondiale.
Senza voler essere pessimisti, ma analizzando ciò che ci accade intorno, possiamo rispecchiarci nel quadro profetico di cui Paolo ci parla.
La corruzione, è giunta ai massimi livelli in Italia, ma allargando lo sguardo nel resto del mondo.
Mal governo, diritti civili calpestati. Chi ha buone facoltà economiche può comprarsi tutto, in barba alla giustizia. Nel campo etico e morale, tutto è ammesso, non esistono più regole. Sappiamo però che dove non ci sono regole, regna l'anarchia. Persone inermi uccise per strada, addirittura stragi, Chissà per quale presunto ideale, si mettono bombe davanti ad una scuola per uccidere o deturpare ragazze desiderose solo di imparare a diventare sempre migliori e raggiungere sani obiettivi.
L'uomo si sente padrone del mondo,crede di poter fare tutto ciò che vuole.
I risultati però sono alla portata di tutti. Le catastrofi come quella dei terremoti così devastanti dovrebbero insegnarci qualcosa. Nel discorso profetico in Matteo 24, gli apostoli chiedono a Gesù,quale sarà il segno della Sua venuta e della fine dell' età presente. Gesù rispondendo disse loro, al ver.7:”Poichè si leverà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in vari luoghi;… Ver: 32;”Or imparate dal fico questa similitudine: quando già i suoi rami si fanno teneri e mettono le foglie, voi sapete che l'estate è vicina. Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli è vicino proprio alle porte... ver37: e come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del figliuol dell'uomo. Infatti come
nei giorni innanzi al diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, sino al giorno che Noè entrò nell'arca, e di nulla si avvide la gente, finchè venne il diluvio che portò via tutti quanti,così avverrà alla venuta del figliuol dell'uomo.” ver;13,14 Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato. E questo evangelo del Regno sarà predicato per tutto il mondo...allora verrà la fine.
La nostra consolazione è che Gesù sta per tornare a prenderci per riportarci a casa, nell' Eden, dove il male non esisterà più, dove il lupo pascerà con l'agnello.
Isa 65:17-25...”Non si udranno più voci di pianto, ne gridi di angoscia...e avverrà che prima che mi invochino,Io risponderò, parleranno ancora, che già li avrò esauditi.” Apo 21:4... e sarà loro Dio; e asciugherà ogni lacrima dagli occhi loro e la morte non sarà più; ne ci sarà più cordoglio, ne grido, ne dolore, poiché le cose di prima sono passate.


                                                                                                         
   


Valore di un sorriso

Donare un sorriso
rende felice il cuore,
Arricchisce chi lo riceve
senza impoverire chi lo dona.
Non dura che in istante
ma il suo ricordo rimane a lungo.
nessuno è così ricco
da poterne farne a meno
ne così povero da poterlo donare.
Il sorriso crea gioia in famiglia
da sostegno nel lavoro
ed è seegno tangibile di amicizia.
Un sorriso dona sollievo a chi è stanco
rinnova il coraggio nelle prove
e nella tristezza è medicina.
E se poi incontri chi non te lo offre
sii generoso e offrigli il tuo:
nessuno ha tanto bosogno di un sorriso
come colui che non sa darlo.             
                                                       P.Feber


                                                                        


Signore, soccorrimi, ho bisogno di Te.


Un abbraccio per me è più significativo di un bacio. Nell'abbraccio senti il calore di un affetto, un senso di protezione; “Non preoccuparti ci sono qua io! Tutto si risolverà.” Quanto sarebbe bello sentire l'abbraccio di Dio! “Figliuolo non temere, tu sei stato fedele, amorevole con tutti, Io ti proteggerò! Che cosa può farti l'uomo,la tempesta, Io sono Colui che comanda ai venti, al mare burrascoso. Non temere Io ti proteggerò fino al tuo ritorno a casa, nell'Eden, da dove, per tua colpa, fosti cacciato.”
Is;46:4 “Fino alla vostra vecchiaia Io sarò lo stesso, fino alla vostra canizie Io vi porterò; Io vi ho fatti, ed Io vi sosterrò; si, vi porterò e vi salverò”

 
“Grazie Signore, per le tue promesse, so quanto è grande il Tuo amore, Tu mi ami di un amore inconcepibile fino al punto di avermi donato la vita di Tuo figlio ed è per il Suo preziosissimo sangue, che ti chiedo perdono per i miei peccati;ti chiedo perdono perchè ogni giorno mi faccio travolgere da “ciò che deve essere fatto” piuttosto che trascorrere più tempo in Tua compagnia ed attingere dalla Tua presenza un po' del Tuo carattere, e cercare di assomigliarti almeno un poco.
Signore fa che senta sempre il bisogno di appartenerti, ed ogni volta che Ti volgo le spalle, Tu con amorevole pazienza, (come sempre fai), richiamami e ricordami che senza di Te non possiamo fare nulla.
Padre Santo donami il Tuo Spirito, che guidi la mia vita, perchè possa sempre seguirti, modifica la mia mente e fammi strumento nelle Tue mani, come fa il vasaio con l'argilla. Fa che possa sentire sempre, come miei, i bisogni dell'altro. Sovvieni alla mia poca fede ed insegnami la vera adorazione ed il rispetto che ti dobbiamo. 
              
Nel nome Santo di Gesù
Amen
                                                              



I nomi di Dio

Per conoscere una persona, come minima cosa è conoscere il suo nome
Noi diciamo di conoscere Dio, ma lo chiamiamo con un appellativo. Dio è un nome generico. In 1° Cor 4:4 è detto che Satana è il dio di questo mondo; in Ef 3:19 sta scritto dio è il vostro ventre.
Il nome personifica chi lo possiede; quando Dio diede a Mosé l'incarico di andare a riprendere il popolo di Israele dal Faraone, Mosé cercò in ogni modo di declinare il
mandato senza riuscirvi, infine chiese (Es 3:13,14) “Ecco quando sarò andato dai figliuoli d 'Israele e avrò detto loro: L'Iddio dei vostri padri m'ha mandato da voi, se essi mi dicono: qual'è il suo nome? Che risponderò loro?” Iddio disse a Mosè :
Io sono colui che sono”. Poi disse: “Dirai così ai figliuoli d' Israele: L'Io sono m'ha mandato da voi” (YHWH) Non conosciamo l'esatta pronuncia di questo nome perchè i masoreti per evitare la profanazione del nome divino sostituirono le vocali, inserendo quelle di Adonai “Signore” falsandone la pronuncia. Yahveh è il nome con il quale Dio si rivelò ad Israele (Es 6:3) Sono usati diversi nomi dall'ebraico e dal greco; Elohim ,che indica pluralità, ( Gen1, “Nel principio Iddio creò i cieli e la terra”) L'unità composta in riferimento alla Divinità è implicita dove il Padre , il Figlio, e lo Spirito Santo, sono uniti nell' azione salvifica ; ( ce ne sono molti testi)
Theos, Kyrios, El Shaddai (Dio onnipotente) Adonai (Signore)
Dio vuole mostarsi a noi con un nome che rappresenti il suo amore, attraverso la Parola possiamo conoscere il carattere di Dio più intimamente. Nelle Scritture vuole farsi conoscere come -Dio-per-noi- tanto da farci dono del Suo Unigenito figlio
Noi conosciamo il nome terreno del suo figliolo come Gesù -Yeshua- (Yahveh salva);
oppure Emmanuele (Dio con noi). Spesso il Padre ed il figlio si identificano
vengono usati gli stessi termini sia per l'uno che per l'altro
Ap Io son l'alfa e l'omega” Zac11:12 -14 “ Trenta sicli d'argento, e l'Eterno mi disse gettalo per il vasaio, questo magnifico prezzo al quale m'hanno stimato”
Zac 12:10 è L'Eterno che parla “E spanderò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo spirito di grazia e di supplicazione; ed essi riguarderanno a me, a colui che essi hanno trafitto”





Non nominare il nome di Dio invano



Nella legge sta scritto “Non nominare il nome di Dio invano” Dio non ha dato ad alcuno il Suo nome, ed è per questo che viene chiamato Eterno, Padre Celeste, Dio ,Iddio. Se lo avesse fatto l'uomo ne avrebbe fatto una cosa sua, se ne sarebbe appropriato. In Gen 32: 24-32, quando Giacobbe combatté tutta la notte con un essere celeste (Gesù), fino alle prime luci dell'alba Giacobbe insisté per sapere il Suo nome, ma l'altro gli rispose “qual è il, tuo, nome” egli rispose: “Giacobbe” e l'altro: “Il tuo nome non sarà più Giacobbe, ma Israele, poiché tu hai lottato con Dio". E lo benedisse. E Giacobbe chiamò quel luogo Peniel (faccia di Dio).

Giudici,13: 17,18 “Poi Manoah disse all'angelo dell'Eterno: (Qual'è il tuo nome?', affinché adempiute che siano le Tue parole, noi Ti rendiamo onore?) E l'Angelo dell'Eterno (Gesù)

gli rispose “Perché chiedi il mio nome? Esso è Meraviglioso” L'uomo oggettivando tutto ciò che nomina, facendolo suo, non può non oggettivare, se lo nomina, anche il nome di Dio. Es,3:13-15 Iddio appare a Mosè in un pruno ardente perché vada a salvare il Suo popolo dalla schiavitù del Faraone; Mosè chiede a Dio “Quando sarò andato dai figliuoli d' Israele, e avrò detto loro “L'Iddio dei vostri padri mi ha mandato a voi, se essi mi chiedono (Qual'è il Suo nome?) Che risponderò loro?” Iddio disse a Mosè: “Io Sono Quegli che Sono” poi disse: “Dirai così ai figliuoli d'Israele:

(L'Io Sono, mi ha mandato a voi) Iddio disse ancora a Mosè: “Dirai così ai figliuoli d 'Israele:

“Yaveh, (Colui che é), l'Iddio dei vostri padri, l'Iddio di Abramo, l'Iddio di Isacco,e l'Iddio di Giacobbe mi ha mandato da voi; tale è il Mio nome in perpetuo, tale la mia designazione per tutte le generazioni” Es,23:,21 “Ecco Io mando un angelo (Gesù) davanti a te per proteggerti per via, e per introdurti nel luogo che ho preparato. Sii guardingo in Sua presenza, e ubbidisci alla Sua voce; non ti ribellare a Lui, perché Egli non perdonerà le vostre trasgressioni; poiché il mio nome è in Lui”

Non è un nome specifico che caratterizza Dio , ma è il Suo carattere che lo identifica.



                                                          






DEITA' DI CRISTO

Nel principio Iddio creòGen cap1
La parola Iddio tradotta dall'ebraico “Elohim” indica pluralità (come assemblea o popolo; parole di numero singolare, ma che indicano più persone)Gn 1:26Poi Dio disse: <Facciamo l'uomo a nostra immagine e somiglianza....Non è un pluralis maiestatis; da tutto ciò si evince che alla creazione non c'era una persona sola.
Nei vangeli in Gio1:1 troviamoNel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. Ogni cosa è stata fatta per mezzo di Lei; e senza di Lei neppure una delle cose fatte è stata fatta. In Lei era la vita, e la vita era la luce degli uomini;e la luce splende nelle tenebre, e le tenebre non l'hanno ricevuta...vers:10: Egli era nel mondo e il mondo fu fatto per mezzo di Lui, ma il mondo non lo ha conosciuto
Es,33:20- 23, l'Eterno dice a Mosé “-Tu non puoi vedere la mia faccia, perché l'uomo non mi può vedere e vivere -E l'Eterno disse:--:Ecco qui un luogo presso a me; tu starai su quel masso; e mentre passerà la mia gloria, io ti metterò in una buca del masso, e ti coprirò con la mia mano, finché io sia passato; poi ritirerò la mano, e mi vedrai per di dietro; ma la mia faccia non si può vedere.
Es33:11 “Or l'Eterno parlava con Mosé faccia a faccia, come un uomo parla col proprio amicoNum,12:8 “ Non così con il mio servitore Mosé, che è fedele in tutta la mia casa. Io parlo a tu per tu, facendomi vedere, e non per via di enigmi; ed egli contempla la sembianza dell'Eterno”
Gen 18:1 L' Eterno apparve ad Abramo...”.ver13- 17- al 33: “E come l'Eterno ebbe finito di parlare ad Abramo, se ne andò. E Abramo tornò alla sua dimora”.
Se l'uomo non può vedere Dio e vivere, con chi avevano parlato Abramo e Mosé? Quell'Eterno era il Figlio di Dio. Anche Giacobbe Gen, 31:11,13 “ E l'Angelo di Dio mi disse nel sogno: Giacobbe!” Gen 32:30 “E Giacobbe chiamò quel luogo Peniel (che vuol dire “faccia di Dio”) perché, disse, “ho veduto Iddio faccia a faccia e la mia vita è stata risparmiata”. Uno dei tanti nomi è anche Angelo di Dio o dell'Eterno
Nell' Antico Testamento il Figlio si identifica col Padre e viceversa.
Zac11:13 “E l'Eterno mi disse: “Gettalo per il vasaio, questo magnifico prezzo al quale m'hanno stimato!” Ed io presi i trenta sicli d'argento, e li gettai nella casa dell'Eterno per il vasaio.” Zac 12:10 “E spanderò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme, lo spirito di grazia e di supplicazione;ed essi riguarderanno a Me , a Colui che hanno trafitto” (Zac 3:1,2 ;Isa ,9:5; Isa, 7:14 )
Ebr!:3-7,8 “ Iddio.......in questi ultimi giorni ha parlato a noi mediante il Suo Figliuolo ch'Egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale pure ha creato i mondi; il quale, essendo lo splendore della Sua gloria e l'impronta della Sua essenza....ver 6,7 “E quando di nuovo introduce il Primogenito nel mondo dice:
Tutti gli angeli di Dio lo adorino....ver 8:” dice del Figliuolo: “Il tuo trono, o Dio,è nei secoli dei secoli.....”
La natura divina del Figlio è affermata nel modo più solenne dal Padre stesso.
Tommaso che come ebreo era monoteista all' apparizione di Gesù dopo la Sua resurrezione disse: Gv 20: 28 “Signor mio e Dio mio!”
1°Gv 5:20 “E noi siamo in Colui che è il vero, cioé nel Suo Figliuolo Gesù Cristo. Quello è il vero Dio e la vita eterna”
                                                                                     

Perché Gesù primogenito

Primogenito, aggettivo che può avere più significati, dal dizionario G. Devoto- G.C.Oli: “di chi tra più figli è nato per primo; ramo primogenito(di una famiglia nobile) quella che ha per capostipite il figlio primogenito; oppure, Prediletto.” La primogenitura ha da sempre implicato nel passato, diritti e privilegi. Il primogenito, al tempo dei patriarchi, diveniva il sacerdote della famiglia; riceveva le benedizioni di Dio da parte del padre (vedi Genesi cap27). Gesù non è il primo tra molti, ma il Prediletto, l'Eccelso, l'Unigenito. Non si devono confondere le due nature di Gesù, quella umana e quella divina. Gesù è il nome terreno della deità incarnata. Yehoshua “ Yahweh salva”. Nell'antico testamento era: l'Eterno; Es33:11- Num12:7,8- Gen18:1,13,17,29,31,33- Zac11:13; 12:10. Non si differenzia dal Padre se non nel fatto che Es 33:20 Nessuno può vedere Dio e vivere” Il figlio parlava con Mosè faccia a faccia, parlava con Abramo (vedi versetti citati sopra) Gio 1:18 Nessuno ha mai veduto Dio, l'Unigenito Figliuolo, che è nel seno del Padre è quel che l'ha fatto conoscere”
Ed è quando fa riferimento alla sua natura divina che dice “Chi ha visto me ha visto il Padre” o “Io e il Padre siamo uno “Prima che Abramo fosse nato Io sono” Col 2:9 “poiché in Lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità” Il primato di Cristo
Col 1:15 “Il quale è l'immagine dell'invisibile Iddio, il primogenito d'ogni creatura; poiché in Lui sono state create tutte le cose che sono nei cieli e sulla terra.....ed Egli è il capo del corpo, cioè della Chiesa; Egli che è il principio, il primogenito dai morti, onde in ogni cosa abbia il primato”
Gio 1:1-4 “Nel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. Essa era nel principio con Dio. Ogni cosa è stata fatta per mezzo di Lei; e senza di Lei neppure una delle cose fatte è stata fatta”
Gio 1: 14 “E la Parola è stata fatta carne ed ha abitato per un tempo fra noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiam contemplata la Sua gloria, gloria come quella dell'Unigenito venuto da presso al Padre”
Fil 2:6-11 “Gesù, il quale essendo in forma di Dio non reputò rapina l'essere uguale a Dio, ma annichilì se stesso, prendendo forma di servo e divenendo simile agli uomini; ed essendo trovato nell'esteriore come un uomo, abbassò se stesso,facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte della croce. Ed è perciò che Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato il nome che è al disopra d'ogni nome affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli e sulla terra e sotto la terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore alla gloria di Dio Padre.”
Gv,3:16,18 ; 1°Gv4:9 “In questo si è manifestato per noi l'amore di Dio: che Dio ha mandato il Suo Unigenito Figliuolo nel mondo affinché per mezzo di Lui Vivessimo”



                                                                                                            
 
Trinità

Parola controversa, specialmente da alcune denominazioni religiose. In effetti è un vocabolo che non appare mai negli scritti sacri se pur ha una sua logica di esistere.
La Deità è unica! In Deut,6:4 leggiamo: “Ascolta Israele: l'Eterno, l'Iddio nostro, è l'unico Eterno” “Non avrai altro Dio all'infuori di me”... “ Fuori di me non v'è Salvatore”....
La parola ebraica che traduce “uno solo” è “Achad” che significa anche “Unico”.
In ebraico troviamo due vocaboli dallo stesso significato
yachid” che significa unità”assoluta” ved Ger 6:26/ Zac 12:10; e
achad” che denota unità composta o collettiva , Giudici 6:16; 1° Sam11:7;Esdra 3:1; Ez 37:17.
Tre entità distinte dunque ; formano un unico Dio. Nel caso di Deut, 6:4, la parola è “achad”. Lo stesso trattasi di Gen,2:24; “Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e saranno una sola “achad” carne”. Ecco l'unità composta; sono due corpi ma saranno una sola carne. Abbiamo già veduto nel capitolo “la deità di Cristo Gesù, come Lui si identifichi con il Padre, e che certe caratteristiche sono particolarità di entrambi.
In Gv14:9,10 “Chi ha veduto me, ha veduto il Padre; come mai dici tu: Mostraci il Padre? Non credi tu ch'io sono nel Padre e che il Padre è in me? Le parole che io vi dico non le dico di mio;ma il Padre che dimora in me, fa le opere sue”
Gv,14:25,26 “Queste cose v'ho detto, stando” ancora con voi; ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, Egli vi insegnerà ogni cosa e vi rammenterà tutto quello che vi ho detto”
Gv16:13 “Ma quando sia venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire. Egli mi glorificherà perché prenderà del mio e ve l'annunzierà”
Noi abbiamo un'intelligenza limitata, non possiamo tradurre tutto secondo una logica umana. Dobbiamo arrenderci davanti a ciò che per noi non è matematicamente razionale. La Deità è unica, anche se composta da tre entità: Padre, Figlio. Spirito Santo, con una propria personalità ma con un unico scopo, “la salvezza del genere umano”
In Luca all'annunciazione Luca 1:35; “E l'angelo rispondendo le disse: (1)Lo Spirito Santo verrà su di te e la potenza dell'Altissimo(2) ti coprirà dell'ombra sua; perciò il santo che nascerà, sarà chiamato (3) Figliuolo di Dio.” Al battesimo, Gesù venne consacrato Redentore con l'unzione dello Spirito Santo , il Padre dichiarò solennemente la sua divina filiazione; fu una circostanza in cui la Divinità, fu nella sua pienezza. Padre, Figlio, Spirito Santo. Tutti i vangeli attestano che lo Spirito Santo fu tangibilmente visibile a tutti Mt 3: 16,17/Mc,1 :10,11/ Lc3:22/ Gv,1:32/ Is,61:1/
Prima della resurrezione , Gesù dette agli apostoli la formula per la consacrazione del battesimo, comanda di battezzare “nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo” vedi Mt,28:19;
Paolo afferma:1° Cor,12:4-6 “Or vi è diversità di doni, ma v'è un medesimo Spirito. E vi è diversità di ministeri ma non v'è che un medesimo Signore. E vi è varietà di operazioni, ma non v'è che un medesimo Iddio, il quale opera tutte le cose in tutti” / Ef,2:18 “Poiché per mezzo di Lui (1) e gli uni e gli altri abbiamo accesso al Padre (2) in un medesimo Spirito (3)”
Paolo concludendo, in 2° Cor13:13 “La grazia del Signore Gesù Cristo, e l'amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi!”


                                                                               







  • LA POTENZA DELLO SPIRITO SANTO

Conosciamo questa terza persona dell'autorità divina?
Possiamo avere una vita cristiana senza lo Spirito Santo? Sarebbe come vivere senza respirare. Non sarebbe possibile! Peccato che le persone preposte ad insegnare le verità di Dio, tacciano sull'argomento; il quale è di primaria importanza. E' mediante la potenza dello Spirito Santo che possiamo sperimentare l' amore di Gesù. (Rom;5:5)” L'amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per lo Spirito Santo che ci è stato dato”. Lo Spirito Santo è una persona, reale quanto il Padre e il Figlio- Quando Gesù parla dello S.S. usa pronomi, non di cosa inanimata, ma quelli usati per le persone. Gio;16:13,14 “Ma quando sia venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità, perchè non parlerà di Suo, ma dirà tutto quello che avrà udito e vi annunzierà le cose avvenire. Egli mi glorificherà perchè prenderà del mio e ve l'annunzierà”

  • CRATTERISTICHE dello SPIRITO SANTO:
Lo Spirito ama (1°Cor 2:10) ; conosce (v11); insegna (v 13); fa doni come desidera (1 Cor12:7-11); parla (At 8:29—13:2) ; può essere rattristato (Ef;4:30); insultato (Mat; 12:31) E.G.White nel suo libro “La speranza dell'uomo” scrive:” Lo spirito Santo è il rappresentante del Cristo; libero dai limiti della natura umana. Nella Sua umanità, Gesù non poteva essere onnipresente, era perciò bene per i discepoli che Egli se ne tornasse al Padre e che lo Spirito venisse sulla terra come Suo successore Gio;15: 26, Gesù dice “Ma quando sia venuto il Consolatore che Io vi manderò da parte del Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, Egli testimonierà di Me” Gesù ci ha lasciato un mandato, dopo la Sua risurrezione, prima di risalire al Padre:
(Mat; 28:19-20) Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo,insegnando loro di osservare tutte quante le cose che v'ho comandate.
Ed ecco, Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine dell'età presente”
Rom;15:13 “Or l' Iddio della speranza vi riempia d'ogni allegrezza e d'ogni pace nel vostro credere, onde abbondiate nella speranza, mediante la potenza dello Spirito Santo”.



                                                                   

Il Peccato


Parola inusuale in questi tempi, nei quali, chi obietta, si sente dire: “ Dov'è il problema? Non do fastidio a nessuno!” oppure “Che male c'è” od anche “Lo fanno tutti!”
Per dirlo con le parole del Prof: Vittorino Andreoli , (psichiatra e scenziato) in un'intervista di qualche tempo fa; “Il saggio non esiste più. Adesso è il tempo delle parole senza senso, c'è una trasformazione delle parole; è la prostituzione del pensiero, si cambiano le parole per tradirne il significato” .
Che cosa è il peccato? (1° Gio; 3:4 ) “La violazione della legge “In Rom; 3: 20 “Mediante la legge è data la conoscenza del peccato” Atti; 3:19 “Ravvedetevi dunque e convertitevi”; Atti ;2:38 “Ravvedetevi e ciascun di voi sia battezzato” Rom ;6:23 “ Il salario del peccato è la morte”
Gesù, Dio manifestato in carne, è venuto per pagare il nostro debito ; con la sua morte innocente
ha riscattato l' umanità (Gio; 11:26) “ Chiunque vive e crede in me non morrà” ( Mat;19:17)
"Se vuoi entrare nella vita osserva i comandamenti”
(Rom;3:24) “ Tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio,ma son giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù”
Che belle queste parole di Gesù in ( Gio; 10:27-30) “ Le mie pecore ascoltano la mia voce,e io le conosco, ed esse mi seguono;e io do loro la vita eterna, e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date, è più grande di tutti; e nessuno può rapirle di mano al Padre. Io ed il Padre siamo Uno"






















 


 
 
 
 
    
 


   

 















                                                         

 DAL FILM "AFFRONTIAMO I GIGANTI"

"C'erano due contadini che desideravano la pioggia.
Entrambi pregavano che piovesse,
ma soltanto uno uscì e preparò i campi per la pioggia.
Chi secondo te ha veramente creduto che Dio intervenisse?....
Quali dei due sei tu?...
Dio manderà la pioggia quando sarà il momento,
dobbiamo però preparare i nostri campi per riceverla.
Dobbiamo dare il nostro meglio in tutto,
e se vinciamo....loderemo Dio,
e se perdiamo, lo loderemo lo stesso."
                                                              

LA CONFESSIONE

1° Gio; 1:9 “Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da perdonarci i nostri peccati e purificarci da ogni iniquità”
GUARIGIONE del paralitico di Capernaum: Matt; 9:1-8 /Lu;5:17-26 / Mar;2:1-12 /
Gesù guarisce un paralitico portato da 4 persone su un lettuccio e Gesù vista la loro fede disse al paralitico: “O uomo, i tuoi peccati ti sono rimessi.” allora gli scribi e i farisei, cominciarono a ragionare, dicendo: "Chi è costui che pronuncia bestemmie? Chi può rimettere i peccati se non Dio?"
Il sacerdote nel confessionale, dopo la confessione del penitente, pronuncia queste parole:
“Ego te absolvo peccatis tuis” che significa “Io ti assolvo dai tuoi peccati” Per penitenza poi dovrai dire delle preghiere, più o meno secondo i peccati commessi. La preghiera non può in nessun modo essere una penitenza, ma ringraziamento e lode a Dio, una invocazione una supplica.
Atti10:43 si legge “di Lui attestano tutti i profeti che chiunque crede in Lui riceve la remissione dei peccati, mediante il Suo nome.” Gia; 5:16 recita così:”Confessate dunque i falli gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri onde siate guariti; molto può la supplicazione del giusto fatta con efficacia”.
STRALCI dalle note del cap. xi°del libro “Dal cristianesimo al cattolicesimo”
La chiesa, ha solo l'onere di annunciare il volere di Dio agli uomini.
Nel mandato che Cristo ha dato alla chiesa (Matt; 28:20) è incluso l'ordine di insegnare solo le cose che Cristo ha comandate. La chiesa deve attenersi alla rivelazione scritta. Andare oltre significa sostituire l'autorità di Cristo con quella umana, un atteggiamento che il cielo non potrà tollerare.
Chi si inginocchia dinanzi ad un uomo (soggetto a peccato)e mediante la confessione rivela i suoi falli,avvilisce ogni nobile istinto della propria anima. Rivelando i peccati della sua vita al sacerdote - che è un essere mortale, fallibile, esposto anch'egli al peccato... Lui, il rappresentante di Dio, finisce con l'abbassare il concetto di Deità a quello dell'umanità caduta
Sal 32:5 “Io t'ho dichiarato il mio peccato, non ho coperto la mia iniquità. Io ho detto: confesserò le mie trasgressioni all' Eterno; e Tu hai perdonato l'iniquità del mio peccato”
Isa;1:18, “Venite discutiamo assieme dice l' Eterno; quand'anche i vostri peccati fossero come lo scarlatto, diventeranno come la neve”
Isa;43:25 “Io, sono quegli che per amor di me stesso cancello le tue trasgressioni e non mi ricorderò più dei tuoi peccati”
Mat; 6:6 "Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto; te ne darà la ricompensa."
Desideriamo ardentemente

l'effusione dello Spirito Santo!




Non conosciamo bene la figura dello Spirito Santo , forse, perché non se ne parla abbastanza.


Si usa dire che la pubblicità è l'anima del commercio, ed infatti siamo letteralmente invasi da pubblicità. Ma chi pubblicizza lo Spirito Santo? E come facciamo a conoscerlo se nessuno ce ne parla? Gesù prima di lasciarci, con la promessa che sarebbe tornato a prenderci, ha affermato: “(Gio,14:3) “Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore....e quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove son io, siate anche voi.....


(18)Non vi lascerò orfani, tornerò a voi....” Gio,14:15-18: “Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore perché stia con voi per sempre, lo Spirito della verità” Gio 16:13,14 “Ma quando sia venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire. Egli mi glorificherà perché prenderà del mio e ve l'annunzierà”
L'apostolo Paolo nella lettera ai Romani 8:26,27 ci dice: “Parimente ancora, lo Spirito sovviene alla nostra debolezza; perché noi non sappiamo pregare come si conviene; ma lo Spirito intercede egli stesso per noi con sospiri ineffabili; e Colui che investiga i cuori conosce qual sia il sentimento dello Spirito, perché esso intercede per i santi secondo Iddio”
La signora White, scrittrice di talento nell'ambito religioso, ne “La Speranza dell'uomo” dice:

Gesù ha promesso alla chiesa il dono dello Spirito Santo, la sua promessa non riguarda solo i primi discepoli, ma anche noi.” [vedi Gio,17:20 (Io non prego soltanto per questi, ma anche per quelli che credono in me per mezzo della loro parola)] Occorre, arrendersi all'Eterno, che come un buon Padre amoroso ci accoglierà tra le sue braccia, aiutandoci a risollevarci nei momenti più difficili, dei quali la vita è prodiga. Gesù in Gio,6:38, dice: “Sono disceso dal cielo per fare non la mia volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato” Se vogliamo essere gli esclusivi padroni della nostra vita, liberissimi, ma Dio non potrà penetrare nella nostra anima e modificarla, rendendola simile a “ Gesù, perfetto esempio di fede” Atti,5:29-32 “ L'Iddio dei nostri padri ha risuscitato Gesù, che voi uccideste appendendolo al legno. Esso ha Iddio esaltato con la Sua destra, costituendolo Principe e Salvatore, per dare ravvedimento a Israele, e remission dei peccati. E noi siamo testimoni di queste cose; e anche lo Spirito Santo, che Dio ha dato a coloro che gli ubbidiscono”(vedi anche Gio,7:37-39)
Sempre la sign. White ne 1°T. pag.163 consiglia: Non trascurate la preghiera intima, perché la preghiera è l'anima della religione; invocate la purezza dell'anima con preghiera accorata e fervente. Invocatela con lo stesso trasporto che usereste se fosse in gioco la vostra vita. Noi tutti abbiamo bisogno di amore, ci sentiamo appagati, contenti e completi quando abbiamo intorno a noi, persone che ci approvano e ci amano.
L'amore è la cosa che più necessitiamo sia nelle relazioni con il nostro prossimo, che con quelle con Dio; ed è lo Spirito Santo che può radicarlo nelle nostre vite. Più tempo dedichiamo per stare con Gesù, pregando e leggendo la Sua Parola, più ci identificheremo con il Signore a Sua immagine (Leggi Atti,4:13) Più intenso è il rapporto che noi stabiliamo con Dio, maggiore è la fiducia che ne traiamo, e la consapevolezza e sicurezza che in ogni nostro problema, che Gli presentiamo, lo Spirito Santo ci aiuterà alla sua risoluzione. Lo Spirito Santo ti dà la certezza di appartenere a Dio. Dobbiamo richiedere lo Spirito Santo Che il Padre ci elargirà copiosamente, perché siamo fattura di Lui, fatti a Sua immagine. Riacquistiamo la purezza perduta! Gesù ci dice che il Padre ci manderà un altro Consolatore [greco Paraklethos<consigliere, intercessore, consolatore; designato a stare vicino ad una persona, per assisterla, difenderla, proteggerla] Ricerchiamo lo Spirito con bramosia, il Suo amore ci coinvolge e ci sprona nell'adempimento del volere di Dio.
Ef,1:13 In Lui voi pure, dopo aver udito la Parola della verità dell' Evangelo della vostra salvezza, in Lui
avendo creduto,avete ricevuto il suggello dello Spirito Santo che era stato promesso”
Noi quindi abbiamo ricevuto il prezioso dono del Suggello di Dio. Non facciamone poca stima, sarà il Suggello apposto sulla nostra fronte che ci distinguerà e salverà al ritorno di Gesù. Ap,9:4 “E fu loro detto di non danneggiare l'erba della terra, ne alcuna verdura, ne albero alcuno, ma soltanto gli uomini che non avevano il Suggello di Dio in fronte.
                                                                                                    

















PASSIONE PER LA MUSICA

Ogni mamma, in attesa che nasca il suo piccolo, prepara tante belle cose per il lieto evento,un corredino che le sarà utile per vestirlo, una culla per addormentarlo, qualche piccolo gioco per intrattenerlo. Quanto amore mette una mamma in questa dolce attesa!
Così il Padre nostro che è nei cieli, fece alla creazione: prima delle creature, preparò loro un luogo confortevole, ( l' Eden);
piante con bellissimi fiori, alberi con buonissima frutta, e lo popolò con animali di tanti tipi diversi, perchè fossero di compagnia all'uomo,ed anche forti perchè lo aiutassero dove lui non sarebbe stato in grado. Creò anche gli uccelli perchè lo rallegrassero
con i loro canti. Certamente è così che la musica avrà avuto il suo esordio. Melodioso il canto di numerosi uccelli. L'uomo imitatore per natura ha imparato da loro e quindi ha cercato di
costruire strumenti che lo aiutassero in questo scopo.,  Evolvendoci siamo così giunti ai grandi musicisti che della musica ne hanno fatto un' arte magnifica.
Dalla musica si può percepire lo stato d'animo di chi l' ha composta. Amore, sofferenza, felicità.
Io amo molto la musica ed avendone la possibilità, ad essa, dedicherei tutto il mio tempo.
Voglio condividere con voi alcuni momenti nei quali mi sono esibito con altri amici che hanno la mia stessa passione.


Gabriele


video video

video video
 
video
                                        
 
   NEWBOLD TRAVEL

La Chiesa Cristiana Avventista del 7° giorno, denominazione alla quale apparteniamo, la mia famiglia ed io; tiene molto alla cultura. In primis quella biblica con un intenso approfondimento di ogni argomento; ma di tutta la cultura in generale.
Nelle sue istituzioni abbiamo scuole di ogni ordine e grado in tutto il mondo, dall'infanzia all' Università. La più nota universitàè quella di Loma Linda, in California, con annesso 
Ospedale di fama mondiale anche per alcuni trapianti rivoluzionari (dott: Barnard).
Sempre in California " Union Pacific College;" in Francia "Campus Adventista du Saleve"
a Collonges;  in tutta Europa , Africa, America;  (in Inghilterra il "Newbold College", dove ho trascorso dei giorni stupendi insieme a mia sorella dal 28 giugno al 23 luglio. E' stata una
bellissima e felice esperienza. Al mattino avevamo scuola e poi giochi, visita a città , come:
Oxford,  Londra , Bath.... Abbiamo avuto l'opportrunità di fare molte amicizie con ragazzi provenienti da tutto il mondo. E' stato bello confrontarsi su usi e modi diversi di vivere la vita.
Poi gite in barca,( proprio perchè incapaci ci divertivamo ancora di più,) naturalmente c'erano con noi le persone preposte alla sorveglianza ,che sarebbero intervenute al bisogno.
Al booling ,ai grandi magazzini, (ma grandi eccezionalmente!!!)  Alla sera spesso ci divertivamo a suonare. E' stata una vacanza indimenticabile!!! Adesso abbiamo un grande numero di amici con i quali ci scriviamo, naturalmente via email. E' stato spiacevole separarsi, forse chissà ci rivedremo, certo rimarranno sempre nel mio cuore.

In un di questi giorni in Ingilterra, io e mia sorella, siamo stati a Bath un posto stupendo e una giornata stupenda perche' NON HA PIOVUTO PER TUTTO IL TEMPO, il primo giorno che non ha piovuto!!!
Comunque a Bath abbiamo visto Stonhenge, interessantissimo, non so quante teorie e leggende ci hanno fatto dietro, o un calendario o un altare o addirittura, un tempio religioso.
A Bath non abbiamo visto solo Stonhenge ma anche le terme che avevano costruito i romani al tempo che avevano conquistato l'Inghilterra.
Anche questo interessantissimo, ci hanno mostrato come le costruivano, come facevano a portare l'acqua alle vasche,
e tutte le modalita' che usavano i romani per durare meno fatica per trasportare i massi di marmo alle terme,
con una spece di carrucola pero' facevano passare la corda piu' volte dalla carrucola, in modo che il peso si distribuisse meglio.
Insomma ogni giorno io e Serena, mia sorella, impariamo qualche cosa di nuovo o di storia o di inglese.
GRAZIE NEWBOLD!!!!!
CIAO CIAO

Gabriele.


Ecco qui alcune foto:

 






                                                                                    
Perdono dei peccati

La condizione che Dio ci propone per il perdono del peccato, è ovviamente quella del pentimento. Il peccatore penitente è perdonato, giustificato, ma il peccato deve essere confessato a Dio ( non ad un amico neppure al sacerdote) Col: 1:13,14 “ Dio ci ha riscossi dalla potestà delle tenebre e ci ha trasportati nel regno del Suo amato Figliuolo, nel quale abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati” 1 Gio 2:12 “Figliuoletti io vi scrivo perchè i vostri peccati vi sono rimessi per il Suo nome” In virtù del sacrificio di Cristo, Dio perdonerà le nostre colpe.
Attenzione!!: Gesù non è morto per tutti. Il suo sacrificio è offerto a tutti, ma Lui è morto soltanto per coloro che credono in Lui.
E' infatti attraverso Cristo, che l'amore di Dio si manifesta. Dio dichiara giusto il credente che si identifica con Cristo nella Sua morte e nella Sua resurrezione Rom 6:3-7Ignorate voi che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella Sua morte? Noi siamo dunque stati con Lui seppelliti mediante il battesimo nella Sua morte, affinchè come Cristo è resuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita. Perché, se siamo divenuti una stessa cosa con Lui per una morte somigliante alla Sua, lo saremo anche per una resurrezione simile alla Sua,
Dobbiamo accettare Cristo come salvatore personale ,perché Lui ha pagato il prezzo del nostro riscatto. Non è la nostra fede che ci fa diventare giusti, ma essa ci mette in grado di ricevere la grazia di Dio attraverso le sofferenze di Gesù. Gio 3 :16 “Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il Suo unigenito figliuolo affinché chiunque crede in Lui non perisca ma abbia vita eterna"
                                                                             

BATTESIMO

Giovanni è stato quello che per volere di Dio, ha istituito il battesimo. Predicava un battesimo di ravvedimento per la remissione dei peccati- Anche Gesù si fece battezzare, prima di iniziare ad insegnare alle turbe, aveva circa trent'anni. Il battesimo è l'accettazione del credente a cambiare vita, rifiutare il peccato e diventare membro della famiglia di Dio con consapevolezza.
Inutile quindi il battesimo dei bambini. Dal latino Baptizzo, che significa immergo il vero
battesimo viene fatto per immersione, nell'acqua, (tomba del peccato); per risorgere a nuova vita. Non è quindi giusta la pratica per aspersione.
Dio in questa occasione fa discendere lo Spirito Santo sul credente perchè lo aiuti in una vita cristiana, e lo sostenga nelle avversità, e gli sia guida nel cammino della salvezza.
Gesù ci ha lasciato un mandato dopo la sua resurrezione e prima di risalire al Padre. Matteo 28:19-20 "Andate dinque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro d'osservare tuute quante le cose che v' ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni fino alla fine dell'età presente"

 
                                                                                                   






SANTA CENA

Gesù istituì la Santa Cena: consiglio di leggere tutto il cap 13 di Giovanni, molto bello, dice degli apostoli: “ Avendo amato i suoi, li amò fino alla fine...” Poi mise dell'acqua in un bacino e cominciò a lavare i piedi ai discepoli e ad asciugarli... venne dunque a Simon Pietro (lui non voleva che Gesù si umiliasse così) ma Gesù a lui “ Se non ti lavo non avrai meco parte alcuna”.
Gesù dice ancora: “Se dunque io che sono il Signore e Maestro, v'ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri” Matt cap 25:17-25 Mar cap 14:12-25


SIMBOLI DELLA SANTA CENA
Gesù prese del pane, e fatta la benedizione, lo ruppe e lo diede loro e disse: Prendete questo è il mio corpo- poi prese un calice rese grazie, e lo diede loro e tutti ne bevvero. E disse loro:

questo è il mio sangue, il sangue del patto,il quale è sparso per molti .In verità vi dico che non berrò più del frutto della vigna fino a quel giorno che lo berrò di nuovo nel regno di Dio”
Tre sono i simboli della santa cena: Lavanda dei piedi (segno di umiltà); Il pane: corpo di Cristo;
Vino : sangue di Cristo 1° Cor;12:26 “Poichè ogni volta che voi mangiate questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del Signore, finch'egli venga”.


                                                                                     

Salvezza

La giustificazione per fede è simboleggiata dal Battesimo che ci lava dai nostri peccati, ed anche la lavanda dei piedi che rinnova continuamente l'offerta della grazia e del perdono
(leggere Gio13:3-10) Rom 3:23,24 “tutti hanno peccato, e son privi della gloria di Dio, e son giustificati gratuitamente per la Sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù” Rom 10:13 “ poiché chiunque avrà invocato il nome del Signore, sarà salvato” ver17: "Così la fede vien dall'udire e l'udire si ha per mezzo della parola di Cristo”.ciascuno di noi dovrebbe impegnarsi nello studio della bibbia, da essa scaturisce una potenza divina come in nessun altro testo, perché è Dio stesso che parla al cuore dell'uomo. Molti pensano di doversi meritare la salvezza attraverso le opere, ma le opere devono essere il frutto della fede, infatti una fede senza le opere non ha valore.
Ef 2:4-10”Ma Dio, che è ricco in misericordia, per il grande amore del quale ci ha amati, anche quand'eravamo morti nei falli, ci ha vivificati con Cristo (è per grazia che siete stati salvati), e ci ha resuscitati con Lui e con Lui ci ha fatti sedere ne' luoghi celesti in Cristo Gesù, per mostrare nelle età a venire l'immenza ricchezza della Sua grazia, nella benignità ch'Egli ha avuta per noi in Cristo Gesù. Poiché è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non vien da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù d'opere, affinché niuno si glori;perché noi siamo fattura di Lui, essendo stati creati in Cristo Gesù per le buone opere, le quali Iddio ha innanzi preparate affinché le pratichiamo
Ebr4:16 “Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per essere soccorsi al momento opportuno”
                                                               


GRAZIA E FEDE


 

Sono due aspetti della salvezza inscindibili, uno non può esistere senza l'altro.


Ebr,11:6 “Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve


credere ch'Egli è, e che è il rimuneratore di quelli che lo cercano.”


Nel “Dizionario di dottrine bibliche” a cura del pastore dott. Antonio Caracciolo, studioso ed eccellente insegnante della cultura teologica, leggiamo un passo che ci dà una chiara interpretazione: “La grazia è come una mano che Dio tende all'uomo, il quale risponde con la fede, tendendo a sua volta la propria mano.”.... In questo sta l'efficacia della grazia: nel rendere possibile l'incontro tra l'uomo e Dio....La fede è un ponte tra l'incapacità dell'uomo e l'onnipotenza di Dio.


Ebr11:1 “Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono.”Rom,10:17 “Così la fede vien dall'udire e l'udire si ha per mezzo della parola di Cristo.


Certamente l'uomo deve fare la sua parte in questo processo; avere fede in Dio ed obbedire alle sue


leggi. Alcuni dicono che essendo salvati per grazia non abbiamo più l'obbligo di osservare i comandamenti. La grazia non è un colpo di spugna, e dopo puoi fare ciò che vuoi. Gesù ci dice in Mat,5:17,18:. “Non pensate che io sia venuto per abolire la legge od i profeti; io sono venuto non per abolire ma per completare: poiché io vi dico in verità che finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà che tutto non sia adempiuto”.


Rom 3:23-25 “Tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio e son giustificati gratuitamente per la Sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù; il quale Iddio ha prestabilito come propiziazione col sangue d'esso mediante la fede.” Rom 6:15 “Peccheremo noi perché non siamo sotto la legge ma sotto la grazia?


Efs,2:8-10 Poiché è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù d'opere, affinché nessuno si glori; perché noi siamo fattura di Lui, essendo stati creati in Cristo Gesù per le buone opere,le quali Iddio ha innanzi preparate affinché le praticassimo.”Ebr,8:10 “ E questo è il patto che farò con la casa d'Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Io porrò le mie leggi nelle loro menti, e le scriverò sui loro cuori; e sarò il loro Dio, ed essi saranno mio popolo


La grazia non giustifica il peccato ma libera l'uomo dal dominio del peccato.


  
                                                                       
Dopo la VITA
Che cosa accade quando la vita ha il suo epilogo?
Spesso sento dire ”Nessuno è tornato a dirci come stanno le cose”
E' vero, da quello che comunemente è chiamato l'aldilà, nessuno può tornare;
ma non per questo si possono seguire le idee di quelli che Dio chiama“ Spiriti seduttori”.
Le persone nella completa ignoranza di ciò che avviene dopo la morte vanno dietro, a “quel che si dice; “ ma non, a ciò che” Sta Scritto”. Desideriamo vivere l'eternità, ed è cosa giusta; dobbiamo anelare a quella che Dio ci ha promesso nella sua infinita bontà. Dopo la resurrezione. Come recita la preghiera detta“ Credo” simbolo della fede cristiana, che risale al concilio di Nicea (nel 325 circa). Parlando di Gesù dice: ”morì e fu sepolto discese agli inferi, il terzo giorno, risuscitò da morte, salì al cielo. Ora siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là ha da venire a giudicare i Vivi e i Morti”. I morti non sono ancora stati giudicati; e la resurrezione ci sarà, al prossimo ritorno di Gesù in gloria.
Per comprendere meglio ciò che accade alla morte,dobbiamo risalire alle nostre origini, al principio,alla creazione. Quando cioè è stato formato l' uomo da Dio creatore,il nostro Padre Celeste, che ci ha amati da subito.
La scrittura dice in Gen. Cap. 2 v7 :”L'Eterno Iddio formò l'uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito vitale, e l'uomo divenne un'anima (nefesh) vivente. L'uomo divenne anima, al momento che Dio gli soffiò nelle narici l'alito vitale. Ad esempio l'acqua è composta da idrogeno ed ossigeno, se dividiamo questi due componenti l'acqua non esiste più . Anche per l'anima è la stessa cosa ; al momento della morte, il corpo va in polvere, mentre lo spirito ( come alito) torna a Dio e l' anima si dissolve a causa della separazione del corpo e dello spirito Eccl;12:9 “Prima che la polvere torni alla terra com'era prima, e lo spirito torni a Dio che l'ha dato”.
Dobbiamo considerare la morte come un sonno. In Dan 12:” Molti che dormono nella polvere della terra, si risveglieranno. Ma tu avviati verso la fine; tu ti riposerai e poi sorgerai per ricevere la tua parte di eredità alla fine dei giorni”.
La parola “nefesh” che significa anima, viene usata indistintamente per gli uomini come per gli animali.
State certi che vivremo per l' eternità; secondo le Sue promesse e le nostre rispettive risp
 
                                                                                                             
Se l'uomo muore può tornare in vita?
             (Resurrezione)


Per coloro che si definiscono atei il problema non si pone; per i credenti è ben diverso, grande parte del genere umano è credente, ognuno ha una propria fede in cui crede Ciò che mi sorprende però è che non tutti credono nella resurrezione, se non quelli che fanno delle Sacre Scritture la loro principale ragione di vita. Se non crediamo nella resurrezione, vanifichiamo il sacrificio di Cristo;il salario del peccato è la morte, Gesù ha dato la Sua vita come prezzo di riscatto, affinchè attraverso questo dono noi avessimo la vita eterna. Spogliandosi della gloria che aveva presso il padre, Gesù venne sulla terra come uomo, Ebr;4:15 “....Perchè non abbiamo, un Sommo Sacerdote che non possa simpatizzare con noi nelle nostre infermità;ma ne abbiamo uno che in ogni cosa è stato tentato come noi, però senza peccare" Crediamo solo ciò che la nostra mente razionale può concepire? Non convince, il ritorno in vita di coloro che nei secoli si sono addormentati nel Signore? La scienza ci ha fatto consapevoli di come avviene la nostra nascita; non è un miracolo? Anche la nostra vita lo è, nessun organo del nostro corpo funziona per nostro volere. La mente, apprende, immagazina nozioni, ci stimola, anche nel sonno continua a vagare. E' un computer! Ogni cosa che facciamo ci è suggerita dalla mente. I polmoni aspirano l'aria, immagazzinando ossigeno e scartando anidride carbonica.

Se tutto questo è un miracolo, perchè Dio, che può tutto, non può riformarci dalla polvere e far risorgere quelli che credono in Lui?

C'è molta confusione, chi crede nella reincarnazione chi si fa ibernare, chi crede nell'immortalità dell'anima. Nella chiesa cattolica, è radicata questa credenza, (contraria al testo biblico; che rende la morte, simile ad un sonno) e benchè il Credo recita che Gesù "ha da venire a giudicare i vivi e i morti"; ad ogni funerale, si sente dire dal sacerdote, che il defunto è già con Dio, accolto dai suoi angeli.

In Eccl;cap 9 :5-10 "...Difatti i viventi sanno che morranno, ma i morti non sanno nulla...

nel soggiorno dei morti non v'è più ne lavoro, ne scienza, ne sapienza..."

Ma come leggiamo in Eze;37:13-14, "E voi conoscerete che Io sono l' Eterno, quando aprirò i vostri sepolcri e vi trarrò fuori dalla vostra tomba. E metterò in voi il mio spirito e voi tornerete alla vita." Rom;8:11 " Se lo Spirito di Colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, Colui che ha risuscitato Cristo Gesù dai morti vivificherà anche i vostri corpi mortali per mezzo del Suo Spirito che abita in voi." 1° Cor;15: 12 -14 "Or se si predica che Cristo è resuscitato dai morti, come mai alcuni di voi dicono che non v'è resurrezione de' morti? Se non v'è resurrezione dei morti, neppure Cristo è resuscitato; e se Cristo non è resuscitato, vana è dunque la nostra predicazione, e vana pure è la vostra fede"

Ma noi abbiamo la nostra certezza nelle parole che Gesù ha lasciato agli apostoli Gio;6:10 "Poichè questa è la volontà del Padre mio: che chiunque contempla il Figliuolo e crede in Lui, abbia vita eterna; e io lo resusciterò nell' ultimo giorno."




                                                                                                    
  

La Santificazione



E' il passaggio dei fedeli dallo stato di peccato a quello di grazia, attraverso il compimento di precetti evangelici.

Santificazione=Hagiasmos= consacrare, mettere da parte, separazione, rottura con il male.

Ogni peccato interrompe la comunione con il Signore e contrista lo Spirito Santo Ef,4:30:

E non contristate lo Spirito Santo di Dio con il quale siete stati suggellati per il giorno della redenzione” Lo Spirito, lavora in noi, per farci riconoscere di avere peccato e indurci al pentimento. 1° Gio 1:9 “Se gli confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità” 1°Gio 2:1,2 “ Se alcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre, cioè Gesù Cristo,il giusto ed Egli è la propiziazione per i nostri peccati” Ciò è reso possibile dall'Unico Sacrificio, dall'espiazione del Figlio di Dio. Lo Spirito Santo viene in nostro aiuto Rm8:26,27 “Parimente ancora, lo Spirito sovviene alla nostra debolezza; perché noi non sappiamo pregare come si conviene, ma lo Spirito intercede Egli stesso per noi con sospiri ineffabili; e Colui che investiga i cuori conosce qual sia il sentimento dello Spirito, perché esso intercede per i santi secondo Iddio” Lo Spirito Santo, in qualità di sostituto del Cristo provoca in noi un cambiamento radicale, trasformandoci ad immagine di Lui (Rm 8:1-10) Il risultato è la metamorfosi della nostra mente che nutrendosi della Sua Parola formerà un carattere simile al Suo

2°Tes,2:13 “Iddio fin dal principio vi ha eletti a salvezza mediante la ,Santificazione nello Spirito e la fede nella verità” 1°Cor,1:30,31 “Cristo Gesù il quale ci è stato fatto da Dio, sapienza, e giustizia, e Santificazione,e redenzione, affinché, com' è scritto, “Chi si gloria, si glori nel Signore” Ebr,10:10 “Noi siamo stati santificati, mediante l'offerta del corpo di Gesù Cristo fatta una volta per sempre” Rm,6:22 Ma ora essendo stati affrancati dal peccato e fatti servi a Dio, voi: avete per frutto la vostra santificazione e per fine la vita eterna”



Pratiche di santità della Chiesa Cattolica



Da secoli la chiesa Cattolica dichiara santi ed eleva agli onori dell'altare, uomini e donne defunti che nella loro vita hanno avuto un elevato contegno morale e cristiano, attribuendo loro poteri miracolistici. Si offrono preghiere e candele, si celebrano feste in loro onore e processioni. Ciò non ha alcun fondamento biblico. La Scrittura dice che:

  1. Solo Dio ha l'autorità di dichiarare salvato qualcuno e ciò verrà a giudizio ultimato,
    dopo il ritorno di Gesù.
  2. La persona salvata, non può essere oggetto di culto, perché questo è riservato categoricamente, in modo esclusivo a Dio (Mt4:10;Ap19:10; 22:9)
  3. Tutti i defunti a parte Mosé, Enoh, ed Elia, e quelli risuscitati con Gesù, sono nella tomba in attesa di giudizio (Mt 27:52,53; Ef, 4:8; Ap 4:4,10;5:8; 7:11)

    Non dobbiamo preoccuparci della Santità altrui, quanto invece della nostra
    Ebr,12:14 “Procacciate pace con tutti e la Santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore"

                                                                                                         





Cristianesimo sinonimo di cattolicesimo?





Spesso quando si parla di Cristiani, molti intendono Cattolici, i cattolici fanno parte dei cristiani.


Ma anche gli evangelici, lo sono, anche i protestanti, lo sono, ognuno con svariate differenzazioni.


La chiesa cattolica li chiama comunemente fratelli separati. Per gli evangelici ed i protestanti i membri sono tutti uguali davanti a Dio, senza distinzione possono avere varie cariche nella chiesa, ma nessuno è più importante di un altro.


In M,20:25-28, rivolto agli apostoli: “Gesù, chiamatili a sé, disse: Voi sapete che i principi delle nazioni le signoreggiano, e che i grandi usano potestà sopra di esse. Ma non è così tra voi; anzi chiunque vorrà essere grande fra voi sarà vostro servitore; e chiunque vorrà essere primo, sarà vostro servitore; appunto come il Figliuol dell'uomo non è venuto per essere servito ma per servire, e per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti”


Una delle principali controversie tra il credo cattolico e quello delle denominazioni evangeliche, sta nell' autorità attribuita alla gerarchia ecclesiastica.


Come popolo di Dio, il nostro esistere lo dobbiamo cogliere nelle sacre scritture. Queste sono la guida per ogni cristiano, sono alla portata di tutti perché, scritte in un modo semplice, per arrivare alla mente ed al cuore di ogni credente. Spesso viene narrata la vita dei nostri predecessori, dei patriarchi, perché possa essere di insegnamento per noi. Non esisterebbe una fede cristiana senza lo studio della bibbia, scritta sì, da uomini, ma per ispirazione divina.


2° Pt,1:19 “Abbiamo pure la parola profetica, più ferma, alla quale fate bene di prestare attenzione, come a una lampada splendente in luogo oscuro, fino a quando spunti il giorno e la stella mattutina sorga nei vostri cuori. Sappiate prima di tutto questo, che nessuna profezia della Scrittura proviene da un'interpretazione personale; infatti nessuna profezia venne mai dalla volontà dell'uomo, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo.”


Per un lungo periodo “ La Scrittura “ fu proibita dalla chiesa di Roma, l'insegnamento della religione, era ed è il catechismo , la tradizione. Gli evangelici perseguitati e condannati come eretici, le bibbie bruciate sulle piazze. E' rimasta alla storia la notte di S. Bartolomeo a Parigi 1572


In epoca Costantiniana prima; e il crollo dell'Impero Romano d'Occidente poi, hanno contribuito all'espandersi del potere dei vescovi. Le potenze europee appoggiarono l'autorità gerarchica della chiesa ed il vescovo di Roma ,così proclamato da Costantino; che ritirandosi a Costantinopoli,gli


conferì la sua autorità. Nel 1870 in occasione del Concilio Vaticano 1°, fu proclamato il dogma “dell'Infallibilità Papale.” Si deve a Martin Lutero,alla sua fede ed al suo coraggio l'inizio della riforma protestante; alla quale la Chiesa reagì con la controriforma. Fervente cattolico e grande studioso comprese le scritture, lottò per la loro divulgazione , venne accusato di eresia, ebbe la scomunica, ma si batté per la verità contro la chiesa di Roma. La giustificazione per fede e non per opere, contro la vendita delle indulgenze e per l'insegnamento, non di dottrine, catechismi, dogmi e tradizioni, ma “Sola Scrittura” che è “ Parola di Dio” appellativo conferito a Cristo.


Mat,4:4 “Così non di pane soltanto vivrà l'uomo, ma d'ogni parola che procede dalla bocca di Dio” Queste sono parole di Gesù.


Rom,10:17 “Così la fede vien dall'udire e l'udire si ha per mezzo della Parola di Dio”.


Tante le contraddizioni se si consulta la Scrittura con l'insegnamento cattolico.

                                                                                              

 
Successore di Pietro

Stavo leggendo l'Osservatore Romano, un articolo sulle carte sottratte furtivamente al Papa, soffermandomi sul richiamo all' onestà intellettuale e all'etica professionale, naturalmente rivolte al giornalista che le ha pubblicate. Ma non voglio trattare tale argomento, lasciando ad altri l' interpretazione dei fatti. Mi è invece caduto l'occhio

su alcune frasi che non leggevo da tempo [Si è violentata la coscienza di chi a lui si rivolge come “al vicario di Cristo”e si è attentato al ministero del “successore dell'apostolo Pietro”Quando un cattolico parla al Romano Pontefice, è in dovere di aprirsi, come se fosse davanti a Dio, anche perchè si sente garantito dalla assoluta riservatezza.]...Ogni persona che riceve lo sfogo, o le confidenze di qualcuno, dovrebbe dare garanzia dell' assoluta riservatezza, ciò dovrebbe essere patrimonio del carattere di ognuno. premesso questo, torniamo all'argomento. Rispettando l'Autorevolezza del Papa, come capo dello stato Vaticano; come di un qualsiasi altro capo di stato. Riconoscendolo come capo della chiesa cattolica, non dobbiamo però mischiare il sacro con il profano.

Dove sta la verità storica? Chi secondo gli scritti sacri è il vicario di Cristo? Chi fu il primo papa? Dobbiamo fare chiarezza!
                                                                                 ___________________________

Vicario di Cristo

Il termine “vicario” non esiste nel linguaggio biblico. Nel dizionario Devoto.C.G.Oli
viene così definito, “Che esercita un' autorità o una funzione in sostituzione o in rappresentanza di altra persona di grado superiore”
Vicario di Cristo, e successore di Pietro, sono due titoli che si chiariscono con gli stessi versetti biblici perchè intrinsechi. Mat, 18:1-4
“In quel mentre i discepoli si accostarono a Gesù, dicendo: “Chi è dunque il maggiore nel regno dei cieli? Ed Egli chiamato a sé un piccolo fanciullo, lo pose in mezzo a loro e disse:In verità io vi dico: se non mutate, e non diventate come i piccoli fanciulli, non entrerete punto nel regno dei cieli. Chi , pertanto si abbasserà come questo piccolo fanciullo, è lui il maggiore nel regno dei cieli” ( Lu 9:46-48-Mar:9:33-37)
 Lu 22:24-30: “...il maggiore tra voi sia come il minore, e chi governa, come colui che serve...”
Secondo la bibbia la pietra angolare sulla quale si erge la chiesa è Cristo Gesù. Paolo dice in Efes,2:20-22”...Essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare, sulla quale l'edificio intero, ben collegato insieme, si va innalzando per essere un tempio santo nel Signore...” Pietro, è dello stesso parere, in Atti, 4:11,12 “Egli è la pietra che è stata da voi edificatori sprezzata,ed è divenuta la pietra angolare. E in nessun altro è la salvezza; poiché non v'è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad essere salvati.” I Pietro 2.4-8... Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, eletta, preziosa;e chiunque crede in Lui non sarà confuso...”
Sempre secondo la bibbia, solo Cristo è il capo della chiesa: Efesini 1.22-23; "Ogni cosa Ei gli ha posta sotto ai piedi, e l'ha dato per capo supremo alla Chiesa" Ef ;4:15-16. “Ma che seguitando, verità in carità, noi cresciamo in ogni cosa verso Colui che è il capo cioè Cristo"  1° Tim,2:5- “Poichè v'è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, il quale diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti”.
Gesù sapeva che era giunta l'ora di ricongiungersi al Padre, e certo immaginava che gli apostoli si sarebbero trovati persi senza la sua guida; Gio 14: 15,16 riporta queste parole di Gesù: “Se voi mi amate osserverete i miei comandamenti, e io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro consolatore (Paracleto: consigliere, intercessore) perchè stia con voi sempre.... Non vi lascerò orfani.” Gio;7:38-40 “Chi crede in me come ha detto la Scrittura, fiumi d'acqua viva sgorgheranno dal suo seno.” “Or disse questo dello
Spirito che dovevano ricevere quelli che crederebbero in Lui; poichè lo Spirito non era ancora stato dato, perchè Gesù non era ancora glorificato”. -- Amen! Grazie Padre perchè ci dai sempre ciò di cui abbiamo maggior bisogno--
                                                                                                          
Il ritorno del Signore, e gli eventi che hanno da precederlo.

2° Tess, 2:1- 4 “Or, fratelli, circa la venuta del Signor nostro Gesù Cristo e il nostro adunamento con Lui,... Nessuno vi tragga in errore in alcuna maniera; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia manifestato l'uomo del peccato,il figliuolo della perdizione, l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch'egli è Dio”

Come sarà il ritorno di Gesù?
1°Tess 4:15-18 “Poiché questo vi diciamo per Parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati; perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d'arcangelo e con la Tromba di Dio, scenderà dal cielo e i morti in Cristo risusciteranno i primi; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insieme con loro rapiti sulle nuvole, ad incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre col Signore. Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole”
Dan 7:13 “Io guardavo nelle visioni notturne, ed ecco venire sulle nuvole del cielo,uno simile ad un figliuol d'uomo; Egli giunse fino al vegliardo, e fu fatto accostare a Lui. E gli furono dati dominio, gloria e regno”

( Ascensione di Gesù)
Atti 1:9-11 “E dette queste cose, mentre essi guardavano, fu elevato; e una nuvola, accogliendolo, lo tolse dinanzi agli occhi loro. E come loro avevano gli occhi fissi in cielo, mentre Egli se ne andava, ecco due uomini in vesti bianche, si presentarono loro e dissero: Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto a voi ed assunto in cielo, verrà nella stessa maniera che l'avete veduto andare in cielo
Apoc1:4-8 “Giovanni alle sette chiese che sono nell'Asia..... Ecco Egli viene sulle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per Lui Sì , Amen. Io sono l' Alfa e l' Omega, dice il Signore Iddio che è, che era e che viene,l'Onnipotente”.
                                                                                                   

La venuta del Signore

2 Pi ; 3: 9, 13, 14 “Diletti, il Signore non ritarda l'adempimento della Sua promessa, come alcuni reputano che faccia; ma Egli è paziente verso voi, non volendo che alcuni periscano, ma che tutti giungano a ravvedersi.....13) “Ma secondo la sua promessa, noi aspettiamo nuovi cieli e nuova terra, nei quali abiti la giustizia”.
14)“Perciò diletti, aspettando queste cose, studiatevi d'esser trovati, agli occhi Suoi, immacolati e irreprensibili nella pace; e ritenete che la pazienza del nostro Signore è per la vostra salvezza.”
1°Gio 2: 1, 2, 3
“Figlioletti miei, io vi scrivo queste cose affinché non pecchiate; e se alcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre, Gesù Cristo, il giusto; ed Egli è l'espiazione per i nostri peccati. Da questo sappiamo che l'abbiamo conosciuto: se osserviamo i Suoi comandamenti”
Giac 5:7,8 Siate dunque pazienti, fratelli, fino alla venuta del Signore. Ecco, l'agricoltore aspetta il prezioso frutto della terra pazientando, finché esso abbia ricevuto la pioggia della prima e dell'ultima stagione. Siate anche voi pazienti; rinfrancate i vostri cuori, perchè la venuta del Signore è vicina”
Ap 1:3 “Beato chi legge e beati quelli che ascoltano le parole di questa profezia e fanno tesoro delle cose che vi sono scritte, perché il tempo è vicino”
Che Dio ci dia la luce necessaria per l'apprendimento della sua Parola, ché possiamo metabolizzarla , e ché divenga parte di noi
Da Christian Education, p. 80 “Quando il cuore raggiunge l'armonia con la Parola, una nuova vita sgorgherà in te, una nuova luce splenderà su ogni frase della Parola e diventerà la voce di Dio nella tua anima”
                                                                                              

 
Apostasia

Dal greco, vocabolo che significa allontanamento, abbandono; ( nella religione), “allontanamento da Dio”. Ci si può allontanare volontariamente, abbandonando la fede, oppure politicamente, ai vertici della chiesa, che di volta in volta ha cambiato ciò che Dio ha stabilito con le Sue leggi; sostituendole con dogmi e tradizioni.
Daniele e Apocalisse, presentano la chiesa apostata, come una prostituta che fornica con tutti i Re ( lo Stato è uno di questi)
L'angelo Gabriele inviato da Gesù, spiega al profeta Daniele, l'evolversi della storia ,che viene rappresentata attraverso simboli, altrimenti non sarebbe giunta fino a noi.
Quando si parla della donna vergine, pura, si intende la chiesa fedele; quando invece si parla della prostituta, si riferisce alla chiesa apostata. Le acque, sono popoli,le genti. Gli animali come spiega Gabriele sono regni, In tempo profetico, ogni giorno equivale ad un anno.
Con pazienza, discernimento e ,approfondimento della Scrittura, possiamo confrontare la profezia con la storia ed avremo l'esatta evoluzione dei fatti, abbiamo la possibilità di capire ciò che è accaduto fino ai giorni nostri e ciò che ci dobbiamo aspettare per il futuro.
Partendo dall'epoca Costantiniana prima; e il crollo dell'Impero Romano d' occidente poisi è favorito l'espandersi del potere dei vescovi. Le potenze europee appoggiarono l'autorità gerarchica della chiesa ed il vescovo di Roma (così lo aveva proclamato Costantino) divenne papa Dopo le invasioni barbariche dalle ceneri della Roma pagana, il papato prende forza e potere. Sia Daniele che Apocalisse ci presentano i regni susseguitisi, rappresentati da animali a seconda delle proprie caratteristiche ma a noi interessa quello religioso.
Caratteri dell'Apostasia: Dan 7 :8 “E le fu dato una bocca che proferiva....grandi cose”
Apo;13:5 “E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti” (quando il potere ecclesiastico si impone su quello politico). Apoc,13:7 “E le fu dato di far guerra ai santi e di vincerli; e le fu data potestà sopra ogni tribù e lingua e popolo e nazione. E tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello che è stato immolato, l'adoreranno” (vedi alla morte di papa Wojtiwa e di papa Roncalli) Dan7:25 “Egli proferirà parole contro l 'Altissimo”, (dall'insegnamento biblico emerge che attribuire caratteristiche divine ad una creatura è una bestemmia, come rimettere i peccati o venerare madonna e santi) “ridurrà allo stremo i santi dell' Altissimo, e penserà di mutare i tempi e la legge; i santi saran dati nelle sue mani per un tempo, dei tempi, e la metà d'un tempo”(538d.C.-1798d.C.- 1260 anni) Apoc13:5 “E le fu data potestà di agire per 42 mesi”(1260 anni)
La specificazione cronologica 1260 giorni (anni) o 42 mesi o,un tempo dei tempi e la metà di un tempo, sono coniati sullo schema di Daniele 7:25 e 12:7, periodo rappresentato storicamente dal potere temporale dei papi che costituisce il tempo dell'apostasia.
E penserà di mutare i tempi e la legge.
La legge è stata mutata, i comandamenti sono stati sostituiti dal catechismo che è un' altra cosa Il Sabato giorno santificato dal Signore è stato sostituito dalla domenica
Naturalmente tutto ciò non concerne i singoli uomini, inconsci dei retroscena, e inconsapevoli di tutta la verità storica, ma le strutture di potere storicamente e teologicamente determinate.
Apoc;18. 1,2,4,5... “(4,5)Poi udii un'altra voce dal cielo che diceva: Uscite da essa, o popolo mio, affinchè non siate partecipi dei suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe; poichè i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo e Dio si è ricordato delle iniquità di lei”.


Questo video è stato realizzato da Ruggiero Fiorella





                                                                                                                                     
 

Caratteri dell'Apostasia:



Dan 7 :8 E le fu dato una bocca che proferiva....grandi cose”

Apo;13:5 E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti” (quando il potere ecclesiastico si impone su quello politico). Apoc,13:7E le fu dato di far guerra ai santi e di vincerli; e le fu data potestà sopra ogni tribù e lingua e popolo e nazione. E tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello che è stato immolato, l'adoreranno” (vedi alla morte di papa Wojtiwa e di papa Roncalli )Dan,7:25Egli proferirà parole contro l 'Altissimo”, (dall'insegnamento biblico emerge che attribuire caratteristiche divine ad una creatura è una bestemmia, come rimettere i peccati o venerare madonna e santi) “ridurrà allo stremo i santi dell' Altissimo, e penserà di mutare i tempi e la legge; i santi saran dati nelle sue mani per un tempo, dei tempi, e la metà d'un tempo”(538d.C.-1798d.C.- 1260 anni) Ap,13:5 E le fu data potestà di agire per 42 mesi”(1260 anni)

La specificazione cronologica 1260 giorni (anni) o 42 mesi o,un tempo dei tempi e la metà di un tempo, sono coniati sullo schema di Daniele 7:25 e 12:7, periodo rappresentato storicamente dal potere temporale dei papi che costituisce il tempo dell'apostasia.

E penserà di mutare i tempi e la legge.

La legge è stata mutata, i comandamenti sono stati sostituiti dal catechismo( che è un' altra cosa )Il Sabato giorno santificato dal Signore è stato sostituito dalla domenica

Naturalmente tutto ciò non concerne i singoli uomini, inconsci dei retroscena, e inconsapevoli di tutta la verità storica, ma le strutture di potere storicamente e teologicamente determinate.

Apoc;18. 1,2,4,5... “(4,5)Poi udii un'altra voce dal cielo che diceva: Uscite da essa, o popolo mio, affinchè non siate partecipi dei suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe; poichè i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo e Dio si è ricordato delle iniquità di lei”.
                                                          


Profezie e profeti

Amos,3:7 Il Signore ,l'Eterno, non fa nulla, senza rivelare il Suo segreto ai Suoi servitori, i profeti.”

2°Pt,1:19-21 Non è dalla volontà umana che venne mai alcuna profezia, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo”

Sia nell'Antico testamento, come nel Nuovo, Dio ha parlato al suo popolo attraverso i profeti; Daniele (dal 603 a C fino ai giorni nostri) Ezechiele, Geremia, Isaia; e nel Nuovo Testamento, dai Vangeli a Paolo, a Giovanni. I capitoli di Daniele ed Apocalisse sono per noi, i più importanti, perché profetizzano entrambi dall'inizio del Cristianesimo ad oggi ed oltre; essendo complementari. Profetizzano i tempi della Fine, per cui siamo convinti interessino i tempi in cui viviamo. La vericità delle profezie adempiute nei secoli trascorsi è per noi motivo di garanzia.

E' storia, la distruzione di Ninive (sofonia,2:13-15) o di Tiro, (Ezec,26:3-5,12,14) Babilonia.....

Gerusalemme ed il suo tempio. La persecuzione d'Israele, (degli Ebrei) 800 anni a C.

Osea 8:8;9:17 “Il mio Dio ti rigetterà, perché non gli hai dato ascolto; ed essi andranno errando fra le nazioni” Gesù annunciò ( Lu,21:24) “Cadranno sotto il taglio della spada e saranno menati in cattività fra tutte le genti; e Gerusalemme sarà calpestata dai Gentili, finché i tempi dei Gentili saranno compiuti” La prima venuta del Messia e sua morte (Isaia,53)ed altri passi. Adesso aspettiamo il Suo ritorno; Giac,5:7,8 “Siate dunque pazienti, fratelli fino alla venuta del Signore.

Ecco l'agricoltore aspetta il prezioso frutto della terra pazientando, finché, esso abbia ricevuto la pioggia della prima e dell'ultima stagione. Siate anche voi pazienti; rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina.”

La nostra mente deve essere dominata da un solo pensiero; presto Gesù ritornerà, questa è una grande verità alla quale dobbiamo essere attaccati, è Lui che ce lo dice

Gio,14:4. “Io verrò di nuovo e vi accoglierò presso di me, affinché là dove sono io siate anche voi”

Finalmente la giustizia trionferà. Matt,7:22 “Molti mi diranno in quel giorno: Signore! Signore, non abbiamo noi profetizzato in nome tuo, e in nome tuo cacciato demoni, e fatte in nome tuo molte opere potenti? E allora dichiarerò loro: Io non vi conobbi mai; dipartitevi da me, voi tutti operatori d'iniquità” Ap,22:12 “Ecco-Egli dice- Io vengo tosto, e il mio premio è con me, per rendere a ciascuno secondo che sarà l'opera sua”.

Ap,21:4 “Dio asciugherà ogni lacrima dagli occhi loro e la morte non sarà più; né ci saran più cordoglio, né dolore, poiché le cose di prima sono passate”

Isaia,65:19-25 “.....non si udranno più voci di pianto, né gridi d'angoscia;........Essi costruiranno case e le abiteranno. Non si affaticheranno invano.....E avverrà che, prima che mi invochino, io risponderò, parleranno ancora, che già li avrò esauditi........il lupo e l'agnello pasceranno insieme,

il leone mangerà la paglia come il bue..... Non si farà più danno, né guasto su tutto il mio monte santo,” dice l'Eterno.

MARANHATA'- Il Signore viene! Gioite!

Ap22:20”Si vengo tosto! Amen! Vieni signor Gesù! La grazia del Signor Gesù sia con tutti”.
                                                                    

SEGNI e PRODIGI...VERI PROFETI


Nel cap. 24 di Matteo, troviamo il discorso profetico di Gesù, che riguarda i tempi della fine.
Tra i tanti segni, ambientali,morali,ecc...il Signore ci mette in guardia dai falsi profeti: “Guardate che nessuno vi seduca. Poiché molti verranno sotto il mio nome...e ne sedurranno molti...non lo credete; perchè sorgeranno falsi Cristi e falsi profeti, e faranno gran segni e prodigi da sedurre se fosse possibile anche gli eletti Molte persone ingenuamente si lasciano influenzare dai Media o dai giornali, molti ricorrono agli oroscopi. Il perchè di tutto ciò è una grande insicurezza sul futuro. Quante nuove veggenti, mi riferisco anche a Meljugorie. Veri o presunti tali accadono dei fatti inspiegabili.( Gesù ci parla di segni e prodigi). Dovremmo fare come il popolo di Berea, Che prima di accettare l'evangelo riferito loro dagli apostoli,consultarono le scritture per vedere se le cose stavano realmente così. Dobbiamo sempre chiederci se sono da Dio. Uno solo sa ciò che accadrà e non è parte di questo mondo, è Colui che lo ha creato
2° Piet 1:21 dice: Non è dalla volontà dell'uomo che venne mai alcuna profezia (biblica) ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perchè sospinti dallo Spirito Santo”.
Il profeta non è colui che predice, bensì colui che parla a nome di Dio.
In ogni tempo Dio ha parlato attraverso i suoi profeti, nel corso della storia... Ezechiele,Zaccaria, Davide, Eliseo, Geremia,ed altri più grandi Isaia, Daniele, Giovanni...


ISAIA : il cui nome significa "Salvezza del Signore” è vissuto nell'ottavo sec. a.C. Con ottocento anni di anticipo (per parola di Dio) predice come il messia sarebbe nato, come sarebbe morto.
Is;7:14-15 / 9:5 /cap 11/52:13-15 /53 “...era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna. E nondimeno, eran le nostre malattie ch'Egli portava,erano i nostri dolori quelli di cui si era caricato;e noi lo reputavamo colpito, battuto da Dio, ed umiliato! Ma Egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità;il castigo, per cui abbiamo pace, è stato su Lui, e per le sue lividure noi abbiamo avuto guarigione. Noi tutti eravamo erranti come pecore, ognun di noi seguiva la propria via; e l'Eterno ha fatto cader su Lui l'iniquità di noi tutti. Maltrattato, umiliò se stesso, e non aperse la bocca. Come l'agnello menato allo scannatoio, come la pecora muta dinanzi a chi la tosa, Egli non aprì la bocca... perchè Egli ha portato i peccati di molti, ed ha interceduto per i trasgressori.” chi in questi brani non riconosce la figura del Cristo? E chi non si emoziona davanti a questa verità?


Da Dizionario di Dottrine Bibliche

Profezie messianiche e come si sono adempiute

Adempimento-------------------------------------------Predizione
Nato dalla stirpe di Davide
Matt1:1                                                                        Ger23:5,6
Nato a Betleem
Matt2:1                                                                        Mich5:1
Nato da una vergine
Matt 1:18-26                                                               Is7:14
Chiamato Emanuele
Matt 1:21-23                                                               Is 7:14
Adorato dai principi
Matt 2:1-11                                                                 Sal 72:10-12
Unto dallo Spirito Santo
Mat, 3-16                                                                     Is,11:1,2
Avrebbe fatto guarigioni miracolose
Mat,11:4,5                                                                   Is,35:5,6
Sarebbe odiato dai giudei
Gv15:25                                                                       Sal 69:4
Sarebbe tradito da un discepolo
Gv, 13:18                                                                     Sal, 41:9
Venduto per 30 sicli d'argento
Mat, 26:14,15                                                              Zacc,11:12
Avrebbe sofferto per i peccati del popolo
Mat, 20:28                                                                    Is, 53:4
Mani e piedi sarebbero stati forati
Gv, 20:25                                                                     Sal, 22:16
Spartite e divise le sue vesti
Mat, 27:35                                                                    Sal, 22:18
Nessun osso sarebbe stato rotto
Gv, 19:33,34                                                                Sal, 34:20
Sepolto col ricco
Mat, 27:57-60                                                              Is, 53:9
Risorto dai morti
Atti, 2:24-31                                                                Sal, 16:10




_________________________________________________



DANIELE



Grande profeta, fu deportato giovanissimo in Babilonia,
da Nabucodonosor, verso il 605 A.C.
Più e più volte l'angelo del Signore è andato a parlargli, dandogli nozioni sul futuro dell'umanità.
Al cap. 2 del libro di Daniele; ci viene narrato che nel 2° anno del suo regno Nabucodonosor, fece un sogno, che nessun mago, nessun astrologo, furono in grado di interpretare, maggiormente per il fatto che il re non ricordava il sogno ma pretendeva che loro dovessero sapere, e promulgò un decreto che tutti i savi di Babilonia fossero uccisi.
Daniele e i suoi compagni pregarono tutta la notte, solo Dio avrebbe potuto salvarli da questa situazione, Dio rivelò a Daniele il sogno e la sua interpretazione, Daniele andò dal re, dicendo che solo il Dio del cielo poteva svelare al re, ciò che lui voleva. Anzi gli ricordò quali erano i suoi pensieri prima di addormentarsi,
"Tu o re stavi pensando a ciò che sarebbe accaduto dopo di te ,
del tuo regno. Tu guardavi ed ecco una grande, immensa statua, d'uno splendore straordinario.
La testa di questa statua era d'oro fino, il petto e le sue braccia erano d'argento, il ventre e le cosce erano di rame; le sue gambe di ferro; i suoi piedi, in parte di ferro e inparte di argilla. Tu stavi guardando, quand'ecco una pietra, si staccò senz, 'opera di mano, e colpì la statua, proprio nei piedi.
La statua si frantumò e non ne rimase che polvere, che il vento portò via; ma la pietra divenne un grande monte, che riempì tutta la terra. Questo è il sogno; ora ne daremo l'interpretazione al re.”
Dice Daniele.La testa d'oro sei tu; e dopo di te sorgerà un altro regno, inferiore al tuo (l'impero medo-persiano, secondo la storia), poi ci sarà un terzo regno, di rame (la Grecia); poi un quarto regno forte come il ferro, poiché come il ferro spezza ed abbatte ogni cosa (l'impero romano); e come hai visto i piedi in parte di argilla e in parte di ferro, cosi quel regno sarà diviso, non saranno mai uniti (ecco il mondo di oggi). E' al tempo di questi re, che l'Iddio del cielo farà nascere un regno, che non sarà mai distrutto, esso sussisterà in eterno”
E' stato qui riportato un riassunto del cap. 2, che consiglio di leggere in toto.
Di questi regni, Daniele, ne parlerà ancora ai cap. 7-8-9.12; con altre visioni ed altri simboli.
Al cap. 8, l'angelo Gabriele appare in visione a Daniele e al vers:17 “....ma egli mi disse:
[Intendi bene, o figliuol d'uomo, perchè questa visione concerne il tempo della fine] (vers.26)
[Tu tieni segreta la visione, perchè si riferisce ad un tempo lontano]”
(Al cap 12; vers.4) E tu Daniele, tieni nascoste queste parole, e sigilla il libro sino al tempo della fine; molti lo studieranno con cura, e la conoscenza aumenterà....(vers,13) Ma tu avviati verso la fine; tu ti riposerai, e poi sorgerai per ricevere la tua parte di eredità alla fine dei giorni”
Dio fa conoscere al suo popolo ciò che deve accadere, e ciò che si deve aspettare, a coloro che lo ricercano. Dio sapeva che l'uomo avrebbe portato la terra alla distruzione. ce lo ha preavvisato.
Caldo torrido , clima tropicale, siccità , scioglimento dei ghiacciai eterni, conseguenti alluvioni, disastri, terremoti.
Avevamo un giardino da custodire e ...adesso?
Torniamo a Matteo 24”Il discorso profetico di Gesù” vers;14: “....e questo evangelo del regno sarà predicato per tutto il mondo, onde ne sia resa testimonianza a tutte le genti;e allora verrà la fine.”
Vers; 32-36:”Or imparate dal fico questa similitudine; quando già i suoi rami si fanno teneri e mettono le foglie, voi sapete che l'estate è vicina. Così anche voi , quando vedrete tutte queste cose sappiate che Egli è vicino, proprio alle porte. Io vi dico in verità che questa generazione non passerà prima che tutte queste cose siano avvenute. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Ma quant'è a quel giorno ed a quell'ora nessuno li sa, neppure gli angeli dei cieli, neppure il Figliuolo, ma il PADRE solo.

(per capire meglio consiglio di leggere tutto il capitolo di Matteo 24)

                                                                                        

Il profeta Malachia

Malachia è l'ultimo dei profeti dell'Antico Testamento. In questa scrittura Dio attraverso il profeta, ci richiama all'osservanza delle sue leggi, da buon padre affettuoso ci chiede di tornare a Lui perché il tempo del giudizio sta per terminare;
Cap: 3,4
v1) “Ecco io vi mando il mio messaggero; egli preparerà la via davanti a me. E subito il Signore che voi cercate, l'Angelo del patto, che voi bramate,entrerà nel Suo tempio.”
V2) “Ecco Ei viene, dice l'Eterno degli eserciti, e chi potrà sostenere il giorno della Sua venuta? Chi potrà rimanere in piè quand' Egli apparirà?”
v5) “E Io mi accosterò a voi per il giudizio,e, senza indugio, Io sarò testimonio contro gli incantatori, contro gli adulteri, contro quelli che giurano il falso, contro quelli che frodano l'operaio del suo salario, che opprimono la vedova e l'orfano, che fanno torto allo straniero, e non temono Me, dice l'Eterno degli eserciti. Poiché Io l'Eterno, non muto .
v7) “Fin dai giorni dei vostri padri voi vi siete scostati dalle mie prescrizioni, e non le avete osservate. Tornate a Me, ed Io tornerò a voi”
Cap 4:1) “Poiché ecco il giorno viene, ardente come una fornace; e tutti i superbi e chiunque opera empiamente saranno come stoppia; e il giorno che viene li divamperà.
V2) “Ma per voi che temete il Mio nome si leverà il sole della giustizia e la guarigione sarà nelle sue ali; e voi uscirete e salterete come vitelli di stalla”
v4,5) “ Ricordatevi della legge di Mosé, mio servo,al quale Io diedi in Horeb, per tutto Israele, leggi e prescrizioni. Ecco Io vi mando Elia, il profeta, prima che venga il giorno dell'Eterno....”
Per molti secoli il popolo di Dio, ha subito restrizioni, La predicazione del messaggio del vangelo fu proibita con pene severissime dal 538 al 1798. Nella prima metà del 200, la Chiesa di Roma, istituì l'Inquisizione contro i protestanti, Valdesi, Luterani ecc.
In Italia la repressione sui protestanti fu più intenza sotto il pontificato di Paolo 4°(1555-1559) La repressione ci fu anche in Germania, in Francia è nota quella contro gli Ugonotti
( Luigi xiv) Durante questo lungo periodo nel quale la bibbia fu proibita con persecuzioni, alcuni cristiani chiamati Colportori cercarono di diffonderla furtivamente. Purtroppo ancora oggi in alcuni paesi le conversioni al cristianesimo sono punite con la pena di morte. Questo periodo di tenebre spirituali, non si protrarrà perché la gloria di Dio risplenderà per dare conforto a coloro che soffrono, Ovunque ci sono persone disperate, bisognose. Le scritture affermano che il ritorno di Gesù avverrà nel periodo più oscuro della storia della terra
Nel discorso profetico di Gesù : Matteo cap 24, Luca 21, Marco 13 Egli spiega ai discepoli gli eventi che precedono il Suo ritorno, “ Quando queste cose cominceranno ad avvenire, rialzatevi, levate il capo, perché la vostra redenzione è vicina......Guardate il fico e tutti gli alberi; quando cominciano a germogliare, voi, guardando, riconoscete che l'estate è vicina. Così quando vedrete avvenire tutte queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino”.
Questo evangelo del regno sarà predicato in tutto il mondo, onde ne sia resa testimonianza a tutte le genti, e allora verrà la fine”
Il sorprendente adempimento dei segni predetti dalla Scrittura forma un insieme di prove irrefutabili, che ci danno la certezza che il suo ritorno è vicino.
Ap,1:7 “Ecco, Egli viene sulle nuvole ed ogni occhio lo vedrà, lo vedranno anche quelli che lo trafissero e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per Lui”
Eb10:37 “Ancora un po' di tempo e Colui che deve venire verrà e non tarderà”
La grazia del Signor nostro Gesù Cristo sia su tutti noi!

Si consiglia per maggior conoscenza dei fatti sopra citati “Voce della profezia.org


                                                                                                                          

E' Ora!!!

La religione, almeno in Italia è data per scontata; si nasce (solitamente) in un ambiente cattolico, per cui si vive nella tradizione, non per conversione o per accettazione. Non sei tu che decidi, ma altri decidono per te. Ti battezzano... cresimano...comunicano. La maggior parte dei componenti della famiglia ha poco tempo per andare in chiesa, i bambini vengono mandati magari con la nonna; la religione è cosa...... per bambini e vecchi I ragazzi frequentano l'oratorio e studiano il catechismo, surrogato di quello che dovrebbe essere uno studio biblico. Poche famiglie trascorrono del tempo, riunite, per ringraziare Dio per i doni ricevuti, o richiedere la Sua benedizione prima del pasto quotidiano.
Abbiamo bisogno di inserire un dubbio nella nostra mente: “Sono veramente in sintonia con il mio Creatore?” Mi comporto secondo le regole di Dio, o degli uomini?
Non siamo nati per caso! Ma per volere di Dio, e Lui ha un suo progetto per ognuno di noi.
Possiamo vivere lontano da Lui e dalle Sue regole, siamo liberi di farlo; ma la vita ha una fine per tutti e quindi dovremo rendere conto di come l'abbiamo investita, o sprecata , o ancor peggio distrutta. Viviamo in sintonia con ciò che Dio si aspetta da ciascuno di noi?
Anche il mondo che ci circonda è alla resa dei conti, non per sua colpa, ma perchè l'uomo non ha avuto per la terra, la cura del buon padre di famiglia.
Il nostro mondo è al collasso fisico e morale; terremoti ,frane, sempre più disastrosi e frequenti portano con sé sciagure e morti.. I ghiacciai eterni si stanno sciogliendo per il riscaldamento globale. Tutti gli elementi, sembrano non seguire più il loro decorso naturale. Il mare non ha più pesce. Le balene perdono il loro percorso abituale venendo a morire sulle nostre spiagge. I delfini morti, trovati denutriti, sulle spiagge italiane, avevano lo stomaco vuoto. E' sempre cronaca di questi giorni dei leoni marini che sono stati soccorsi, insabbiatisi sulle coste americane , anch'essi trovati denutriti e morenti . E' un bollettino di guerra!!
Ap 12:12 “Guai a voi, o terra, o mare! Perché il diavolo è disceso a voi con gran furore, sapendo di non aver che breve tempo” Che dire poi nel campo etico e morale …?Il dilagare della corruzione, suicidi e omicidi sempre più frequenti, violenze, specialmente
sulle donne anche giovanissime, e sui bambini.
2Cor.11:14 “Ci saranno falsi apostoli che si travestono da apostoli di Cristo. E non c'è da meravigliarsene, perché anche Satana si traveste da angelo di luce”
Satana è il principe di questo mondo, scacciato dall'Eden cerca di accattivarsi più anime possibili. Accusando Dio delle catastrofi che avvengono. Non è forse l'uomo da lui istigato al successo, il responsabile di tutto ciò?
1° Pt.4:7 “Or la fine di ogni cosa è vicina, siate dunque moderati e sobri, dedicandovi alla preghiera” La fine non è così lontana, noi oggi dobbiamo prendere la decisione di comportarci come figli di Dio. Gesù ci ha indicato la strada. C'è una sola via ed un solo pastore, che ci conduce alla nostra casa celeste, che Gesù ci ha promesso prima di tornare nei cieli. Gv12:31 Ora avviene il giudizio di questo mondo; ora, sarà cacciato fuori il
principe di questo mondo; e io quando sarò innalzato dalla terra, trarrò tutti a me”
dice Gesù Gv,14:1-4 “Il vostro cuore non sia turbato voi avete fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; e quando sarò andato e v'avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinchè dove son io, siate anche voi” Lo disse ai discepoli ma possiamo appropriarci di questa promessa perché sempre in Gv.17:20 nella preghiera sacerdotale al Padre dice: Io non ti prego soltanto per questi, ma anche per quelli che credono in me per mezzo della loro parola”
L'unica via per accedere al Padre: Gesù (Gv 14:6); l'unico mediatore tra Dio e l'uomo: Gesù (1°Tim.2:5); Un solo Signore: Gesù, Figlio di Dio (Ef 4:5) .Non esistono altri intercessori.
Dice Gesù: Non vi dico che pregherò il Padre per voi; poiché il Padre stesso vi ama”
Dobbiamo ricorrere ai cosiddetti santi, se sono queste le promesse di Gesù?
Gv.17:5 “Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio e Colui che tu Hai mandato Gesù Cristo”
1°Pt 5:7 “Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché Egli v'innalsi a suo tempo, gettando su Lui ogni vostra sollecitudine, perch'Egli ha cura di voi”


                                                  

Gesù è nel Santuario Celeste. Ha iniziato il giudizio investigativo

Ogni generazione di Cristiani, ha sempre pensato di vivere nel tempo della fine.
Gli apostoli pensavano che Gesù sarebbe ritornato sicuramente nella loro epoca.
Matteo 24:3 “I discepoli gli si accostarono in disparte, dicendo:< Dicci: Quando avverranno queste cose, e quale sarà il segno della tua venuta e della fine dell' età presente? >” Se questa convinzione nel passato era una supposizione suffragata da qualche evento; oggi ne abbiamo una maggiore certezza . La vita sul nostro pianeta , per quanto possiamo capire dalle notizie che ci pervengono, si sta avviando ad una fase finale. Lo scioglimento dei ghiacciai eterni, ne sono una prova, terremoti catastrofici sempre più frequenti, secondo le indicazioni di Gesù, coincidono anche altri fattori, di carattere etico e morale
Se Matteo 24 ci presenta previsioni sugli eventi finali; in Daniele e in Apocalisse, le profezie ci vengono presentate secondo una sequenza cronologica.
Per capire:< il profeta Daniele (vissuto quasi 600 anni prima di Cristo,) prega con grande tenacia Iddio, per conoscere quale sarà il destino del suo popolo. Gli appare un angelo che gli profetizza ben oltre, fino al tempo della fine. Dan 8: 14 “Egli mi disse:Fino a duemilatrecento sere e mattine; poi il santuario sarà purificato. ( in epoca profetica ogni giorno eqivale ad un anno) 2300anni che l'angelo spiega partire dalla ricostruzione delle mura di Gerusalemme nel456 circa aC, finiscono nell'ottobre del 1844;
William Miller, pastore protestante dedicatosi a questo studio, insieme ai suoi seguaci,aspettarono erroneamente il ritorno di Gesù. Ci fu una grande sofferenza e delusione. Non vi fu alcun errore di calcolo ,la data era esatta ma fu sbagliata l'interpretazione, il santuario sarà purificato non significava il ritorno di Gesù sulla terra, ma la sua entrata nel santuario celeste come Sommo Sacerdote (Per capire meglio le funzioni del Sommo Sacerdote si consiglia la lettura in Esodo) Il tempo in cui viviamo oggi, è quello del giudizio investigativo.
Quando Gesù chiuderà i libri, allora ritornerà. Ap20:12 “E vidi i morti, grandi e piccoli, che stavan ritti davanti al trono; ed i libri furono aperti; ed un altro libro fu aperto,che è il libro della vita; e i morti furono giudicati, ciascuno secondo le proprie opere”
Ap 14:12 “Qui è la costanza dei santi, che osservano i comandamenti di Dio e la fede in Gesù”


www.vocedellaprofezia.org.

_________________________________________________




Simbolismo dei numeri nella Scrittura

Nella Scrittura alcuni numeri hanno un significato simbolico, spesso numeri ricorrenti

UNO---Ebraico: echad; greco: heis

Esprime unità: Dt. 6:4 “Ascolta Israele: l'Eterno, l'Iddio nostro , è l'unico Eterno”
1°Cor 8:6 “Nondimeno per noi c'è un solo Dio” Atti 17:26 “Egli ha tratto da uno solo tutte le nazioni degli uomini” Gv,10:30 “Io e il Padre siamo uno” Gv,17:21 “Che siamo tutti uno, che come Padre tu sei in me....” Ef,4:4-6 “V'è un corpo unico ed un unico Spirito, come pure siete stati chiamati ad un unica speranza, quella della vostra vocazione. V'è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un Dio unico e Padre di tutti, che è sopra a tutti, fra tutti, ed in tutti” Gn,2:24 “Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una stessa carne”                                                        

DUE----ebraico: shnayi; greco: dyo

Talvolta questo esprime nella Scrittura l'unione. Gn,2:24; Mt,19:5 “.......si unirà con la moglie e i due saranno una sola carne” vers,6 “Talchè non sono più due, ma una sola carne; quello dunque che Iddio ha congiunto, l'uomo non separi” Le tavole della legge erano due: Dt,9:10 “E l'Eterno mi dette le due tavole di pietra scritte col dito di Dio” Quando ci fu il diluvio Dio disse a Mosè, riferendosi agli animali: Gn,6:19 “Fanne entrare nell'arca due di ogni specie per conservarli in vita con te; e siano maschio e femmina/ Talvolta può esprimere divisione/ Lc,16:13 “Nessuno può servire due padroni” Al ritorno di Cristo, Mt,24:40,41 “Allora due saranno nel campo; l'uno sarà preso e l'altro lasciato; due donne macineranno al mulino, una sarà presa e l'altra lasciata”

TRE---ebraico: shalosh; greco:treis

Il tre ricorre frequentemente nella Scrittura; Gn,18:2; Abrahamo fu visitato dagli angeli presso la quercia di Mamre, “ Abrahamo, alzò gli occhi, ed ecco che scorse tre uomini, i quali stavano dinanzi a lui” Giona,2:1 “E l'Eterno fece venire un gran pesce per inghiottire Giona; e Giona fu nel ventre del pesce tre giorni e tre notti” Mc.8:31; Mt,16:21 “ Poi cominciò ad insegnare loro che era necessario che il Figliuol dell'uomo soffrisse molte cose, e fosse reietto dagli anziani e dai capi sacerdoti e dagli scribi, e fosse ucciso, e in capo a TRE giorni risuscitasse” Mt,26:69-75 Pietro rinnega di conoscere Gesù per tre volte e per tre volte ancora dovette confessarlo. Ed anche in rapporto con la Divinità Ap,16:13 “E vidi uscir dalla bocca del dragone e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta TRE spiriti immondi simili a rane” Ap,14:6-9 ; Tre angeli proclamano i giudizi di Dio. Nella formula battesimale TRE sono le persone citate “Padre, Figlio e Spirito Santo”

Num,6:24-26 “ Voi benedirete così i figliuoli d'Israele; direte loro: “L'Eterno ti benedica e ti guardi! L'Eterno faccia risplendere il Suo volto su te e ti sia propizio! L'Eterno volga verso di te il Suo volto e ti dia la pace”

Quattro---ebraico:'harba'; greco: téssaros

Il quattro da idea di totalità Dan,7:2,3 “ Daniele dunque prese a dire: Io guardavo, nella mia visione notturna, ed ecco scatenarsi sul mar grande i quattro venti del cielo. E quattro grandi bestie salirono dal mare, una diversa dall'altra” Ap7:1 “Dopo questo, io vidi quattro angeli che stavano in piè ai quattro canti della terra, ritenendo i quattro venti della terra affinché non soffiassero vento alcuno sulla terra” Ap 20:7,8 “E quando i mille anni saranno compiti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro canti della terra”

Sei---ebraico: shesh; greco Hex

Il numero sei è collegato con l'uomo Gn,1:26-31; L'uomo fu creato il 6° giorno Es,20:9; “Lavora sei giorni e fa in essi ogni opera tua; ma il settimo è giorno di riposo, SACRO ALL'ETERNO”

Lev,25:3 “Per sei anni seminerai il tuo campo, per sei anni poterai la tua vigna, e ne raccoglierai i frutti; ma il settimo anno sarà un sabato, un riposo completo per la terra, un sabato in onore dell'Eterno” Es,24:15,16 “Mosè dunque salì sul monte, e la nuvola ricoprì il monte. E la gloria dell'Eterno rimase sul monte Sinai e la nuvola lo coprì per sei giorni, e il settimo giorno l'Eterno chiamò Mosè di mezzo alla nuvola”

Sette---ebraico: shva'; greco: heptà

Il sette è il numero più presente in tutta la scrittura , significa totalità, perfezione, santità. Gn,2:1 “Così furono compiuti i cieli e la terra e tutto l'esercito loro. Il settimo giorno, Iddio compì l'opera che aveva creata e fatta e si riposò il settimo giorno. E Dio benedisse il settimo giorno e lo Santificò” perché in esso si riposò da tutta l'opera che aveva creata e fatta” (Non il primo, la domenica, ( il 1° giorno è umano, il 7° è divino) Dio non può accettare questa sostituzione.

Ap,5:1 “E vidi nella destra di Colui che sedeva sul trono un libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con 7 suggelli. E vidi un angelo potente che bandiva con gran voce: Chi è degno di aprire il libro e di romperne i suggelli?” Ap,5:5 “E uno degli angeli mi disse: “Non piangere; ecco, il Leone che è della tribù di Giuda, il Rampollo di Davide, ha vinto per aprire il libro e i suoi sette Suggelli” Si riferisce a Gesù, vedi (Is,11:1; 53:2; Mt2:1)

Ap 5:6 “Poi vidi, in mezzo al trono e alle 4 creature viventi e in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, ( Rif: Gesù) che pareva essere stato immolato, ed aveva sette corna e sette occhi che sono i sette spiriti di Dio mandati per tutta la terra” Le corna sono simbolo di forza e di potenza . (lo Spirito Santo); Gli occhi rappresentano l'onniscenza di Dio; “per tutta la terra”, l'onnipresenza di Dio. Unità perfetta tra Gesù e lo Spirito Santo. Il candelabro israelita è a sette bracci; nell'arca del diluvio entrarono sette paia di animali mondi;sette anni dura la costruzione del tempio; sette giorni duravano le festività degli Azzimi e delle capanne. Per sei anni si coltivava un campo, ma il 7° la terra doveva avere un anno sabbatico di riposo. Il sette è anche simbolo di cose negative.
Sette anni di carestia afflissero l'Egitto; Maria Maddalena fu posseduta da sette demoni (la totalità);
In Apocalisse, il Dragone e la Bestia hanno 7 teste; Ap,15: i sette angeli e le sette coppe o le sette ultime piaghe, poiché con esse si compie l'ira di Dio.

Dieci---ebraico:'eser; greco: déka

In Esodo 20 Dio consegna a Mosé le due tavole di pietra scritte con il dito di Dio contenenti i 10 comandamenti; legge per la quale puoi essere salvato: Mt 19:18 “Se vuoi entrare nella vita osserva i comandamenti”. In 1° Cor,6:9,10 ; sono 10 i peccati per i quali non possiamo essere salvati. Nelle parabole di Gesù troviamo quella “ delle dieci vergini”; delle 10 mine, dei 10 talenti . 10 furono le piaghe d'Egitto; Dan,2:42, le dieci dita della statua del sogno di Nabucodonosor; Dan,7:il Dragone con le dieci corna.

Dodici---ebraico:shnem-'osar; greco dodeka

Ester, 8:12 “l'anno suddiviso in 12 mesi” Gv,11:9; Daniele, 4:29 “ il giorno suddiviso in 12 ore” 12, le tribù d'Israele; 12 le pietre preziose sul pettorale del Sommo Sacerdote,una per ogni tribù. 12 le focacce azzime nel santuario. 12 erano gli apostoli; 12 le porte della Gerusalemme Celeste ad ogni porta 12 angeli.

Quaranta---ebraico: arba' im; greco: tessaràkonta

Questo numero è legato ad interventi di Dio verso gli uomini
Quando Noè entrò nell'arca piovve per quaranta giorni (Gn,7:17)
Per quarant'anni il popolo d'Israele fu costretto a vivere nel deserto

Es,24:18 “E Mosè entrò in mezzo alla nuvola e salì sul monte;e Mosè rimase sul monte 40 giorni e 40 notti” Mt,4:1,2 “Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per essere tentato dal diavolo. E dopo che ebbe digiunato per 40 giorni e 40 notti alla fine ebbe fame”

Settanta---ebraico: shiv' im; greco: ebdomekonta

Questo numero mette in rilievo l'autorità di Dio. Per la sua ribellione a Dio il popolo di Giuda dovrà rimanere in esilio settanta anni (Ger,25:11); Dan 9:24 “Settanta settimane (di anni cioè 490anni) sono fissate riguardo al tuo popolo e alla tua santa città, per far cessare la trasgressione”E per la prima venuta del Messia. 70 anziani aiutano Mosè a risolvere i problemi che si presentavano quando erano nel deserto. Gesù manda in missione 70 discepoli: Lc,10:1 “Or dopo queste cose, il Signore designò altri 70 discepoli, e li mandò a due a due dinanzi a sé....” vers 17 “Or i 70 tornarono con gioia, dicendo : “Signore, anche i demoni ci sono sottoposti nel tuo nome!”

Seicentosessantasei---

E' il numero più enigmatico dell'Apocalisse. Molte sono le logiche legate a questo numero,ma nessuna di piena chiarezza. Si pensa che Giovanni sia ricorso ad un espediente letterario in uso presso i greci, ed i latini, nonché tra gli ebrei; la ghematria, un gioco in cui un nome veniva celato in una cifra ,che, poteva essere interpretata, sommando i valori delle singole lettere. Può essere un nome od un appellativo. Questo numero viene utilizzato da Giovanni per identificare il nome della bestia di Apocalisse dei cap. 13 e 17 . Potere politico—religioso che obbligherà le persone a seguirlo Ap,13:16 “E faceva sì che a tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e servi, fosse posto un marchio sulla mano destra o sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere se non chi avesse il marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intendimento conti il numero della bestia, poiché è numero d'uomo: e il suo numero è 666”

Apocalisse

E' Giovanni che scrive, l'apostolo tanto amato da Gesù, il suo nome, in ebraico “Yohanan”, significa (grazia di YHWH) ; sue sono le visioni che l'Eterno gli ha date per far sapere al Suo popolo, ciò che sarebbe avvenuto nei secoli seguenti e principalmente nei tempi della fine. Apocalisse significa Rivelazione; si reputa scritta intorno al 96 d.C. Inizia così:

La Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha data per mostrare ai suoi servitori le cose che devono avvenire in breve; ed Egli l'ha fatta conoscere mandandola per mezzo del Suo angelo al Suo servitore Giovanni, il quale ha attestato la Parola di Dio e la testimonianza di Gesù Cristo, tutto ciò che egli ha veduto”. Fino a tutto il cap. 3 , troviamo consigli e giudizi su le prime sette chiese dell'Asia, che però si riferiscono ad altrettanti periodi storici con le stesse caratteristiche. Es: Sardi(1517); Filadelfia, (1798); ultima Laodicea.

Apocalisse si presenta come visione profetica della storia ,dall'epoca di Giovanni fino alla venuta di Gesù ed oltre

Apocalisse 5 “Il libro dell'avvenire sigillato”

E vidi nella destra di Colui che sedeva sul trono,(Dio Padre)

un libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con sette suggelli. E vidi un angelo potente che bandiva con gran voce: Chi è degno di rompere i sigilli?....E io piangevo forte perché non era stato trovato nessuno degno di aprire e di leggere il libro, e neppure di guardarlo. Allora uno degli anziani mi disse: Non piangere; ecco, il Leone che è della tribù di Giuda, il Rampollo di Davide, (Gesù) ha vinto per aprire il libro e i suoi sette sigilli. Poi vidi , in mezzo al trono e alle quattro creature viventi in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, che pareva essere stato immolato, (Gesù) ed aveva sette corna,(simbolo di potenza) e sette occhi che sono i sette spiriti di Dio mandati per tutta la terra.

(onnipresenza ed onniscenza; lo Spirito Santo) Ed Egli venne e prese il libro dalla destra di Colui che sedeva sul trono. E quando ebbe preso il libro, i quattro esseri viventi e i ventiquattro anziani si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno una cetra e delle coppe d'oro piene di profumi, che sono le preghiere dei santi. (dei fedeli) E cantavano un nuovo cantico dicendo: “Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato ucciso, e col tuo sangue ci hai comprati a Dio da ogni tribù, lingua, popolo e nazione, e ci hai fatti re e sacerdoti per il nostro Dio, e regneremo sulla terra” Quindi vidi e udii la voce di molti angeli intorno al trono, agli esseri viventi e agli anziani; il loro numero era di miriadi di miriadi e di migliaia di migliaia, che dicevano a gran voce: “Degno è l'Agnello che è stato ucciso, di ricevere la potenza, le ricchezze, la sapienza, la forza, l'onore, la gloria e la benedizione”.E tutte le creature che sono nel cielo e sulla terra e sotto la terra e quelle che sono nel mare, e tutte le cose contenute in essi, dicevano: “A Colui che siede sul trono e all'Agnello siano la benedizione, l'onore, la gloria e la forza nei secoli dei secoli” E i quattro esseri viventi dicevano “Amen!”E i ventiquattro anziani si prostrarono e adorarono Colui che vive nei secoli dei secoli.

L'Apertura dei primi sei sigilli

Come leggiamo nel libro “La speranza dell'Apocalisse”questi sette sigilli sono profezie di eventi dolorosi, e sono profezie relative al ritorno di Cristo. Ap 6:1,2

Poi vidi, quando l'Agnello aprì il primo dei sette sigilli, e udii una delle quattro creature viventi. che diceva come con voce di tuono: “Vieni e vedi” E io vidi, ed ecco un cavallo bianco; e colui che lo cavalcava aveva un arco; e gli fu data una corona, ed egli uscì fuori da vincitore e per vincere.”

Nel cavaliere col cavallo bianco è raffigurato Gesù, gli altri tre invece rappresentano, guerra,fame e peste, dovute al dilagare del peccato, ma che Dio si serve perché i peccatori possano ravvedersi.

Ap 6: 9,10 E quando ebbe aperto il quinto sigillo, io vidi sotto l'altare le anime di quelli che erano stati uccisi per la parola di Dio e per la testimonianza che avevano resa;; e gridarono con gran voce dicendo: “Fino a quando, o nostro Signore che sei santo e verace, non fai giudizio e non vendichi il nostro sangue su quelli che abitano sopra la terra? (11) E a ciascun d'essi fu data una veste bianca e fu loro detto che si riposassero ancora un po' di tempo, finché fosse completato il numero dei loro compagni e dei loro fratelli, che hanno da essere uccisi come loro.(12-17)Poi vidi quand' ebbe aperto il sesto sigillo: e si fece un gran terremoto; il sole diventò nero come un sacco di crine, e la luna diventò tutta come sangue; le stelle del cielo caddero sulla terra come quando un fico scosso da un forte vento lascia cadere i suoi fichi immaturi. Il cielo si ritirò come una pergamena che si arrotola; e ogni montagna e ogni isola furono rimosse dal loro luogo. E i re della terra e i grandi, i generali, i ricchi, i potenti e ogni schiavo e ogni uomo libero si nascosero nelle spelonche e tra le rocce dei monti. E dicevano ai monti e alle rocce: Cadeteci addosso, nascondeteci dalla presenza di Colui che siede sul trono e dall'ira dell'Agnello; perché è venuto il gran giorno della sua ira. Chi può resistere?” Per coloro che hanno accettato Gesù, avendo ricevuto il suggello di Dio, sarà un giorno fantastico, ma gli altri, dovranno accettare il giudizio finale. Tutto questo è stato preannunciato in Matteo 24, nel capitolo che riporta “il discorso profetico di Gesù”che consiglia: “Perciò, anche voi siate pronti; perché nell'ora che non pensate, il Figliuol dell'uomo verrà”.D

al libro di Doukhan, “Il grido del cielo”

L'apertura del sesto sigillo, rivela l'altro lato della giustizia di Dio. Nel quinto sigillo, il giudizio di Dio riguardava le vittime il cui sangue versato, grida vendetta sugli abitanti della terra(v10). Il giudizio ha come scopo la loro salvezza, protagonista il Dio della grazia che dona loro una veste bianca.... Il peccato dell'uomo produsse un effetto che è andato oltre la sua sfera e si ripercosse sull'universo intero(quello allora conosciuto). Questo principio biblico fu annunciato nell'istante della creazione. L'uomo e la natura sono creati dipendenti l'uno dall'altro. Ogni crimine morale o religioso ricade sull'ambiente. (La disubbidienza di Adamo portò spine e triboli. L'iniquità dei primi uomini portò il diluvio sulla terra. La perversità degli abitanti di Sodoma fece piovere fuoco e zolfo sulla città...ecc.) Le piante, gli animali, lo stesso tempo atmosferico, le montagne, le isole e soprattutto gli uomini e le donne, sono segnati dal peccato.




                                                              

Apocalisse di Giovanni



Il primo capitolo dell'Apocalisse, ci rivela delle verità fondamentali.

Cap1:1 “La rivelazione di Gesù Cristo che Dio gli ha data per mostrarci le cose che devono avvenire tra breve”

V3 “Beato chi legge e beati quelli che ascoltano le parole di questa profezia e fanno tesoro delle cose che vi sono scritte, perché il tempo è vicino”

V5 “Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra. A lui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, e ci ha fatti essere un regno e sacerdoti all'Iddio e Padre suo.”

V7 “Ecco Egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Si, Amen.”

V8 “Io sono l'alfa e l'omega, dice il Signore Dio, Colui che è, che era e che viene, l'Onnipotente.”

Ap 22:12 Ecco, io vengo presto e con me avrò la mia ricompensa da dare a ciascuno secondo le sue opere.”

La Grazia del Signore Gesù sia con tutti noi!


APOCALISSE DI GIOVANNI

Parola più abusata, che usata allo scopo per il quale era stata concepita.
Quando si parla di eventi apocalittici, nell'immaginario comune si intendono catastrofi, ma non è questo il vero significato di questa parola, bensì “RIVELAZIONE”.
E' proprio all'inizio del cap. che sta scritto: “La rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha data per mostrare ai suoi servitori le cose che debbono avvenire in breve; ed Egli l' ha fatta conoscere mandandola per mezzo del Suo angelo al Suo servitore Giovanni”
Dio ci rivela le Sue verità e desidera che noi ci impegnamo a scoprirle, Lui ci aiuterà a comprenderle, perchè è per questo che sono state scritte; specialmente per noi che stiamo vivendo gli ultimi tempi della storia.
Fin dai primi versetti troviamo un incoraggiamento a farlo con una promessa di benedizioni Apo 1:3 “Beato chi legge e beati coloro che ascoltano le parole di questa profezia e serbano le cose che che sono scritte in essa, poiché il tempo è vicino”.
Dobbiamo ringraziare il Signore che non ci ha lasciato all'oscuro dei Suoi progetti, dobbiamo metterli in primo piano nella nostra vita perchè Lui attraverso i chiodi inflitti nelle Sue mani ci assicura il perdono e la vita eterna.
Da parte nostra è imprescindibile il dovere di appartenergli; di non sottostare alle leggi che il mondo, anche religioso, ci offre e ci obbliga a seguire. Apo 14:12, 13 “qui è la costanza dei santi che osservano i comandamenti di Dio e la fede in Gesù. E udii una voce dal cielo che diceva: Scrivi: Beati i morti che da ora innanzi muoiono nel signore. Sì, dice lo Spirito, essendo che si riposano dalle loro fatiche, poiché le loro opere li seguono.”
Apo 12:12 “ Guai a voi o terra, o mare! Perchè il diavolo è disceso a voi con gran furore, sapendo di non aver che breve tempo.”
Apo 3:10 “Io ti guarderò dall'ora del cimento che ha da venire su tutto il mondo, per mettere alla prova quelli che abitano sulla terra, Io vengo tosto; tieni fermamente quello che hai, affinchè nessuno ti tolga la tua corona.
Mat 24 si collega con il libro dell' Apocalisse, ma con termini più chiari; è il discorso profetico de Gesù “E perchè l'iniquità sarà moltiplicata, la carità dei più si raffredderà. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato”.
Proprio perchè così complessa, l' Apocalisse, io non sono in grado di spiegarla ed in tempi così brevi ma consiglio di leggere “La speranza nell'Apocalisse” del pastore Saverio Scuccimarri ed “Il grido del cielo” di Jacques Doukhan.





Questo video è realizzato da Ruggiero Fiorella sulle profezie apocalittiche. I precedenti sono visibili sul sito www.vocedellaprofezia.org.

                                                                          

Il Suggello di Dio


Il popolo di Dio per dimostrarne l'appartenenza, dietro richiesta di Dio stesso,circoncideva

ogni figlio maschio, pochi giorni dopo la sua nascita. Con la venuta del Signore, e la conseguente evangelizzazione, fu istituito sempre per volontà di Dio, un battesimo di ravvedimento, il promotore fu Giovanni soprannominato il Battista. Ogni persona che si converte e vuole fare la Sua volontà, accetta di essere battezzato; “Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo” Con il Battesimo lo Spirito Santo discende sul catecumeno. Ef,1:13;4:30 “In Lui avendo creduto, avete ricevuto il Suggello dello Spirito Santo, che è stato promesso, il quale è pegno della vostra eredità-----ver30, Non contristate lo Spirito Santo di Dio con il quale siete stati suggellati per il giorno della redenzione”

Questo Suggello trova la sua manifestazione esteriore nell'obbedienza alla Sua legge .

Deut 6: 5-10 “ Tu amerai dunque l'Eterno, il tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l'anima tua e con tutte le tue forze. E questi comandamenti che oggi ti do ti staranno nel cuore; li inculcherai ai tuoi figliuoli, ne parlerai quando te ne starai seduto in casa tua, quando sarai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano come un segnale, ti saranno come frontali tra gli occhi, e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.”

Es 20 8-11 “Ricordati del giorno del Sabato per santificarlo..... poiché in 6 giorni l'Eterno fece i cieli e la terra e il mare e tutto ciò ch'è in essi, e si riposò il 7° giorno; perciò l'Eterno ha benedetto il giorno del riposo e lo ha SANTIFICATO”

L'osservanza del sabato ha un valore escatologico perché è fondato sulla storia della salvezza. Es 20:13 Badate bene di osservare i miei sabati, perché il sabato è un segno fra me e voi, per tutte le vostre generazioni, affinché conosciate che Io sono l'Eterno che vi SANTIFICA”

Es 20:18 “I figliuoli d' Israele quindi osserveranno il sabato celebrandolo di generazione in generazione come un patto eterno”

Ap 7:3 “Non danneggiate la terra, né il mare, né gli alberi, finché abbiamo segnato in fronte col suggello i servi dell'Iddio nostro”

Tutti coloro che Dio suggellerà non saranno colpiti dal giudizio di Dio.

video
                                   
1° APPELLO! (Il marchio della bestia)
 
 
 
 
Ap,14:6,7: “ Poi vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo, recante l'evangelo eterno per annunciarlo a quelli che abitano sulla terra, ad ogni nazione e tribù e lingua e popolo; e diceva con gran voce: “Temete Iddio e dategli gloria poiché l'ora del suo giudizio è venuta; e adorate Colui che ha fatto il cielo e la terra e il mare e le fonti delle acque”

Ap,14:12 “Quì è la costanza dei santi, che osservano i comandamenti di Dio e la fede in Gesù”
Gn 2:2; Es 20:8,10,11: “ Il timore dell'Eterno è il principio della sapienza”

L'osservanza del Sabato ha come base per l'uomo non solo l'accettazione della “LEGGE”, ma il riposo di Dio “Dio compì l'opera che aveva fatta, e si riposò il 7° giorno; perciò l'Eterno ha benedetto il giorno del riposo e lo ha santificato.” Il popolo di Dio, osservare il Sabato è riconoscere la salvezza escatologica offerta da Dio Is,58:13,14 “Se tu trattieni il piè per non VIOLARE IL SABATO facendo i tuoi affari nel mio santo giorno; se chiami il sabato una delizia........” Is,56:2; Is,66:23 (nella nuova terra) “E avverrà che, di novilunio in novilunio, e di sabato in sabato, ogni carne verrà a prostrarsi dinanzi a me, dice l'Eterno”
A causa di una crisi economica senza precedenti, i governi saranno chiamati a prendere delle decisioni drastiche per il bene comune. Il giorno del riposo avrà dunque un ruolo notevole. Lo stato deve stabilire delle leggi per il benessere dei cittadini. I sindacati insistono sul riposo settimanale. Sono sopratutto gli elementi umanitari, economici e sociali che evidenziano tale necessità.

Tutto ciò è molto giusto. Molti sanno che la domenica non è il settimo giorno, ma un giorno vale l'altro, ognuno fa ciò che più gli aggrada. Mt 15:8,9; (Mrc 7:7)Questo popolo mi onora con le labbra, ma il cuor loro è lontano da me. Invano mi rendono il loro culto, insegnando dottrine che son precetti d'uomini, voi lasciate il comandamento di Dio, state attaccati alla tradizione degli uomini” G. Jacquenet dichiara “ Né nella Scrittura né nella tradizione vi è traccia che Dio dichiari la sostituzione della domenica al sabato”. Le più grandi promesse o minacce di Dio erano fatte a coloro che osservano o violano i Suoi sabati. La domenica come tutte le credenze religiose fondate sulla tradizione è entrata nell'uso in modo impercettibile, è cresciuta a poco a poco finendo per usurpare il posto del “Sabato dell'Eterno”. Un tempo i giorni portavano il nome dei pianeti (ancora oggi Sunday); la domenica era dedicata al dio sole, Mitra, nasce il solstizio d'inverno, così il 25 di dicembre giorno di festa per gli adoratori di Mitra, che era chiamato Dominus, Signore ; divenne il giorno della nascita di Cristo.

Gesù era risorto di domenica l'accostamento è stato facile, commemorare il giorno della resurrezione. E' dunque la chiesa di Roma che ha operato la sostituzione del primo al settimo giorno della settimana ed è stato sanzionato dal papato. Il problema va inquadrato nell'Apostasia della chiesa. Dan,7:25 “e penserà di mutare i tempi e la legge” Al Concilio di Nicea nel 325, ma anche in quello di Laodicea nel 364. Il sabato dell'Eterno continua ad essere profanato e la domenica è sempre più pagana e profana Il sabato è di Dio, la domenica dell'uomo. Non è una differenza di numeri , primo o settimo ma di Autorità

Dal Dizionario di dottrine bibliche, alla voce Anticristo si legge:

“Quando il papa si sostituisce a Dio nega Dio, quando si proclama Pontefice Massimo nega il ministero unico di Cristo Sommo Sacerdote nel Santuario Celeste, quando si proclama Vicario di Cristo nega di fatto la precisa funzione dello Spirito Santo, vero vicario di Cristo su questa terra .(Gv 16:8,13).

Inoltre Roma papale innalzando Maria e i santi ha abbassato se non addirittura annullato in pratica, la figura di Cristo unico mediatore (1Tim,2:5)





 
                                                                                                       
 
 
L'Avversario

Is58:1 “ Grida a piena gola, non ti trattenere, alza la tua voce a guisa di tromba, e dichiara al mio popolo le sue trasgressioni”

Tra le diverse forme delle religioni antiche, quella che colpisce di più è forse l'adorazione dell'imperatore. E' questa abominazione che, con il cristianesimo, raggiunge il suo apogeo nell'anticristo. Se questa era una caratteristica del mondo pagano, successivamente è continuata

nella chiesa di Cristo. Quando il cristianesimo, con Costantino diventa la religione di stato, l'imperatore non rinuncia al titolo di Pontefice Massimo, capo religioso della città di Roma. Quando Costantino trasferì la sede a Costantinopoli, nel 329, lasciò al papa, vescovo di Roma,

titolo, credenziali e potere. “Pontifex Maximus.

Nelle scritture si legge, in espressioni di carattere escatologico, “l'avversario”. Questo sostantivo non determina particolarmente colui che si oppone a qualcuno, ma che si sostituisce e ne prende il posto.

2°Ts 2:3,4 “ Nessuno vi tragga in errore, in alcuna maniera; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia, e non sia manifestato l'uomo del peccato, il figliuol della perdizione, l'avversario, colui che s'innalzerà sopra tutto quel che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto di porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch'egli è Dio”

L'ambiente nel quale si muove il pensiero di Paolo è di stretto sapore religioso anche se per noi enigmatico. Giustamente Rigaux aggiunge: “Il pensiero dell'apostolo non è né politico, né storico, ma teologico ed escatologico”

AP,13:16 “E faceva sì che a tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e servi, fosse posto un marchio sulla mano destra o sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere se non chi avesse il marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intendimento conti il numero della bestia, poiché è numero d'uomo; e il suo numero è 666”

Non è chiaro chi sia questa bestia di cui parla l'Apocalisse, certamente un potere tra il politico ed il religioso che non si impone con la forza, ma seduce con la parola; non un potere dispotico, ma democratico. Il marchio della bestia è l'opposto del sigillo posto sulla fronte dei servitori di Dio.

Se il sigillo di Dio è l'osservanza alla Sua legge, compreso il 4° comandamento; in contrapposto,

come già avviene, il giorno del riposo sarà il 1° giorno cioè la domenica .

Ap,9:4 “E fu detto loro di non danneggiare la terra, né alcuna verdura, né albero alcuno, ma soltanto gli uomini che non aveano il suggello di Dio in fronte”

Il Papato approvò questo cambiamento. Non solo accettò questo mutamento, ma se ne attribuì l'onore come un segno di autorità. Di conseguenza per il cristiano sorge una domanda:

“E' preferibile ubbidire agli uomini anziché a Dio?



 

 


                                                                             






Apocalisse 5 “Il libro dell'avvenire sigillato





E vidi nella destra di Colui che sedeva sul trono,(Dio Padre)


un libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con sette suggelli. E vidi un angelo potente che bandiva con gran voce: Chi è degno di rompere i sigilli?....E io piangevo forte perché non era stato trovato nessuno degno di aprire e di leggere il libro, e neppure di guardarlo. Allora uno degli anziani mi disse: Non piangere; ecco, il Leone che è della tribù di Giuda, il Rampollo di Davide, (Gesù) ha vinto per aprire il libro e i suoi sette sigilli. Poi vidi , in mezzo al trono e alle quattro creature viventi in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, che pareva essere stato immolato, (Gesù) ed aveva sette corna,(simbolo di potenza) e sette occhi che sono i sette spiriti di Dio mandati per tutta la terra.(onnipresenza ed onniscenza; lo Spirito Santo)





Ed Egli venne e prese il libro dalla destra di Colui che sedeva sul trono. E quando ebbe preso il libro, i quattro esseri viventi e i ventiquattro anziani si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno una cetra e delle coppe d'oro piene di profumi, che sono le preghiere dei santi. (dei fedeli) E cantavano un nuovo cantico dicendo: “Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato ucciso, e col tuo sangue ci hai comprati a Dio da ogni tribù, lingua, popolo e nazione, e ci hai fatti re e sacerdoti per il nostro Dio, e regneremo sulla terra” Quindi vidi e udii la voce di molti angeli intorno al trono, agli esseri viventi e agli anziani; il loro numero era di miriadi di miriadi e di migliaia di migliaia, che dicevano a gran voce: “Degno è l'Agnello che è stato ucciso, di ricevere la potenza, le ricchezze, la sapienza, la forza, l'onore, la gloria e la benedizione”.E tutte le creature che sono nel cielo e sulla terra e sotto la terra e quelle che sono nel mare, e tutte le cose contenute in essi, dicevano: “A Colui che siede sul trono e all'Agnello siano la benedizione, l'onore, la gloria e la forza nei secoli dei secoli” E i quattro esseri viventi dicevano “Amen!”E i ventiquattro anziani si prostrarono e adorarono Colui che vive nei secoli dei secoli.





L'Apertura dei primi sei sigilli





Come leggiamo nel libro “La speranza dell'Apocalisse”questi sette sigilli sono profezie di eventi dolorosi, e sono profezie relative al ritorno di Cristo. Ap 6:1,2





Poi vidi, quando l'Agnello aprì il primo dei sette sigilli, e udii una delle quattro creature viventi. che diceva come con voce di tuono: “Vieni e vedi” E io vidi, ed ecco un cavallo bianco; e colui che lo cavalcava aveva un arco; e gli fu data una corona, ed egli uscì fuori da vincitore e per vincere.”





Nel cavaliere col cavallo bianco è raffigurato Gesù, gli altri tre invece rappresentano, guerra,fame e peste, dovute al dilagare del peccato, ma che Dio si serve perché i peccatori possano ravvedersi.





Ap 6: 9,10 E quando ebbe aperto il quinto sigillo, io vidi sotto l'altare le anime di quelli che erano stati uccisi per la parola di Dio e per la testimonianza che avevano resa;; e gridarono con gran voce dicendo: “Fino a quando, o nostro Signore che sei santo e verace, non fai giudizio e non vendichi il nostro sangue su quelli che abitano sopra la terra? (11) E a ciascun d'essi fu data una veste bianca e fu loro detto che si riposassero ancora un po' di tempo, finché fosse completato il numero dei loro compagni e dei loro fratelli, che hanno da essere uccisi come loro.(12-17)Poi vidi quand' ebbe aperto il sesto sigillo: e si fece un gran terremoto; il sole diventò nero come un sacco di crine, e la luna diventò tutta come sangue; le stelle del cielo caddero sulla terra come quando un fico scosso da un forte vento lascia cadere i suoi fichi immaturi. Il cielo si ritirò come una pergamena che si arrotola; e ogni montagna e ogni isola furono rimosse dal loro luogo. E i re della terra e i grandi, i generali, i ricchi, i potenti e ogni schiavo e ogni uomo libero si nascosero nelle spelonche e tra le rocce dei monti. E dicevano ai monti e alle rocce: Cadeteci addosso, nascondeteci dalla presenza di Colui che siede sul trono e dall'ira dell'Agnello; perché è venuto il gran giorno della sua ira. Chi può resistere?” Per coloro che hanno accettato Gesù, avendo ricevuto il suggello di Dio, sarà un giorno fantastico, ma gli altri, dovranno accettare il giudizio finale. Tutto questo è stato preannunciato in Matteo 24, nel capitolo che riporta “il discorso profetico di Gesù”che consiglia: “Perciò, anche voi siate pronti; perché nell'ora che non pensate, il Figliuol dell'uomo verrà”.D





al libro di Doukhan, “Il grido del cielo”





L'apertura del sesto sigillo, rivela l'altro lato della giustizia di Dio. Nel quinto sigillo, il giudizio di Dio riguardava le vittime il cui sangue versato, grida vendetta sugli abitanti della terra(v10). Il giudizio ha come scopo la loro salvezza, protagonista il Dio della grazia che dona loro una veste bianca.... Il peccato dell'uomo produsse un effetto che è andato oltre la sua sfera e si ripercosse sull'universo intero(quello allora conosciuto). Questo principio biblico fu annunciato nell'istante della creazione. L'uomo e la natura sono creati dipendenti l'uno dall'altro. Ogni crimine morale o religioso ricade sull'ambiente. (La disubbidienza di Adamo portò spine e triboli. L'iniquità dei primi uomini portò il diluvio sulla terra. La perversità degli abitanti di Sodoma fece piovere fuoco e zolfo sulla città...ecc.) Le piante, gli animali, lo stesso tempo atmosferico, le montagne, le isole e soprattutto gli uomini e le donne, sono segnati dal peccato.



Apertura del settimo sigillo



E quando l'agnello ebbe aperto il 7° sigillo (Ap cap 8), si fece silenzio nel cielo, per circa lo spazio di mezz'ora .


Per lo stesso riferimento giorno= anno, lo spazio di mezz'ora equivale ad una settimana (essendo ½ ora la 48° parte del giorno/


1 settimana= la 48° parte di un anno) Un angelo aveva in mano un turibolo d'oro pieno di profumi che unì alle preghiere dei santi ed il fumo dei profumi , unendosi alle preghiere dei santi salì dalla mano dell'angelo fino al cospetto di Dio. Poi l'angelo riempì il turibolo con il fuoco dell'altare e lo gettò sulla terra; ne seguirono tuoni e voci e lampi ed un terremoto. I sette angeli che erano davanti a Dio, avevano sette trombe. Ed al suono di ogni tromba accadono cataclismi sulla terra. Quando il 7° angelo suonò la sua tromba i 24 anziani seduti nel cospetto di Dio lo adorarono dicendo:


Noi ti ringraziamo, o Signore Iddio Onnipotente che sei e che eri, perché hai preso in mano il tuo potere, ed hai assunto il Regno.


Le nazioni si erano adirate, ma l'ira tua è giunta, ed è giunto il tempo di giudicare i morti, di dare il loro premio ai tuoi servitori i profeti, ed ai santi e a quelli che temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di distruggere quelli che distruggono la terra.”


E il tempio di Dio fu aperto nel cielo e si vide nel Suo tempio l'arca del Suo patto, e vi furono lampi e voci e tuoni e un terremoto ed una forte gragnuola.





L'Apocalisse poi si ricollega alle profezie di Daniele sul lungo periodo storico delle persecuzioni ai Cristiani dissidenti alla religione di Stato. Poi la caduta della Babilonia spirituale e la vittoria di Cristo.


Il giudizio, I nuovi cieli e la nuova terra.



                                                                                      

Tre angeli proclamano i giudizi di Dio (1°parte)


Messaggio dei tre angeli ( Ap,14:6-12)
Il messaggio dei tre angeli giunge a noi come una sinfonia escatologica.
1) Preludio:-- messaggio del primo angelo: Il vangelo eterno annunciato
al mondo intero con  l'appello ad adorare il Signore
2) 2° appello:-- descrive la perversione del potere politico-religioso
   paragonandolo a Babilonia. Mentre la donna vestita di vesti bianche
   rappresenta il popolo di Dio e la purezza della sua fede.
3) Finale: --il 3°angelo proclama la sconfitta di questo potere e mette in guardia:
"Se alcuno adora la bestia e la sua immagine e ne prende il marchio sulla
fronte o sulla mano, berrà anch'egli del vino dell'ira di Dio mesciuto puro
nel calice della Sua ira......(vers12)Quì è la costanza dei santi che osservano
i comandamenti di Dio e la fede in Gesù".

 
Il messaggio dei tre angeli, è la speranza della chiesa fedele nei secoli.

L'Apocalisse è un libro profetico , scritto intorno al 95 DC.da Giovanni, l'apostolo tanto amato da Gesù, mentre si trovava in esilio a Patmos (Grecia)
Non è un libro di facile comprensione, ermetico e descritto con simboli. Nella lingua greca, “apocalypto” significa appunto svelare un segreto. Uno stretto legame vi è tra Apocalisse e il libro di Daniele, per cui chi volesse approfondire l'argomento, per capire meglio dovrebbe tenere presente le profezie di Daniele. Molti vocaboli in comune, stesse visioni, stessi temi, stesso itinerario. Non ci occuperemo quindi di tutte le profezie di questo libro, ma più propriamente quelle che ci riguardano più da vicino, perchè molte profezie, confrontandole con la storia, si sono già avverate. Tratteremo Ap14: 6 e seguenti Il messaggio dei tre angeli collegato con il Santuario ed il Giudizio, la verità per gli ultimi giorni.
Giovanni scrive: l“Poi vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo, recante il vangelo eterno, per annunziarlo a quelli che abitano sulla terra, a ogni nazione, tribù, lingua e popolo” L'evangelo deve essere predicato a tutto il mondo Mt 24:14 Gesù dice “E questo vangelo del Regno sarà predicato per tutto il mondo, onde ne sia resa testimonianza a tutte le genti; e allora verrà la fine.” Ap14:7 “Temete Dio e dategli gloria, poiché l'ora del Suo giudizio è venuta”
Ogni giudizio prevede una fase investigativa, si esaminano i fatti prima di emettere una sentenza. Gesù, si trova ora nel Santuario Celeste per il giudizio investigativo.
Il primo angelo annuncia il suo messaggio, rivolto, come abbiamo detto, a tutti gli abitanti della terra. Il testo di questi messaggi è collocato in un tempo particolare: precede il ritorno di Gesù. Il più grande evento che possiamo attenderci. Questi sono messaggi di avvertimento e di rivelazione, di consolazione, ma anche di incitamento ad un'attenta lettura per noi oggi.
Il vers7 continua “E adorate Colui che ha fatto il cielo e la terra e il mare e le fonti delle acque.”
Come dobbiamo adorare il Creatore, e riconoscerlo come tale? Obbedendo alla Sua legge. L'angelo pone enfasi sulla creazione “Adorate Colui che ha fatto.....” Es31:13 Dio ci dice “Badate bene di osservare i miei sabati, perché il sabato è un segno fra me e voi per tutte le vostre generazioni, affinché conosciate che Io sono l'Eterno che vi santifica....V16 “I figliuoli d'Israele (Israele non come razza, ma come popolo di Dio) quindi osserveranno il sabato, celebrandolo di generazione in generazione come un patto perpetuo,....poiché in sei giorni l' Eterno fece i cieli e la terra e il settimo cessò di lavorare e si riposò” E' un privilegio sapere che Dio ha stabilito un giorno per stare con il Suo popolo. E' un appuntamento al quale non possiamo ne vogliamo mancare!!!!

                                                                                       


Il messaggio dei tre angeli (2° parte)

L'opera del giudizio investigativo e la cancellazione dei peccati avverranno prima del secondo avvento del Signore. Noi viviamo in un periodo storico importante,
Atti 3:19,20 “ Ravvedetevi dunque e convertitevi, onde i vostri peccati siano cancellati, affinché, vengano dalla presenza del Signore dei tempi di refrigerio e che Egli vi mandi il Cristo che vi è stato destinato, cioè, Gesù, che il cielo deve tenere accolto fino ai tempi della restaurazione di tutte le cose.” Ap 14:8 “ Poi un altro, un secondo angelo, seguì dicendo: Caduta, caduta,è Babilonia la grande, che ha fatto bere a tutte le nazioni del vino dell' ira della sua prostituzione.”
La caduta di Babilonia simboleggia il crollo dei falsi sistemi religiosi; che si saranno uniti in favore dell'imposizione della domenica, contro i fedeli osservatori della legge di Dio.
In Ap 17:5, Babilonia viene definita “ La madre delle prostitute e delle abominazioni della terra”.
Babilonia è stata, la nemica della verità e del popolo di Dio. Essa rappresenta in modo del tutto particolare le organizzazioni religiose apostate degli ultimi tempi; credere in Babilonia equivale a riporre la propria fede e la propria speranza nelle mani di potenze civili e religiose piuttosto che in quelle dell'unico Dio. Prima del ritorno di Cristo, alla luce di quanto detto, il messaggio del secondo angelo assume una grande rilevanza.
2°Tes2:1-4 “Or fratelli, circa la venuta del Signore nostro Gesù Cristo e il nostro incontro con lui, vi preghiamo di non lasciarvi così presto sconvolgere la mente, ne turbare sia da pretese ispirazioni, sia da discorsi, sia da qualche lettera data come nostra, come se il giorno del Signore fosse imminente. Nessuno vi tragga in errore in alcuna maniera; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figlio della perdizione, l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto ciò che è chiamato dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi nel tempio di Dio, mostrando se stesso e proclamandosi Dio.”
Collocarsi sul trono che appartiene di diritto solo a Dio equivale all'essere Babilonia.
Giovanni ci esorta ancora Ap14:9 “E un altro, un terzo angelo, tenne dietro a quelli dicendo con gran voce: “Se qualcuno adora la bestia e la sua immagine e ne prende il marchio sulla fronte e sulla mano, berrà anch'egli del vino dell'ira di Dio......V12 qui è la costanza dei santi che osservano i comandamenti di Dio, e la fede in Gesù. (Ap 17 La caduta di Babilonia la grande, visione della meretrice) Babilonia rappresenta la bestia, ossia la chiesa infedele, apostata
Ap18:4 “ Poi udii un'altra voce dal cielo che diceva: <Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate complici dei suoi peccati e non siate coinvolti nei suoi castighi...>”
Questa è la chiamata di Gesù a tutto il suo popolo fedele!
Che cosa risponderemo? Tu hai donato la tua vita per la nostra salvezza, noi siamo pronti a seguirti, nessuno ci amerà mai quanto te Signore, vieni a prenderci noi ti aspettiamo e ti saremo fedeli fino al tuo ritorno “Maranathà il Signore viene!”

 

                                                                                                                           




Promesse finali



Ap22:8- 22 “E io Giovanni, sono quello che udii e vidi queste cose. E quando le ebbi udite e vedute, mi prostrai per adorare ai piedi dell'angelo che mi aveva mostrate queste cose. Ma egli mi disse:

Guardati dal farlo; io sono tuo conservo e dei tuoi fratelli, i profeti, e di quelli che serbano le parole di questo libro. Adora Iddio.” poi mi disse: “Non suggellare le parole della profezia di questo libro, perché il tempo è vicino. Chi è ingiusto sia ingiusto ancora; chi è contaminato si contamini ancora; e chi è giusto pratichi ancora la giustizia e chi è santo si santifichi ancora. Ecco, io vengo tosto, e il mio premio è meco per rendere a ciascuno secondo che sarà l'opera sua. Io sono l'Alfa e l'Omega, il primo e l'ultimo, il principio e la fine. Beati coloro che lavano le loro vesti per aver diritto all'albero della vita e per entrare per le porte della città!............(ver20,21) Colui che attesta queste cose dice:



Si; vengo tosto! Amen! Vieni, Signor Gesù!

La grazia del Signor Gesù sia con tutti”







Conclusione



Molte restano le domande alle quali non troviamo risposte, molti i nodi da sciogliere, ma la chiave per aprire la nostra mente a tutti i perché che ci poniamo, oltre ad appagare ciò che razionalmente non riusciamo a comprendere è la “Sacra Scrittura”.

Ogni qualvolta rileggeremo un brano, troveremo qualcosa di nuovo che ci era sfuggito in precedenza. Come esseri umani siamo limitati, ma con l'aiuto della preghiera e dello Spirito Santo riusciremo a scoprire i tesori nascosti che ad una prima anche se attenta lettura dei testi, era sfuggito.

 
Parole di SAGGEZZA


                                                                                                           
Vuoi scambiare opinioni, esperienze, dubbi, approfondire concetti?